Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

F1 2010, uno sguardo ai nuovi regolamenti

Rifornimenti vietati dal 2010

Rifornimenti vietati dal 2010

Con le ultime decisioni della FIA cambieranno il sistema dei punteggi e il gruppo dei commissari sportivi. Non saranno le uniche novità per il 2010, ma fra tante proposte avanzate nei mesi scorsi, soprattutto in primavera durante le settimane calde ricche di scontri fra Mosley e i team, vediamo cosa alla fine cambierà da marzo.

Divieto dei rifornimenti
E’ probabilmente la modifica più importante perché influenzerà vari aspetti tecnici e di gestione del Gran Premio. Le nuove vetture saranno progettate per avere serbatoi più grandi, capaci di contenere benzina sufficiente per percorrere tutta la gara, quindi saranno probabilmente più tozze nella parte dietro il pilota e avranno un passo più ampio. I tecnici dovranno lavorare in maniera diversa sugli assetti per trovare il giusto compromesso non solo per le nuove dimensioni delle monoposto, ma anche per il fatto che la gara non si svilupperà più in 2 o 3 stint con un basso carico di benzina, ma comincerà con un carico molto elevato (circa 150kg) che andrà via via alleggerendosi; dovranno quindi trovare un buon bilanciamento valido sia a vettura pesante che leggera. Dal punto di vista strategico, inoltre, mentre prima si poteva giocare fra quantità di benzina da imbarcare e consumo dei pneumatici, adesso il quantitativo di carburante sarà una costante uguale per tutti e si potrà studiare solo il degrado delle gomme. Il pilota, da parte sua, dovrà riuscire a guidare una vettura il cui peso fra l’inizio e la fine della corsa sarà sensibilmente diverso, dovrà stare più attento all’usura dei pneumatici e dei freni che verranno maggiormente sollecitati soprattutto nelle fasi iniziali della gara; un fattore, quest’ultimo, che in piste notoriamente severe sugli impianti frenanti come Montreal e Melbourne, potrebbe diventare determinante. Infine, da non dimenticare, la lunghezza dei pit-stop non sarà più determinata dalla quantità di benzina messa a bordo che dava la possibilità ai meccanici di cambiare le gomme con relativa tranquillità; adesso la velocità e l’efficienza del loro lavoro torneranno ad essere determinanti come fino alla fine del 1993.

KERS
Voluto da molti, alla fine usato da pochi, il Kers non scompare dal regolamento FIA 2010, ma la FOTA ha deciso all’unisono di non portarlo in pista per la prossima stagione dopo il flop del 2009; rimane comunque una porta aperta ad un suo rientro per il 2011.

Peso minimo
Sale da 605kg a 620kg. La regola era stata studiata e approvata in funzione di un utilizzo del Kers il cui peso penalizzava i piloti più alti e robusti, cancellando lo svantaggio che avevano nei confronti dei loro colleghi più leggeri. Con l’uscita di scena del Kers però, le macchine si ritroveranno ad avere 15 kg in più di zavorra, a tutto vantaggio dello studio sulla distribuzione dei pesi.

Termocoperte e mescole
In un primo momento era stato deciso per la messa al bando delle termocoperte, tanto che la Bridgestone già nel corso dei test invernali in preparazione della stagione 2009 aveva iniziato a fare degli esperimenti con nuovi pneumatici in grado di entrare velocemente in temperatura senza essere preriscaldati. Complice probabilmente il ritiro del colosso giapponese, tali esperimenti verranno chiusi in soffitta e continueremo a vedere le termocoperte. Rimane invariata la regola che prevede l’uso obbligatorio delle due tipologie di gomme slick durante la gara, mentre tutte le mescole, a causa del divieto dei rifornimenti, dovrebbero essere più dure.

Pneumatici anteriori
Dal prossimo anno saranno più stretti di 25mm, passando dagli attuali 270mm ai futuri 245mm. Vedremo quindi una differenza più marcata fra anteriori e posteriori, come eravamo abituati a vedere fino al 1997. Tecnicamente le vetture perderanno parte grip all’anteriore (che verrà presto ritrovato, come la storia insegna), mentre sarà da verificare l’impatto delle turbolenze generate dai nuovi pneumatici sulla parte anteriore delle monoposto. Gli ingegneri lavoreranno sull’ala anteriore e, dove possibile, sui deviatori di flusso ai lati del telaio.

Copricerchi
Visti per la prima volta qualche anno fa, prima sui cerchi posteriori poi su quelli anteriori, saranno vietati dalla prossima stagione. Rivedremo i cerchi liberi e non vedremo più pistole pneumatiche modificate durante i pitstop.

Punteggio
Cambia il sistema di punteggio che adesso assomiglia di più a quello del motomondiale. Per alcuni versi, però, non cambia molto. Da quando era stata introdotta l’ultima modifica al punteggio nel 2003 che premiava i primi otto classificati regalando al secondo 8 punti, era stato spesso puntato il dito sulla poca differenza fra il primo e secondo posto, che non premiava molto la vittoria e portava, sulla carta, i piloti ad accontentarsi di un seconda piazza piuttosto che rischiare per la prima posizione. Col nuovo sistema, questo di fatto non cambia, in quanto i punteggi fra i primi tre sono proporzionati esattamente come prima: provate a moltiplicare per 2,5… Discorso differente se parliamo di rapporto fra i primi e gli altri fra i quali il divario si fa davvero pesante. E pesante sarà lo zero in classifica di un pilota in lizza per titolo se il suo diretto avversario andrà a vincere. Dispiace, però, che non sia stata presa in considerazione la possibilità di dare dei punti all’autore della pole position e del giro più veloce in gara: sarebbero stati dei buoni incentivi alla prestazione.

Qualifiche
Con l’aumento delle vetture presenti (26), il sistema di qualifiche rimarrà identico: tre sessioni ad eliminazione, ma nelle prime due verranno eliminati 8 piloti invece di 5. Nell’ultima saranno sempre in 10 a contendersi la pole, ma non esistendo più i rifornimenti in gara, anche il Q3 verrà disputato a serbatoi scarichi e verranno quindi premiati il pilota e la macchina più veloci; finalmente il risultato non sarà più condizionato dai carichi di benzina in funzione della gara.

Commissari sportivi
Saranno quattro, affiancati da un rappresentate dell’autorità sportiva nazionale e da un ex-pilota di Formula 1 che avrà il compito di giudicare eventuali responsabilità in caso di incidenti in gara. Il gruppo di commissari sarà fisso, ma chi ne farà parte?

Scritto da: British grenadier

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , , , , , ,

I commenti sono chiusi.