Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

F1 a Valencia: complotto o film già visto?

La Safety Car davanti alle due Ferrari

La Safety Car davanti alle due Ferrari

Vettel torna alla vittoria dopo un lungo digiuno: tante occasioni perse e brutti errori commessi. Esce dal tunnell in cui era entrato nel quale vedeva il suo compagno di squadra più veloce sia in gara che in qualifica. Ma il leitmotiv del Gran Premio è un altro, scaturito dallo spettacolare incidente di Mark Webber; una serie di eventi da analizzare con la dovuta attenzione.

Il vero favorito
A differenza di quanto possa sembrare dai risultati della gara e da quanto dichiarato dai protagonisti a motori spenti, colui che trae maggior beneficio dall’uscita “casuale” della safety car non è Lewis Hamilton, ma Sebastian Vettel: il tedesco infatti non si trova nella situazione di non sapere se può passare o no la safety car perché quando questa esce dalla pitlane lui è già passato; può così mantenere la leadership senza correre il rischio di essere sanzionato.

Hamilton e le Ferrari
Lewis Hamilton che seguiva Vettel si ritrova invece la safety car al suo fianco e non sa cosa fare. Nell’incertezza, disorientato forse dalle righe e dalle mancate istruzioni dai box, decide di passare commettendo l’infrazione incriminata.
Le due Ferrari non hanno titubanze e come da regolamento non possono fare altro che accodarsi alla safety car, sapendo già che perderanno diverse posizioni visto che dietro di loro sono quasi tutti rientrati ai box. La loro non è altro che una posizione sfortunata: semplicemente si sono trovati al posto sbagliato al momento sbagliato.

Il ritardo nelle comunicazioni
Hamilton riceve il drive through molti giri dopo aver commesso l’infrazione, quando ha consolidato la sua seconda posizione con un distacco sufficiente da permettergli di non scivolare dietro Kobayashi dopo i suo rientro forzato in pitlane.
Ancora più lente sono le indagini riguardanti molti piloti che sarebbero rientrati ai box troppo velocemente rispetto a quanto consentito in regime di safety car. Addirittura le decisioni in merito vengono posticipate a dopo la fine del Gran Premio, quando viene scelta la soluzione di dare 5″ di penalità; una novità. In entrambi i casi non era difficile verificare velocemente la correttezza o meno di quanto fatto dai concorrenti in pista.

Il “tappo” inesistente
Secondo molti Kobayashi sarebbe colpevole di aver fatto il tappo in terza posizione, permettendo così a Hamilton di scappare via garantendosi la seconda posizione con o senza drive through. Peccato che dietro di sé non abbia formato alcun trenino, tanto è vero che Button non riusciva a stargli in scia; inoltre il giapponese rientra ai box a pochi giri dalla fine e si ritova dietro ad Alonso, dimostrando di aver guadagnato tempo sufficiente per effettuare un pit stop ritrovandosi poi dietro l’idolo locale e non di aver tenuto dietro di sé sei macchine più veloci. Inutile cercare capri espiatori.

La posizione finale dei due ferraristi
Tutti alla Ferrari si lamentano per l’occasione persa quando il podio era un obiettivo più che realistico. Ma dal momento in cui la gara riparte, i due piloti della Ferrari non riescono a raddrizzare la loro domenica. Massa, per esempio, rimane dietro a Liuzzi, la cui Force India non ha mostrato nulla di buono in qualifica, e Rosberg, in crisi di freni con una monoposto non competitiva per tutto il weekend. Alonso da parte sua non riesce a sbarazzarsi di Buemi, neanche quando lo svizzero della Toro Rosso sbaglia in frenata offrendo un paio di ghiotte occasioni allo spagnolo. Inoltre ha davanti Sutil e Barrichello, vetture che la Ferrari può tenersi dietro senza problemi. I sorpassi sono impossibili? Può darsi ma proviamo a guardare quanto fatto da Kobayashi: aveva le gomme morbide e nuove è vero, ma aveva pur sempre una Sauber che ricordiamo a volte fatica a passare il Q1, dimostrando che con un po’ di impegno il sorpasso era possibile. Nel caso dei due piloti di Maranello, bisogna dirlo, non c’è nemmeno il tentativo.

Ricapitolando abbiamo un pilota che supera la safety car e che non risente della penalizzazione ricevuta in ritardo; altri piloti vengono solamente sanzionati con 5″ aggiuntivi sul tempo finale. Mentre chi punta il dito sul sistema non riesce a recuperare durante tutta la gara. Ma c’è veramente da stupirsi per tutto questo? C’è da gridare al complotto?

La cricca inglese
Chi segue la Formula 1 da un po’ anni sa bene che le persone che ricoprono i ruoli chiave all’interno della Formula 1 sono sempre le stesse. Solo quest’anno è cambiato il presidente della FIA, ma ad esempio chi dirige le operazioni in pista è sempre lui: Charlie Withing, punto di riferimento per tutti, sempre in mezzo quando ci sono grane in pista, ma mai troppo spesso citato per nome e cognome, nascosto da un più generico “i commissari”. Fu lui per esempio a dire via radio alla McLaren che la famosa manovra di Hamilton alla chinane di Spa nel 2008 era regolare perché aveva lasciato sfilare Raikkonen; per poi rimangiarsi tutto qualche ora dopo e tirare fuori una nuova regola sconosciuta ai più, dando vita ad un’altra delle pagine da dimenticare della Formula 1. Sono sempre le stesse persone che hanno perdonato molto, troppo a Lewis Hamilton dal 2007 a oggi, ma altrettanto hanno fatto con Michael Schumacher quando il tedesco vinceva con la Ferrari. Chi non ricorda le chicane tagliate e mai sanzionate, le partenze sopra le righe sempre concesse, gli incidenti in cui venivano punite le vittime che si chiamavano ad esempio Montoya con la motiviazione pittoresca di “non aver evitato l’incidente” o “perché la Williams ne avrebbe tratto un beneficio nella classifica costruttori”. Per non parlare dei regolamenti tecnici stravolti a mondiale iniziato o quasi finito. Si critica la lentezza nel giuducare la manovra di Hamilton: la stessa lentezza nel decidere (ci vollero la bellezza di sei-ore-sei) se la temperatura della benzina delle Williams e delle BMW era troppo bassa o no, nel famoso Gran Premio del Brasile del 2007 che regalò il mondiale a Kimi Raikkonen; eppure non ci vuole molto a stabilire la temperatura di un liquido leggendo quanto indicato da un termometro. Ma a quei tempi nessuno parlava di complotti o di gare falsate, né tantomeno Montezemolo si lanciava in dichiarazioni infuocate.

La verità
La safety car non esiste da quest’anno ma non ci sono mai stati problemi nel suo uso. Le regole in materia erano chiare e semplici; i problemi sono iniziati dal momento in cui hanno deciso di fare qualche variazione: se la safety car apre la pitlane o no, se si può passare e quando al suo rientro, se i doppiati possono riprendersi il giro, ecc. Questo segue la tendenza intrapresa da anni che è quella di scrivere regolamenti sempre più complicati, sempre più difficili da interpretare e allo stesso tempo pieni di zone grige che aprono a lotte intestine. Regolamenti che per essere compresi vengono letti contemporaneamente da almeno tre avvocati.
Non è una novità, ma gare come quella di Valencia dimostrano come sia fragile il sistema Formula 1 e come sia urgente una riforma totale, sia dal punto di vista tecnico che sportivo. Servono regole tecniche semplici ed aperte affinché i team possano portare in pista monoposto che veramente rappresentino il top dell’automobilismo sportivo, e non vetture da monomarca mascherato. Serve un regolamento sportivo più semplice, che non dia spazio ad interpretazioni che possono creare situazioni spiacevoli, che mettono in pericolo la credibilità di questo sport. Servono persone nuove nei posti chiave in maniera tale che la Formula 1 smetta di essere un prodotto da mostrare in giro per il mondo solo per movimentare del denaro. Altrimenti continueranno ad esserci altre Valencia come già se ne sono viste.

Scritto da: British grenadier

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , ,

80 Commenti

  1. Non preoccupatevi dei regolamenti.. tanto dall’anno prossima sarà la FIA a far vincere direttamente chi vuole… come?!?! Beh basterà dare le gomme giuste (o sbagliate) ai relativi piloti…

    La Pirelli l’ha detto ufficialmente: ci saranno gomme spettacolo…

    Cioè?!?!? Gomme buone o cattive secondo le decisioni FIA…

  2. Ottimo! Finalmente basta commenti a caldo…

    Tutto giusto!

    a parte il tappo inesistente di cui button non aveva di che preoccuparsi perchè non era attaccato e kobayashi avrebbe comunque dovuto fermarsi… quindi no sorpassi, no vicinanze pericolose per i surriscaldamenti e no problem

    e c’è da sottolineare che il famigerato buemi che non è riuscito a passare alonso è stato passato in gara da sutil (force india)!

  3. … e comunque se qualcuno lo trova o lo ha o che potrebbe farmi avere il video della camera car di Massa al momento dell’incidente di Webber? mi piacerebbe vedere la lucetta safety car quando l’ha vista lui dov’era precisamente…

  4. si però almeno a button un pò kobayashi lo rallentava per forza, perchè appena il giapponese si è fermato button ha fatto il giro record, a pista libera sarebbe di sicuro arrivato secondo
    comunque è una vergogna che ci continuino a proporre piste come questa e poi vogliono togliere piste bellissime come monza!

  5. Siamo sicuri che il rallentamento di Hamilton fosse dovuto a indecisione ? Non potrebbe averlo fatto per rallentare le due Ferrari PRIMA che le Safety Car uscissero dalla corsia dei box e quindi OBBLIGANDO le Ferrari ad accodarsi ?

  6. ohhh finalmente un articolo equilibrato.

    eh finalmente qualcuno si accorge che Vettel è il primo favorito dalla seqfty car!!

    • Che Vettel fosse il Primo favorito, la aveva detto Jean Alesi venti minuti dopo la gara ma tanto è solo un commentatore di parte giusto??
      Quello che fa infuriare è la mancanza totale e continua di LEALTA’ SPORTIVA da parte di Ciccobello nero, e ancor di più le sue scuse del caxxo Non me ne sono Accorto, non ho visto, non sapevo dove fosse la linea, ecc. ma che sei un Pilota di F1 oppure un Tranviere???

  7. articolo molto bello che riassume molti dei nostri commenti nei giorni scorsi

    i commissari di gara hanno distrutto una gara…

    FORZA FERRARI

  8. Ragazzi…
    è vero che le Ferrari quest’anno non sono al top, e questo lo sappiamo.
    Ma è anche vero che Alonso al primo giro del rientro delle Sefety Car ha seperato immediatamente Hunkelberg. E’ stato molto dietro a Buemi, è vero, ma stava mettendo la pressione giusta ed è stato invitato alla calma dal suo ingegnere perché in Ferrari erano sicuri che sarebbero arrivate penalizzazioni più consistenti per qui nove piloti. Poi la pista è quella che è…Button con una McLaren non riusciva nemmeno ad impensierire Kobayashi che aveva le gomme dure alla frutta visto cha ha fatto quasi tutta una gara.
    Quindi l’articolo mi sembra molto equilibrato, mettendo in luce quanto accaduto negli ultimi anni da entrambe le parti, ma bisogna fare una attenta analisi dei risultati.
    Ruguardo all’atteggiamento di Hamilton: non penso che sia stato indeciso, ma penso che abbia agito con assoluta malizia; abbia tenporeggiato, facendo centinaia di metri appaiato alla Sefety Car e sorpassadola proprio agli ultime metri prima della fine della riga bianca, proprio per non dare la possibilità ai ferraristi di superarla anch’essa….Le immagina parlano chiaro. Se fosse stato tanto indeciso a fine gara non avrebbe detto di non ricordare niente. Queste cose così eclatanti non si dimenticano, a maggior ragione se stai andando molto lento come nel suo caso…
    E’ proprio questo che puzza di tutta la vicenda…Io la vedo in questo modo.
    Poi concordo con tutto quanto detto.
    Vettel è stato il favorito, anche se ha dimostrato di meritare la vittoria.
    Hamilton & co non saprei………

    Da ferrarista ho ercato di essere il più imparziale possibile, limitandomi a fare delle analisi leggermente diverse da quelle che si sono lette in giro

    Phil

    • Oddio avete trovato un altro appiglio a cui appendervi pur di esser contro… Adesso Hamilton in una situazione che si stenta a capire ancora ora averbbe rallentato per tenere dietro le ferrari apposta… beh mi sa il massimo eh…

      • Premetto che non sono un tifoso nè di Hamilton nè della compagine Alonso&Massa. Tifo Kubica e simpatizzo Button percui posso parlare da esterno ai fatti. Hamilton ha agito da vincente, da furbetto certo ma i tonti non vincono nulla, i tonti non approfittano delle scappatoie e finiscono dietro a lamentarsi, invece chi ha fame sfrutta qualsiasi cosa che capiti a tiro pur di stare davanti. Mi ricordo un certo Schumacher… Che poi andasse punito prima non c’è dubbio. Alla Ferrari e ai suoi piloti invece è andata male, sarà per la prossima volta, però se pensassero a fare macchine migliori e i piloti a non farsi superare da Kobayashi sarebbe meglio, Alonso mi sembra il fantasma del campione che era, senza grinta ed errori a valanghe.

  9. Sono contento che siano finiti (spero…) gli starnazzi dell’ “anti-quello” e “anti-quell’altro” “a priori”…
    L’articolo rispecchia in pieno quello che penso delle vicende dell’ultimo gp e della situazione dell’attuale F1…
    …lo dico sempre che è il miglior sito di F1 ^_*

  10. Perfettamente d’accordo con British grenadier: aggiungo che se avessero voluto favorire Hamilton non gli avrebbero piazzato di certo la safety car davanti….
    A me più che ‘complottari’ mi sembrano degli incapaci.
    Se il prossimo anno introducono gli alettoni posteriori ad incidenza variabile ma solo a favore del pilota che segue a meno di 1 secondo bla, bla, bla…….SMETTO DI SEGUIRE LA F1.
    La Ferrari: mi auspicherei meno lamentele e più prestazioni….se Suttil riesce a passare Buemi dovrebbe esserne capace anche Alonso, o no?

    • …daccordissimo!!!

    • gia…

    • Su Vettel siamo tutti d’accordo, alla fin fine quell’ingresso della S.C. ha favorito sopratutto lui.

      Il discorso su Hamilton è un’altro , quantomeno da parte mia.
      Di certo ha fatto il “furbetto” ha violato una regola (mentre Vettel al massimo ha tratto beneficio da una caxxata del direttore di gara (il caro Charlie), che ha cannato con l’ordine per l’ingresso della S.C.), Sapendolo? Ignorandola? Non lo so, forse si, forse no, forse l’errore è dei box, di certo ne ha tratto un vantaggio.

      Ma l’errore è dei giudici di gara! non si può aspettare circa mezz’ora per decidere se l’infrazione c’è stata o meno, hanno le immagini, di tutte le auto, di tutte le telecamere, di ogni televisione, possibile che quello che tutti hanno compreso in 10″ vedendo le immagini, per loro fosse talmente dubbio da dover decretare circa 30′ dopo che era infrazione?
      Idem con la questione della velocità in più in regime di S.C.!
      Dopo la fine della gara hanno deciso che l’infrazione c’era, ed è stata punita con soli 5 miseri secondi!
      Da sempre la punizione minima era l’equivalente di un passaggio per la corsia box, qui invece…

      Insomma una direzione di gara a dir poco scandalosa.

      Di certo il Tedesco ha fatto le sue furbate, ma almeno quelle erano imputabili al tedescone, qui invece ci sono degli orrori decisionali da parte di chi il regolamento lo dovrebbe conoscere almeno un po’, o quantomeno dovrebbe averlo sempre sotto mano per valutarlo.

  11. Ho qualcosa da dire:
    Kovalainen potrebbe essere stato corrotto per fare entrare la SC come fece Piquet?
    Riguardatevi la frenata dal video dove riprendeva piuttosto da una visuale alta.
    Poi: Per me Hamilton non truffa. Lui è uno dei migliori piloti, ma è favorito da dietro alle quinte.
    La Mclaren sta facendo alleanze di ogni tipo perchè il mondiale costruttori l’hanno sognato, per un decennio intero, e questo perchè? Mancano i soldi.
    Ormai è solo questione di soldi che girano.
    Il mercato vuole Hamilton e la Mclaren come vincitori, e ne abbiamo avuto una dimostrazione.
    Ma non è colpa di Hamilton se gli danno dei comandi di scuderia, come con Trulli quando fu.
    Lui si sporca le mani, ma è la testa la causa.
    Dietro a tutte queste vicende schifose ci sono le stesse persone della spy story del 2′007.
    Quello che mi chiedo è: Perchè le combinano tutti quelli della Mclaren e perchè vengono favoriti solo loro in questo periodo?
    Prima ogni tanto veniva favorito Schumacher, ma era roba da poco.
    Non ho mai visto Schumacher sorpassare la Safety Car!
    Anche se una volta ha scontato la penalità ai box all’ultimo giro: C’era una regola che lo vietava?
    Di cose clamorose ne ha fatte molto meno Schumacher, e me lo ricordo bene.
    Schumacher era il migliore con la migliore auto, ed era contro il mercato: Perchè avrebbero dovuto cambiare regolamento nel 2003,2005,2006 (introduzione del v8)?
    Ricordatevi il v10 Ferrari: Infallibile.
    Tutti si erano rotti le balle di Schumacher, e alla fine ce l’hanno fatta a farlo perdere: Nel 2005 le sue gomme Bridgestone erano PENOSE. Nel 2006 senza il V10, il V8 Ferrari appena nato era mediocre.
    Poi, continuiamo, nel 2007 la Mclaren sa ogni segreto che con gli anni la Ferrari ha custodito, e ha addirittura sabotato le F2007.
    2008: Motori congelati, Hamilton vince per un soffio, ma da quanto tempo! Intanto ricordate la gru che mentre c’era fuori metà schieramento, Hamilton insabbiato lo tirano fuori. (l’unico)
    2009: I diffusori,kers e tutte quelle fregature favoriscono Brawn, un’altro pupillo della Fia (che adesso è in crisi)
    2010: Mclaren lavora con la Fia: partoriscono l’f-duct La Mclaren corre le prime tre gare con un auto irregolare, Hamilton ne combina di tutti i colori, fra zig zag e vuoti di benzina, si mette a sorpassare pure le safety car, ma i Whiting è ubriaco e si deve guardare 30 minuti il video prima di penalizzare hamilton di 15 secondi.

    Quale sarà la prossima?

    • Sul Kaiser non m’esprimo, da sempre è stato il re della regola sfruttata al limite del lecito, non l’ho mai negato, ma non dimentichiamoci che di favori ne ha ricevuti pure lui, e di conseguenza le rosse.

      Ma sull’idea di un Kovalainen che provochi un incidente apposta…..
      No!

      Non ho nemmeno mai creduto all’idea che piquet jr avesse intenzionalmente sbattuto contro le barriere, la sua è stata una ripicca, ed è stato persino decretato dai tribunali regolari che non sussistono prove che confermino questa teoria.

      Nessun pilota, a mio parere, intenzionalmente causerebbe un incidente in pista per denaro, sopratutto visti i rischi che corrono. Come si potrebbe sentire un pilota che per denaro ha causato un incidente mortale?

      No quest’idea è assurda, a dir poco inconcepibile!

    • mamma mia che ragionamenti… io mi chiedo se hai per caso dimenticato il cervello sul comodino ieri sera….

      • Mi sa che invece della lampadina ha dato corrente al cervello…hahaha

    • Charlie Whiting è STATO, E’ E SARA’ LA QUINTA COLONNA, L’ INFILTRATO, IL DOPPIOGIOCHISTA PRO MCLAREN o meglio MCLADREN, QUINDI ALLA FIA DICO:
      ORA BASTA, O VIA LUI O JEAN TODT, LA FORMULA UNO DI SPORT NON HA PIU’ NIENTE, E’ STATA DISTRUTTA, QUINDI SI COMINCI A MANDAR VIA IL SIGNOR CHARLIE ( BROWN ) CHE E’ IL PRINCIPALE RESPONSABILE ( PAGATO DALLA MCLAREN ) DELLA COSA.. LO VOGLIO IN PENSIONE, E’ UNA PERSONA VERAMENTE DI M…A, DETTO A VOLERGLI BENE.
      SOCRAT3, PIENAMENTE IN ACCORDO CON IL TUO PENSIERO.

    • e ai bambini? nessuno pensa ai bambini?

      • Giampiero ma che ti sei fumato????
        quali bambini???????????
        Cambia Pusher!!!!!!

  12. Hamilton, il “furbetto” della F1Valencia ultimo episodio della “saga”
    Grande talento col volante in mano, ma anche una furbizia fuori dal comune. Lewis Hamilton è finito nell’occhio del ciclone per una sorpasso azzardato: quello alla safety-car del GP d’Europa. Ma non è la prima volta che l’inglese si macchia di… giallo. Giallo come le tre ammonizioni rimediate quest’anno (Cina, Malesia e Canada), che si aggiungono al taglio di chicane di Spa 2008 e all’auto-rallentamento ai danni di Trulli di Melbourne 2009.

    Dal suo esordio in Formula 1, anno 2007, il “colored” di Stevenage ne ha combinate un po’ di tutti i generi. Dopo un esordio scoppiettante, ma anche privo di particolari scorrettezze, nel 2008 il grande duello con la Ferrari di Massa si conclude a favore del “suddito”, anche grazie a quanto accade nel GP del Belgio. In una corsa fradicia, Hamilton taglia la variante prima del traguardo, ma per non farsi penalizzare, rallenta e, come da regolamento, lascia passare Raikkonen. Solo per pochi metri, però, visto che dopo aver leggermente alzato il piede, si riporta davanti al finnico nello stesso rettilineo: penalizzazione di 25″ e declassamento al terzo posto, ma nel frattempo Kimi era andato a sbattere, dicendo addio a punti pesantissimi nella corsa al titolo.

    Ancor più grave l’episodio che ha visto protagonista il pilota McLaren nel GP d’Australia dello scorso anno. Durante un regime di safety-car Trulli esce leggermente di pista e fa così passare Hamilton, che, di contro, finge di farsi risuperare poco dopo dall’italiano. Regole alla mano, però, la manovra di Jarno è da punire visto che, in caso di errore, un pilota non può riprendersi la posizione. Il fatto è che successivamente la Fia scopre un dialogo via radio in cui il direttore tecnico di Woking, Martin Witmarsh, dice ad Hamilton di modificare la sua versione dei fatti sulla comunicazione con i box, negando che gli sia stato suggerito di lasciare passare Trulli. Risultato: pilota e squadra fuori classifica e sotto osservazione per il resto del campionato, con minaccia di squalifica per tre gran premi in caso di recidiva.

    Il resto del 2009, così, scorre via liscio e si arriva a questa stagione, quella dell’introduzione dei cartellini gialli in caso di comportamento “non idoneo”. Si comincia con il duello nella pit-lane con Vettel a Shanghai, si prosegue con lo zig-zag di Sepang ai danni di Petrov e si chiude con la mossa di Montreal, dove Hamilton è colpevole di aver spento il motore subito dopo il traguardo delle qualifiche e di aver spinto la monoposto per evitare di consumare ulteriore benzina.

    Fino al fattaccio di Valencia, dove, aiutato dalla lentezza decisionale dei commissari di gara, digerisce un drive-trhough definito sacrosanto senza veder modificato l’esito della sua gara. Tradotto: la fortuna aiuta gli audaci, ma forse anche i “furbetti”. Il tutto in attesa della prossima puntata.

    …BASTA CON QUESTO SCEMPIO…vorrei vedere Hamilton squalificato!

    • La netiquette (ma anche l’onesta e il buonsenso) vorrebbe che quando fai il copia-incolla di cose scritte da altri, citassi la fonte, in questo caso Radio Jukebox:
      http://www.radiojukebox.info/area_news/sport/2010-06-28_11-36-29-hamilton%2c_il_%26quot%3bfurbetto%26quot%3b_della_f1
      Oltretutto il contenuto del sito è anche coperto da copyright (vedi infondo alla pagina) e non da licenza creative commons…

    • Mi correggo, probabilmente l’originale è di Gasparri su mediaset:
      http://www.sportmediaset.mediaset.it/formula1/articoli/articolo35973.shtml
      …ciò non toglie che quando non si scrive una cosa di proprio pugno occorra, per correttezza, citare la fonte…

      • l’articolo è stato scritto da Gasparri, non era una copia, ma solo una conferma di tutto quello che in questi giorni si sta discutendo, per quanto riguarda il copyright questo articolo non l’aveva, e comunque non avevo neanche pensato di prendermi i meriti di quello scritto sopra dal giornalista Gasparri, dato che le cose che sono scritte nell’articolo le stiamo trattando da molto tempo, era solo per far zittire tutti quelli che pensano che un pilota, Lewis Hamilton, si possa permettere tutto quello che gli passa per la testa e rimanere sempre impunito, in più avere anche i meriti da alcuni utenti che pensano che una persona scorretta come Hamilton, possa essere il futuro della formula uno. E’ vergognoso!

      • A scanso di equivoci: il mio non è un attacco personale verso di te, sia chiaro, ma solo un’osservazione sulla (non)correttezza del gesto dell’aver fatto un copia-incolla di un articolo senza averne citato la fonte.
        Se non citi la fonte uno non può sapere che non l’hai scritto tu il pezzo (ma qualcun’altro), e quindi automaticamente (anche se ciò non fosse nelle tue intenzioni) te ne prendersti i meriti (o demeriti, se ce ne fossero).

        Comunque l’articolo il copyright ce l’ha eccome: guarda infondo alla pagina del sito mediaset – tutto il sito ed il suo conteuto è protetto da copyright (che non permetterebbe nemmeno il copia-incolla con la citazione della fonte, ma solo il poterlo linkare…).

        Poi fai come ti pare, infondo a me non interessa, il commento è tuo ed il sito non è certo mio…

        …se il sito fosse mio eliminerei il contenuto del tuo commento (la parte nella quale hai fatto il copia-incolla – cioè tutto tranne l’ultima riga) e lo sostituirei con il link alla pagina dell’articolo originale… non che quelli di mediaset si mettano a spulciare i blog per vedere chi arraffa i loro contenuti e rompere (anche se giustamente) le balle (hanno sicuramente di meglio da fare), ma per una questione di correttezza e per eliminare la causa di un (anche se improbabile) problema, alla radice…

        …poi vabbeh, ognuno (per fortuna) ha la sua testa per pensare come gli pare…

  13. C’e’ solo da sperare che sti incapaci della FIA mettano a posto un regolamento semplice e chiaro sulla Safety Car. Come la vedo io nel momento in cui il direttore di gara decide di far entrare la SafetyCar congela le posizioni dei piloti, le vetture devono rallentare e non si puo’ piu’ sorpassare. La SafetyCar entra in pista e si porta in testa al primo, in seguito chi deve entrare e uscire dai box lo fa e che venga tolta la stupida regola del semaforo. Avete visto Shumacher fermo? Cosa doveva aspettare con le vetture che giravano a passo d’uomo? Non si puo’ lasciare ad un uomo solo la facolta’ di accendere e spegnere un semaforo a suo piacimento. Si incorrerebbe a favoritismi. Percui la regola dev’essere per me tolta. Prima del rientro della SafetyCar dietro ad essa si ricompone il trenino come nelle posizioni congelate e alla linea del traguardo riparte la gara. Regole semplici chiare e comprensibilli anche da chi e’ spettatore.

  14. Io non ho ancora capito come sia stato possibile che dopo la sosta le Ferrari siano scese all’11° e 15 posto (credo). Non c’è stato giornalista o cronaca che abbia chiarito quello che è effettivamente successo. Passi per i primi due che erano o hanno superato la safety car e si sono avvantaggiati di circa 20 secondi per raggiungere i box, ma tolti loro dietro c’erano le Ferrari e nessun altro è potuto arrivare ai box prima di loro (o sbaglio?). Come è potuto succedere che si sono ritrovati così indietro? Forse hanno atteso un giro in più per rientrare ? (e nessuno se ne è accorto e lo ha commentato) Sono stati superati nei box da più di 10 concorrenti? (fantascienza)
    E allora cosa c….. è successo?
    Un grazie anticipato a chi mi può spiegare come è stata la effettiva dinamica di questi sorpassi fantasma. Ai giornalisti delle varie dirette tv chiedo di essere un pochino più svegli.
    Grazie

    • E’ successo che quando é uscita la SC quelli dietro alle Ferrari non erano ancora arrivati all’ entrata box, essi informati della SF in pista, hanno poi acceletato oltre il limite consentito per infilare prima possibile i box, Ferrari e credo anche Button hanno dovuto invece fare il giro a marcia ridotta dietro la SF, Vettel e Hamilton hanno pur essi fatto un giro ma essendo davanti alla SF sono arrivati prima.
      Di sicuro c’é stato qualcosa che non ha funzionato o che non hanno voluto far funzionare perché quelli della FIA la SF potevano immetterla prima che arrivasse Vettel e il pasticcio non succedeva. Era solo questione di secondi, non ore. Quindi secondo me nella FIA bisogna far chiarezza e pulizia. C’é troppa gente che occupa da anni posti importanti e pensano di far quello che vogliono. Come nella politica americana, cariche limitate nel tempo e spazio ai giovani.

      • No Button no era nono e so è ritrovato quarto

  15. Le Ferrari sono finite indiero perche’ al momento dell’ingresso della safety car avevano gia’ passato l’ingresso box, le altre vetture erano molto piu’ indietro, per cui quando e’ stata dato l’avviso di SC hanno fatto in tempo ad entrare ai box prima delle Ferrari.

    In tutto cio’ la cosa scandalosa non e’ Hamilton,etc., ma l’ingresso della safety car al momento sbagliato, la ratio della safety car dovrebbe essere quella di ricompattare il gruppo e rallentanrlo senza alterare la classifica

    • hanno pensato prima alla sicurezza che alla gara, certo che se si fossero svegliati 30 secondi prima…

  16. di qs 15 giri 7 sono stati fatti dietro la SC, non certo in 1.30 o giu di li, ma con dei tempi decisamente superiori.. quindi penso che le due cose siano un attimino diverse…
    Anche se io da Ferrarista sfegatato sono sicuro che se al posto di Hamilton c’era Alonso avrebbe fatto lo stesso.
    Il problema è che non si può far uscire la SC a C***o di cane, bastava ritardare l’uscita di 2 sec e non succedeva niente. Il gps che lo tengono a fare.

    • quote:
      “Anche se io da Ferrarista sfegatato sono sicuro che se al posto di Hamilton c’era Alonso avrebbe fatto lo stesso”

      FINALMENTE un ferrarista che non piange perchè “lui l’ha fatto perchè è cattivo mentre io sono bravo e non ho fatto niente”…

      diciamoci la verità:
      la S.C. era come un “trappolone” per Hamilton, in 2 secondi ha dovuto decidere se far volare Vettel o tentare di stargli dietro…
      nelle sue condizioni Schumacher, Vettel, Alonso…insomma, i piloti con le @@ sarebbero passati.
      massa, barrichello e pignoni vari avrebbero “rispettato le regole”…

      • Se forse però
        Se mio nonno avesse le ruote sarebbe un buon carretto….

  17. Per me la lentezza nel giudicare è davvero vergognosa, hanno dato l’opportunità alla mcladren di non trovarsi come le Ferrari nelle retrovie, il vincitore morale di tutto questo gran premio è stato Alonso..
    comunque rimane il fatto che le Ferrari devono migliorarsi!

    • Guarda che Alonso avrebbe fatto la stessa cosa. Sono in pista per correre non per fare le processioni. Ma in tal caso nessun Ferrarista avrebbe detto qualcosa, anzi avrebbe elogiato la manovra. Penso ora sia il momento di smetterla con ste lamentele. Migliorare il gap con le Red Bull questo e’ l’obiettivo non polemizzare che non serve a nulla ormai. La FIA non torna sui suoi passi, vorrebbe dire ammettere gli errori.

      • se lo faceva alonso o qualsiasi altro pilota in massimo 5 minuti lo avevano già penalizzato!
        diciamo le cose come stanno, se hamilton guidasse onestamente sarebbe in classifica dietro al compagno, alle due red bull, ad alonso e forse anche a kubica!

    • @giacomo se lo avesse fatto un alto cambiava poco, ci hanno messo tanto perchè era al limite del sanzionamento, era appaiati lui e la SC e quest’ultima era ancora tra le linee, il problema è un regolamento che non conoscono neppure loro.

      • ladri accattoni senza vergogna

      • beh allora che annullino le gare che vengono rovinate da loro, ora dico io, se hamilton dovesse vincere questo mondiale per una manciata di punti, che figura farebbe la FIA?
        tutti si metterebbero a dire (a ragione) che hamilton è stato favorito dai commissari di gara

      • @enzo con i tifosi non discuto, il tifo offusca la mente, se hai letto sopra io parlo da tifoso di kubica.
        @giacomo difatti io non ho detto che sia stata un bel finale, penso che la direzione gara abbia cannato in pieno, ma hamilton non penso proprio dovesse mettersi dietro la SC, osando ha fatto la mossa vincente. io non avrei problemi a rifare la corsa, perchè vettel è stato troppo avantaggiato. ovvio che non potessero per questioni economiche e di facciata

      • beh più che osato ha infranto il regolamento senza pagare, e non ci vedo niente di guisto in questo, se tutti si mettessero a fare come hamilton sarebbe un macello (non mi riferisco al modo di guidare ma alle sue manovre “sospette”)
        per quanto riguarda vettel, è vero che è stato favorito, ma molti dimenticano che hamilton doveva combiare il musetto e in ogni caso in una situazione di gara normale avrebbe perso almeno 5 secondi più del dovuto, quindi non credo avrebbe mai vinto, anche senza safety car, anzi probabilmente avrebbe rischiato almeno il secondo posto se non peggio…

    • senti chi parla di giudizio… pollo… pensa a non copia incollare… e magari a non farti beccare.. ti servirebbe una lezione da “furbetto” forse?

      • max neanche ti rispondo…ho abbastanza rispetto per la mia intelligenza, ho spiegato già all’osservatore che nn era mia intenzione infrangere le regole, ma mi rendo anche conto che parlare con persone come te è davvero inutile..continua a tifare mcladren se la tua soddisfazione è quella di vincere facile….
        ridicoli!

  18. la ferrari deve assolutamente continuare lo sviluppo della vettura, sicuramente è migliorata nella performance, ma ancora la red bull è molto veloce, anche la mcladren dimostra di essere anch’essa in condizioni ottime, e ora a silverstone arrivano gli aggiornamenti importanti anche per loro, e visto i precedenti, faranno sicuramente un balzo che li porterà a livello se non oltre le lattine…

    la ferrari, e lo dico da ultraferrastista, può continuare a fare questa polemica, che può anche starci, ma indirizzarla contro le gestioni delle gare, in modo almeno far svegliare tutti i nonnetti che sono messi là per decidere…(alias i commissari)

    inoltre, la vettura non si migliora a forza di recriminazioni, la prox volta sta alla ferrari approfittare delle situazioni, visto che oggi viene perdonato un po’ tutto, e contare anche in una buona dose di fortuna (vedi proprio vettel…)

    quindi a maranello devono per forza di cose continuare a lavorare molto sodo per avvicinarsi ancora ai due team di punta, non ci sono ulteriori scuse, bisogna stare davanti per vincere…
    domenicali dice che ci saranno step evolutivi di questo pacchetto aerodinamico, speriamo che il prox non arrivi alla 18° gara, quando ormai sarà quasi tutto deciso…:D

  19. Finalmente leggo un articolo sensato,che dice chiaramente come la Ferrari è stata avvantaggiata nell’era di schumacher soprattutto. Tenendo conto che erano passati la bellezza di 21 anni dall’ultimo titolo mondiale(1979),bisognava intervenire “politicamente” perchè ormai itempi erano maturi per far vincere la Ferrari e quindi la scuderia di Maranello a quel punto ha vinto di tutto e di più.Ora i ferraristi(team-piloti-tifosi) stanno facendo un “bordello”per i fatti di Valencia.Sono daccordo che i giudici o la federazione hanno grosse responsabilità su ciò che è successo ma mettere in discussione la scaltrezza di un pilota (Hamilton)mi sembra davvero troppo.La verità è una sola:se Hamilton guidasse per la Ferrari di sicuro erano tutti felici e contenti,e in cuor mio spero che non ci vada Mai.Forza McLaren!!!!!!!

    • @Migos
      Penso che sarebbe proprio andata così. Ma in tal caso devono mangiarsi tutti i post malefici che hanno scritto su di lui. Se ne son visti in questi giorni.

  20. io l’unica cosa che ho capito di questa gara è che la pista di valencia ha i cordoli in metallo , come ha

    ricordato un miliardo di volte gianfranco mazzoni in telecronaca

    • ahahahahaha non so se lo conoscete già questo canale ma è stupendo

      http://www.youtube.com/watch?v=ebCvQEmSN7I

      • bellissimo questo canale!!

      • BELLO DAVVERO, GRAZIE DELLA DRITTA, IL PROSSIMO G.P. GUARDO MAZZONI & C. SU QUESTO CANALE, SE LO AVESSI GUARDATO AL POSTO DEL G. P. DI VALENCIA MI SAREI DIVERTITO MOOOLTO DI PIU’………

      • Grazie Syx della segnalazione. Ne abbiamo fatto un pezzo, raccogliendo in una playlist tutti i video dei 10 Gp del 2010! Da non perdere…

        http://www.circusf1.com/2010/06/f1-2010-mazzoni-e-capelli-video-collection.php

      • figuratevi, ringraziamo feorzaferrari per la costanza ad ogni gp! :) iscrivetevi al canale youtube mi raccomando!

        C0ntr0c0rrente su youtube

    • Non credo che esistano telecronisti più scarsi di quelli che dobbiamo subire ogni qualvolta c’è un GP.La cosa che più mi infastidisce nelle loro telecronache è la mancanza assoluta di obiettività.Ivan Capelli era scarso come pilota ma come commentatore è proprio odioso.

      • sisi confermo e quoto, troppo tifosi, obiettività zero, lapsus, errori, stella bruno meglio non commentarla nemmeno, l’unico decente è l’ing. bruno ma sembra sia caduto anche lui nel tunnel :)

  21. Quel Charlie Whiting mi sembra piu un Charlie Brawn, e Snoopy lo fa Ecclestone….scusatemi, cercavo di metterla sul ridere….per non piangere. Povera F1…

  22. Per quanto riguarda Hamilton e il suo sorpasso alla Safaty Car. Mi chiedo cosa indichi il regolamento. Questo perchè la S.Car era al di la della riga bianca (quella dell’uscita dalla pit lane). Bisognerebbe capire se questa viene considerata già in pista anche se si trova in quella posizione.
    Il regolamento è troppo lacunoso e interpretabile….

  23. Fossi un pilota, avvistata la Safety Car alla mia destra, a prescindere se essa sia all’interno o all’esterno della riga bianca, immaginerei subito che essa si accingesse ad entrare in pista per qualche problema sopravvenuto e non perchè volessero farsi un giro di distrazione sul circuito di Valencia. Rallentare ed accodarmi, sarebbe stata la decisione più onesta e ragionevole. Se poi si gioca la carta dei cavilli, per far passare la furbata per mancata completezza del regolamento, allora è altra cosa.
    La presenza della Safety Car, anche se intervenuta con ritardo, segnala sempre che una circostanza particolare, richiede il suo intervento. Io alla vista di un camion dei pompieri, a sirena spiegata, immagino subito sia successo qualcosa. Rallento, accosto e faccio passare. La safety car era in ritardo, ma ribadisco, si accingeva ad entrare in pista a luci lampeggianti. Segnale universalmente ritenuto di PERICOLO! É d’uopo accodarsi, dal primo all’ultimo. Un team serio, inoltre, avverte il pilota via radio dell’intervento dei mezzi di soccorso e di accodarsi alla vettura preposta al controllo del gruppo.
    * Per Syx:
    Dici di tifare per Kubica e di simpatizzare per Button e per questa ragione ti senti di giudicare al di sopra delle parti, come se tanti di noi, presi dalla foga di tifare Ferrari, facessimo dei ragionamenti bislacchi, in quanto affuscati dalla stizza dell’esser di parte. Aspettavamo giusto la tua assennata illuminazione!!!
    Ma credi davvero che Hamilton si sia comportato da vincente e gli altri siano dei tonti? Credi veramente che il rispetto delle regole, sia espressione di cretinismo?
    Cosa vuoi dire quando dici «Posso parlare da esterno dei fatti..»? Perchè ti autorizzi a ragionare al posto di chi sostiene la Ferrari, ritenendo per certo che chi vede un’ingiustizia, sia offuscato dal tifo e stia sragionando?

    • maddai.. se ci fosse stato alonso avrebbe fatto lo stesso.. se no sarebbe finito ottavo.. ih ih ih… dai smettetela… è stata sfortuna… nel punto sbagliato al momento sbagliato.. mi stupisce che non fossero in fondo del tutto del gruppo…

      • Mah! A dire la verità non credo che Alonso si sarebbe comportato alla stessa maniera e credere il contrario sarebbe pura illazione e poco delicato nei suoi confronti. Quindi preferisco credere diversamente.
        Ad ogni modo se la leggerezza fosse stata commessa da Alonso, non avrei avuto alcun problema a dimostrare il mio scarso apprezzamento per la manovra, nonostante io sia un ferrarista. Credo ancora che la lealtà, sia un valore raggiungibile qualora lo si voglia raggiungere. É una questione di Essere.

  24. @Flight eh si povero Fernando, lui si che sarebbe stato onesto, d’altronde è famosissimo per essere un pilota puro senza macchie di alcun genere, la spy story e l’incidente di piquet sono solamente immaginazioni.

  25. @Syx
    Caro amico Syx, non amo i battibecchi. Di solito sono sterili in quanto questo tipo di scambi, tendono a mantenere ostinatamente gli interlocutori sulla loro medesima posizione, senza volontà di cambiare pensiero. É utile inoltre rileggere ciò che si è scritto, prima di inviare. Ciò per assicurarsi circa la comprensibilità di ciò che vogliamo esprimere. Infatti, non ti ho capito. Perdonami.
    Cosa c’entra la Spy story e l’incidente di Piquet con l’onestà di Alonso!?
    Alonso non ha mai trafugato presso altri costruttori, materiale oggetto di segreto. Faceva parte in qualità di pilota, di un team denominato Mc Laren ove l’ex progettista era in possesso di materiale progettistico di proprietà Ferrari. Fammi capire le responsabilità di Alonso.
    Sull’affare Piqut: Innanzitutto si dovrebbero ancora accertare la veridicità dei fatti. Secondo le dichiarazioni di Piquet, ammesso che tutto rispondesse al vero, in quanto sarebbe ancora tutto da accertare, lui stesso si sarebbe schiantato, consapevolmente e sotto richiesta del team manager. Ancora quì, mi dovresti spiegare la responsabilità di Alonso.
    Metti in dubbio l’onestà delle persone, senza che esse si siano adoperate in prima persona per azioni illecite.

    • non metto in dubbio l’onestà delle persone ma per piacere non venite a dirmi che qualsiasi altro pilota al posto di hamilton non avrebbe fatto esattamente come lui, è il fatto di santificare certi piloti che non mi sta bene, alonso in particolare solo perchè ora è ferrarista e il tifo come sempre offusca gli occhi. io non tifo alonso, non tifo neanche hamilton, anzi è uno dei primi a starmi antipatico con il suo modo strafottente e incuranza dei regolamenti ma chiunque avrebbe fatto quel gesto. reputo molto peggiore la bravata in canada. detto questo non voglio polemizzare :) ciao

  26. Syx, chiudi il tuo post, dicendo di non voler polemizzare, ma di fatto, non hai evitato di farlo. C’ è incongruenza in ciò che dici. Non metti in discussione l’onestà delle persone, però asserisci di essere sicuro che chiunque pilota, si sarebbe comportato alla stregua di Hamilton. Scusa, ma c’è incoerenza nelle tue affermazioni.
    La tua seconda affermazione annulla la prima.
    Inoltre, insisti nell’asserire, che chi ha criticato la scelta di Hamilton di anticipare la Safety car, nonostante si sia accorto del suo arrivo, sia offuscato dal tifo. Sei sicuro, quindi che altri piloti si sarebbero comportati scorrettamente e sei anche sicuro che noi che stavamo a casa, simpatizzanti della Ferrari, avessimo gli occhi appannati dal tifo e quindi non in grado di esprimere un giudizio razionale.
    Caro Syx, vedi, io apprezzo molto Hamilton per le sue qualità di pilota, anche se lavora per una squadra che non rientra nelle mie simpatie sportive, ed apprezzavo Alonso quando ancora non vestiva di rosso. Non santifico Alonso perché è in Ferrari. Credo semplicemente che la fila che iniziava alle spalle della Safety car, da Alonso in poi, vada difesa tutta. Nel tuo post del 29 Giugno asserisci che Hamilton si è comportato da vincente, mentre i tonti restano indietro e si lamentano. Mi piacerebbe sapere cosa pensano della tua affermazione, quelli che tu ritieni tonti. Di ogn’uno di loro, ti sei detto certo che avrebbe fatto lo stesso. Il tuo è un dato soggettivo e non oggettivo. L’oggettività, in quanto tale è dimostrabile, la soggettività no. Come si fa ad essere certi, di ciò che non è mai accaduto? Sei un nuovo profeta?
    Piuttosto, se proprio vuoi avanzare qualche sospetto, perché non ti chiedi se l’intervento tardivo della Safety car, non sia stato intenzionalmente calcolato, in modo da camuffare un eventuale aiutino a Vettel? Il caso avrebbe voluto che anche l’inglesino ne approfittasse per la miglior riuscita della pietanza, altrimenti, come spiegare la penalità di un drive through da scontare con un lustro di ritardo? Un tantino sospetta la cosa. Se dessero delle spiegazioni a riguardo saremmo più contenti non credi?
    Comunque non prendertela di questo scambio fra di noi. Normale discussione fa due visioni divergenti. Amici sempre.

    • ma va là chi se la prende? :) è sempre bello discutere pacificamente e con rispetto. forse mi sono inteso male nei post precedenti. la cosa che più mi infastidiva era vedere come i ferraristi gridassero al complotto quando comunque anche per la ferrari più volte nell’era schumi la ruota ha girato dalla loro. ho chiamato tonto alonso perchè ultimamente non mi sembra più il pilota vincente di qualche anno fa, mi sembra piuttosto demotivato e più preoccupato di lamentarsi nelle interviste piuttosto che metterci l’anima in pista, e questo non è mai bello per un appassionato che vorrebbe vedere bagarre in pista sempre. hamilton non mi piace come persona, lo apprezzo come talento, ma son sempre convinto che abbia fatto la scelta giusta mettendosi nei suoi panni e credo comunque che tutti al suo posto, con l’adrenalina della gara in corso avrebbero osato, visione soggettiva ovviamente, non posso essere sicuro :) spettava ovviamente alla direzione corsa prendere adeguamenti più adeguati. sono convinto inoltre dall’inizio di quanto sia stato avantaggiato vettel anche se non voglio credere, più per un fatto di positivismo al complotto, perchè mi piangerebbe il cuore e sarebbe la morte di questo sport che già ultimamente singhiozza un pò troppo :)

  27. Si bravo avvocato Flight… Alonso che abbia fatto cosi o no non lo puo dire nessuno.. certo è che la safety car non è uscita nel momento giusto, Vettel avrebbe vinto facile da solo… Hamilton ha solo avuto la furbizia di pesare le cose… ed ha avuto ragione! (giudicando la sua posizione finale) Quindi l’onestà di cui parli non ha senso! L’onestà che doveva tenere Hamilton è quella che dovevano tenere i commissari! Loro hanno sbagliato il momento! è giusto com’è andata punto e basta! Se il regolamento è a buchi non è colpa di Hamilton! Sei onesto nelle regole o no? da regolamento una macchina entra in pista passata la riga quindi non esiste che hamilton si doveva fermare alla vista della SC! quindi non dire cavolate! e magari sii meno avvocato nello spiegarti che tanto qui non servono a nessuno le lunghe parlate in lingua dotta!

  28. Max, avevo apprezzato di più il tuo post precedente che non quest’ultimo. Quella tua affermazione: « è giusto com’è andata punto e basta! » ha un sapore imperativo che tende poco democraticamente a voler zittire gli altri.
    Nulla di più odioso, quello di invitare gli altri a rinunciare al proprio diritto di replica.
    Hai sentenziato con quell’espressione il tuo giudizio, ergendoti a giudice ed accusandomi di fare l’avvocato di Alonso. Non l’ho fatto, e neanche Alonso aveva bisogno di essere difeso, in quanto nel suo comportamento non vi è nulla di anomalo. Piuttosto tu ti stai sbracciando a difendere il comportamento di dubbia fattura dell’inglese d’argento vestito.
    Parli di onestà e regolamenti. Sappi, che in una società civile ed onesta, si potrebbe fare a meno dei regolamenti. Cancellassimo il reato di furto, dal codice penale, si darebbero tutti alla ruberia appellandosi al fatto che l’ingrato gesto non sia previsto nella regolamentazione del codice, prescindendo da qualsiasi forma di buon senso. Quindi ammissibile.
    Suvvia. L’avesse superato Alonso la safety car, lo stareste spolpando che manco le ossa avreste lasciato.
    La S.C. è vero che non aveva ancora oltrepassato la linea, ma il buon senso, suggerirebbe che era in fase di intervento e lasciarle la priorità di passaggio sarebbe stato onesto e sportivo. Quella linea, più che alla safety Car, servirebbe unicamente alle vetture in competizione, per portarsi in pista gradualmente ed in modo non pericoloso, onde evitare delle immissioni improvvise, ed in più, per dare modo a tutte le vetture, di immettersi in gara, nel medesimo punto, evitando vantaggi per immissioni anticipate. La safety car, non essendo una vettura in gara, all’interno o all’esterno di essa, sarebbe da ritenersi già in fase di intervento. Mantenersi all’interno della linea, anche per l’auto di soccorso, è solo la manovra giusta per raggiungere le vetture in corsa ed evitare collisioni, ma non un modo per poterla ignorare. Non sò se per te, ciò sia logico, ma ad ogni modo, per stilare un codice all’interno di qualsisi tipo di regolamento, si fa riferimento alla logica, e per me, ciò lo è. Staremo a vedere, se in seguito il regolamento sarà perfezionato in tal senso, in modo da illuminare chi della logica ne fa personale concetto, anzicché un criterio universale, per un pensiero ideale.

  29. 1.- Ti ho dato dell’avvocato per il modo in cui scrivi che è il solito modo per sembrare piu intelligenti che francamente io odio…

    2.- Ho parlato in modo imperativo perchè con l’altro topic e questo siamo arrivati a passare i 200 messaggi di commenti su quel fatto e allora speravo ci foste arrivati a distanza di una settimana che comunque vada la gara è finita cosi quindi è inutile il vostro continuare ad inneggiare ai complotti e cosi via…

    3.-Non dire stupidate su regolamenti e onestà… l’onestà senza regole diventa un criterio soggettivo e allora ti rispondo che per me la tua onestà non è la mia… le regole sono fondamentali sin da quando si deve condividere qualcosa (un luogo, un oggetto o qualsiasi altra cosa)… parli un po troppo da comunista tu a dire che si potrebbero cancellare i regolamenti o magari le leggi…

    4.- Se finalmente si puo tornare a parlare di F1 gia che di questo bisogna parlare qui te lo ripeto ancora: La Safety Car ha per regolamento la facoltà di poter entrare in ogni occasione della gara… fatto sta che data questa regola essa possa diventare un totale avvantaggiamento di chi si ritrovi davanti (come Vettel)… cosi facendo 2 conti e un po il solito furbetto hamilton ha ben pensato di non fare il pollastro e finirci dietro.. tutto qui… quindi se ancora non l’hai capito è una questione di falla di regolamento! perchè quello è sbagliato! la SC poteva entrare anche al giro dopo senza disturbare nessuno e in testa al gruppo! allora smettila di parlar male di hamilton che son stufo.. a caldo ho capito ma adesso basta… lui è stato piu “furbo” e basta… ha approfittato di un errore di regolamento…

  30. 1) Caro Max, potrei scrivere tutto sgrammaticato ed in modo privo di concetti, ma le scuole, le ho frequentate apposta per scongiurare tale eventualità. Se a te disturba il mio modo di argomentare, francamente me ne infischio e che a te disturba il parlar forbito è problema tuo e non mio.
    2) Non capisco e vorrei che tu me lo spiegassi, perché mai dovremmo limitarci ai 10 ai 20 ai 100 o ai 200 post inerenti un argomento. Spiegami ove è stabilito il limite massimo di post da non superare per ogni argomento e perchè il loro protrarsi ti disturba tanto. Se non ti interessa l’argomento passa ad altro e non curarti di ciò che dicono gli altri imperando nei loro confronti di smetterla. Dimmi che lo spazio del blog è tuo, che lo vuoi gestire come ti pare e che ti sono antipatico, e io non ho alcun problema ad andare via. Ma se sei un ospite come lo sono io, non stabilire tu la misura in cui gli altri devono parlare.
    3) L’onestà non è un elemento soggettivo, ma la logica conseguenza di una giusta scelta. La volontà e l’impegno di discernere il giusto dall’ingiusto. Non darmi del comunista, in quanto la politica non c’entra niente e non auspico, come tu avrai erroneamente inteso, in uno Stato senza leggi. Era un modo limite, per esprimere che il concetto di onestà è oggettivo e da tutti facilmente conseguibile se tutti avessero la voglia e l’intenzione di volerlo.
    4) Si può tranquillamente parlare di F1 ed è ciò che si stava facendo fino al momento in cui tu hai cambiato discorso. Di Hamilton credo ancora che il suo comportamento sia sbagliato e continuerò a pensarlo in quanto non condivido la sua scelta e tu democraticamente, rispetterai il mio pensiero
    «Smettila» a me non lo dici, e che tu sia stufo a me non importa niente, e non per questo cambierò la mia opinione.
    Chiedo scusa a CIRCUS di questo spiacevole Off Topic, ma non credevo che scrivendo in queste pagine il proprio libero pensiero, giusto o ingiusto che sia, si venisse aggrediti, ed invitati, giusto per usare un eufemismo a stare zitti.
    Nel caso anche voi, foste dello stesso parere di Max Steel, Vi prego di farmelo sapere. Non vorrei essere ospite sgradito e recar disturbo. É gradito un Vostro parere.

  31. Ah ah ah… Non ho parole…

    Comunque il punto 3 è sbagliato.. perchè anche cio che è giusto o sbagliato è una cosa soggettiva… per te potrebbe essere giusto e onesto fare qualcosa che per me non lo è… essendo noi 2 nello stesso posto la legge è ovviamente un modo per regolarci in base a cio che abbiamo scelto essere giusto mediante una sorta di accordo… e smettila di fare l’anarchic-omunista-vvocato…

    Ah ah ah.. dai non prendertela… è solo uno scherzo… lo so anch’io che non posso giudicarti perchè non ti conosco osti…

  32. Naturale il fatto che tu non abbia parole. Mi sarei meravigliato se avessi avuto argomenti validi con cui rispondere.
    Non è sbagliato il punto 3.
    Nessun uomo al mondo potrebbe decidere per altri, su ciò che è giusto e ciò che non lo è, se la giustizia fosse un elemento soggettivo. Le leggi in questo caso, non potrebbero essere stilate in quanto un personale pensiero, di un unico individuo in merito di giustizia, non potrebbe essere imposto al posto di altri personali pensieri di altri individui. Questo in una società democratica. Quindi ribadisco che è giusto ciò che è giusto. Chi invece, si discosta da questa regola oggettiva, la infrange con una sua personale ed soggettiva visione del giusto, ovviamente distorta e che conduce naturalmente al delinquere.
    Naturalmente, questi sono i casi di grosse infrazioni legali, ma nella vita quotidiana, nello sport o altre attività di tipo sociale, sono molteplici i gesti che pur se non regolamentati, evidenziano un chiaro segno di ingiustizia.
    Non me la prendo stai tranquillo. I tuoi concetti alquanto confusi non mi sottraggono nessun merito.

    • Flight, complimenti.
      Per quanto centra poco con la F1 ma il concetto è assolutamente perfetto e poco discutibile.

      “Dura lex, sed lex”
      La legge è dura, ma è sempre legge.

  33. Ah ah ah.. ma quindi cos’è giusto? i dieci comandamenti? e tutto il resto sono “personali ed soggettive visioni del giusto”? chi sei tu? dio?

    cavoli che storia che mi conti… interessante…
    e dei dibattiti sull’aborto per fare un esempio che mi dici? sei pro o contro? solo per farti capire che il tuo giusto puo non essere il giusto per altri anche su vicende delicate…

    Comunque ero senza parole per finirla li… se si vuol continuare a ribadire il giusto o lo sbagliato senza che ci sia una regola scritta fai pure… io copio e incollo cio che ho detto sopra…
    La Safety Car ha per regolamento la facoltà di poter entrare in ogni occasione della gara… fatto sta che data questa regola essa possa diventare un totale avvantaggiamento di chi si ritrovi davanti (come Vettel)… cosi facendo 2 conti e un po il solito furbetto hamilton ha ben pensato di non fare il pollastro e finirci dietro.. tutto qui…
    Hamilton ha infranto le regole? è stato sanzionato con un drive through che gli è costato la lotta alla vittoria… quindi per me siamo a posto… poi se i commissari ci hanno messo a parer tuo troppo tempo per decidere non cambia niente.. come un arbitro che segna un fuorigioco inesistente… siam sempre li…

  34. Il giusto è il giusto, l’opportunismo è altra cosa. Nasce da una visione egoistica della vita. Comprati qualche libro di filosofia e studia, invece di leggere solo la pagina dello sport. Impareresti qualcosa di più, oltre alle regole di entrata della Safety car.

  35. No grazie.. sono contro la lettura.. plagia i cervelli e non lascia spazio alle proprie idee… filosofia poi.. inutile com’è… guarda… neanche tu studiato mi sembra che hai ancora capito cos’è “il giusto”.. e ti difendi dietro a “il giusto è il giusto”… cio che è giusto è giusto perchè qualcuno l’ha deciso.. ed è sicuramente giusto solo per lui… leggi meno e fai girare le rotelle va…. il giusto è una cosa soggettiva!

    L’opportunismo o nel nostro caso furbizia è oramai passato e ha avuto ragione il furbo… quindi risparmiati di scrivere che ha sbagliato perchè ha gia pagato…

    Le regole della Safety Car non implicano che a vista uno gli si debba accodare… quindi è meglio se TU vai a rileggerti i regolamenti!

  36. Guarda che è inutile che lo precisi. L’avevo capito che tra te e la cultura non vi era molta simpatia.
    A proposito, non sai neanche leggere, altrimenti ti saresti risparmiato di scrivere il primo rigo e mezzo nel post delle 18,56
    Non pensarci più sulla questione Hamilton e la sua…furbizia. É stato solo aiutato dai suoi connazionali. Fosse rientrato subito nella corsia box a scontare la penalità, la sua furbizia, se la sarebbe portata a casa.

  37. ah ah ah… Max Steel vince un altra volta contro la filosofia…