Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

F1 – Silverstone, un altro capitolo del complotto?

Alonso, perplesso

Alonso, perplesso

Un’altra vittoria di Webber nonostante le difficoltà all’interno del suo team. La McLaren si difende nonostante uno stentato avvio di weekend, mantenendo la vetta di entrambi i campionati. Domenica da dimenticare in casa Ferrari, con Massa inesistente e Alonso protagonista di un altro giallo.

Da solo contro tutti
Mark Webber sembra avere l’intero team contro: l’episodio dell’ala anteriore montata solo sulla monoposto di Vettel è un’altra prova di come la squadra punti più sul giovane tedesco che gode delle simpatie di tutto lo stato maggiore della Red Bull. Ma ironia della sorte è l’australiano ad avere più punti e più vittorie grazie a quella odierna, ottenuta dopo una lotta a suon di giri veloci con Hamilton. Vettel recupera dopo la foratura iniziale, dà spettacolo e rientra in zona punti grazie anche alla safety car, ma con metà campionato alle spalle è giunto il momento in cui il team dovrà essere in grado di gestire bene i propri piloti, perché per festeggiare a novembre non basta avere la macchina più veloce del lotto.

Un bel lavoro di squadra
Proprio la gestione dei piloti sembra essere uno dei punti di forza della McLaren, che con molta calma e professionalità riesce a raddrizzare un weekend iniziato male, dopo aver portato in pista al venerdì nuove componenti che non hanno migliorato le prestazioni della vettura come sperato. Perso un giorno di prove e ritornati alla precedente configurazione, sono stati in grado di portarsi a casa un secondo ed un quarto posto, quest’ultimo conquistato da un Button partito dalla 14esima posizione. Sono in testa in entrambe le classifiche ma se in qualifica le Red Bull erano irrangiungibili per tutti, oggi in gara le McLaren non avevano nulla da invidiare alle monoposto austriache.

Un gradito ritorno
Chiude il podio un Rosberg in ottima forma ma un po’ preoccupato della crescita della sua vecchia Williams, riportando nelle posizioni che contano una Mercedes che ha perso un po’ di terreno sul piano tecnico rispetto ai diretti rivali. L’allungamento del passo per aiutare Schumacher non sembra aver favorito più di tanto il tedesco di Kerpen dopo i primi incoraggianti risultati: classifiche alla mano continua a deludere.

In continuo miglioramento
Buonissime le prestazioni di Williams e Sauber, che confermano i loro progressi dopo i bei risultati di Valencia. Bene Barrichello, che riesce a tenere il passo di Kubica nelle fasi iniziali del Gran Premio, e positiva anche la gara di Hulkenberg che ritorna in zona punti, così come Kobayashi sempre fra i primi 10 per tutta la domenica; da segnalare anche la bella qualifica di De La Rosa entrato nel Q3 come fece il compagno di squadra giapponese in Spagna ed in Turchia a dimostrazione del buon potenziale della vettura svizzera su questo tipo di piste.

Quando Tilke non ci mette le mani
Silverstone cambia volto ancora una volta, e nuovamente lo fa senza stravolgere la propria natura di pista veloce da alte medie sul giro. Le nuove curve forse non regaleranno grosse opportunità di sorpasso, ma mantengono l’armonia del bellissimo circuito inglese. Fra 15 giorni, invece andremo sulla pista di Hockenheim, quella che un tempo imponeva assetti da bassissimo carico e spaventava i motoristi, trasformata da qualche anno in un kartodromo dopo il passaggio di Tilke.

Il fantasmino di Maranello
Felipe Massa è sempre meno competitivo. Qui a Silverstone entra in contatto con Alonso, riparte penultimo dopo una foratura; rientrata la safety car si fa passare da Vettel, poi distrugge le gomme finendo di traverso sull’asciutto sulla stessa pista in cui tre anni fa di testacoda ne aveva collezionati diversi su asfalto bagnato. C’è da domandarsi come mai la Ferrari gli abbia prolungato il contratto dopo aver puntato tutto su di lui nel 2008 e nel 2009.

Alonso, un altro capitolo del complotto?
Commette un’altra leggerezza in partenza, scatta male e si lascia sfilare da diverse vetture. Si tocca poi con Massa. Alla fine è fuori dai punti, un peccato perché le potenzialità per fare un buon risultato la Ferrari le aveva tutte.
Ma è doveroso aggiungere un’analisi sul fatto di giornata che lo ha visto protagonista. Perché quando si guadagna una posizione tagliando una curva, si commette un’infrazione e bisogna restituire la posizione. Dovrebbe saperlo Michael Schumacher che sorpassò così De La Rosa in Ungheria nel 2006 nel silenzio generale.
A distanza di due settimane è lecito tornare nuovamente ai fatti di Spa del 2008 e confrontarli con quanto successo oggi perché le analogie si sprecano.
Quel giorno in Belgio Hamilton attaccando Raikkonen tagliò l’ultima chicane, passando davanti al finlandese restituendgoli subito la posizione per poi passarlo alla curva Source dove il pilota della Ferrari frenò con largo anticipo permettendo all’inglese un facile sorpasso. Il muretto box McLaren chiese due volte via radio a Charlie Withing se la manovra fosse corretta, e in entrambe le occasioni la risposta fu affermativa. Mezzo giro dopo a causa della pioggia sempre più insistente, Hamilton uscì di pista restituendo di fatto la prima posizione a Kimi Raikkonen, annullando così l’episodio avvenuto nella variante un minuto prima. Infine fu Raikkonen ad andare a sbattere regalando la leadership e la vittoria al pilota della McLaren. Ma la festa di Hamilton durò poco perché a gara finita venne penalizzato di 20 secondi per i fatti accaduti in quella chicane e spuntò una nuova regola secondo la quale dopo un taglio di variante bisognerebbe attendere due curve prima di riproporsi in un attacco sul proprio avversario. Ma la penalità fu sproporzionata rispetto a quanto successo: Hamilton aveva restuito la posizione, per la direzione gara era tutto ok, è andato fuori pista e infine Raikkonen si è ritirato. Chi se ne avvantaggiò fu Felipe Massa che poté continuare a sperare nel titolo mondiale ma che nel duello fra i due non prese parte perché troppo distaccato.
Oggi Fernando Alonso attacca Robert Kubica all’estero della curva Vale, e sopravanza il polacco tagliando nettamente la pista. Dovrebbe restituire la posizione, invece rimane davanti. Per Charlie Withing sarebbe tutto ok – il condizionale è d’obbligo allo stato attuale delle cose ma non sorprenderebbe conoscendo il personaggio – per poi comunicare che lo spagnolo deve restituire la posizione. Ma intanto Kubica si è ritirato e la posizione a chi la restituisce? Scatta allora un drive through che distrugge la gara di Alonso complice anche l’uscita della safety car, una penalità sproporzionata rispetto al vantaggio ottenuto.
In entrambi i casi che vedono protagonista una volta la McLaren e una volta la Ferrari, c’è un pilota che commette un’infrazione su un avversario che poi si ritira e si vede infliggere una penalità troppo pesante rispetto al fallo commesso, dopo che la direzione gara non è stata in grado di gestire velocemente un episodio facile da giudicare. Come detto due settimane fa, in Formula 1 cambiano gomme e circuiti, ma i personaggi chiave restano sempre al loro posto.

Scritto da: British grenadier

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , ,

30 Commenti

  1. la formula 1 è morta!

  2. Sarà xke eravate troppo abituati a vincere, ma una cosa è certa, i ferraristi non sanno proprio perdere… Forza McLaren….

    • e la mclaren non sa proprio vincere in modo pulito!
      è UNA VERGOGNA!

    • si, può essere che siamo stati abituati a STRAVINCERE e due anni di digiuno cominciono a starci pure molto stretti…

      ma credo che non sia bello vincere così per nessuno, conta sempre vincere è ovvio, ma il sapore è diverso per qualsiasi sportivo e tifoso !!

      in un campionato così equilibrato, la mano dei commissari sta falciando la possibile rimonta ferrari ( in 3 gare, tra cavolate e commissari, ci siamo mangiati tantissimi punti)

      cmq…ancora il campionato non è finito, e nn si sa mai che può succede la prox gara :D !! (alonso penalizzato in ultima posizione per aver detto che ancora nn è finita oggi :D ahah)

      • quale rimonta?

      • eheh qst’ultimo tuo post dimostra una faziosità… :D lasci il tempo che trovi ;)

  3. che dire…due pesi e due misure, a distanza di pochi giorni

    dovrebbero rimuoverli istantaneamente dall’incarico qst deficienti di commissari di gara

    non c’è altro da dire, todt sveglia !!

    • sono d’accordo solo che i commisari di gara non sono defficienti ma pagati. f1 sta girando intorno alla mclaren e soprattuto FIAmilton. Alonso e’ stato punito per forza. si che e’ scandaloso!

  4. Alonso è inutile che si arrabbi perchè ha sbagliato tutto per l’ennesima volta.. ed è solo colpa sua! perchè era cosi semplice e cosi ovvio… bastava ridare la posizione a kubica lentissimo e con problemi… e per l’amor del cielo quante cose vi servono a voi in ferrari per fare un sorpasso??? problemi a superare kubica, problemi a superare liuzzi, problemi a superare massa, problemi alla partenza…

    SE LA F1 è MORTA è COLPA VOSTRA CHE SAPETE SOLO LAMENTARVI SENZA GUARDARE A QUANTO SIETE INCAPACI DI COSTRUIRE QUEL MINIMO DI ORGANIZZAZIONE CHE SERVE!!!

    • Maxsteel sei sempre cosi avvelenato contro la Ferrari perchè in tutti questi anni hai solo desiderato di vincere..tutti noi ti capiamo…ma vincere nel modo in cui voi lo state facendo è vergognoso..tu sei un tifoso vergognoso che non ammette la realtà dei fatti..il classico tifoso medio..vergogna! e anche ridicolo!

    • QUOTO

  5. In merito all’esorbitante sanzione inflitta ad Alonso, mi sono già espresso con due messaggi nel post precedente : Gp G. Bretagna: Webber vince, contro tutti.
    Evito quindi di ripetermi in proposito.
    Piuttosto, rivolgendomi a Jones vorrei chiedergli, come mai si è disposti anche ad accettare che certe ingiustizie avvengano, sol perchè esse vengono subite da chi rappresenta la squadra contendente e quindi sotto sotto fanno comodo?

    • perchè è giusto! perchè allora alla gara precedente eravate cosi fieri di essere gli unici onesti???

      alonso doveva cedere la posizione e sarebbe finito dove doveva! probabilmente dietro a button visto tutti gli errori che ha comunque fatto!

  6. Il problema non è punizione giusta od ingiusta (ha violato le regole, ed è giusto che paghi), il problema è che non c’è metodo ne equilibrio. tutto è troppo “arbitrario”.

    in due gare abbiamo visto che il metodo giudicante non è costante, che le punizioni vengono date a braccio.

    quello che serve ai regolamenti di F1 è un metodo di giudizio comune, lo stabilire tempistiche e metodologia in modo chiaro.

    non è possibile che un infrazione netta in una gara venga punita dopo molto tempo, mentre un’altra viene punita poco dopo, idem per il fatto che troppo spesso non ci sono solo “due pesi e due misure” ma centinaia di interpretazioni che fanno si che la stessa violazione in una gara sia punita con un passaggio dai box, mentre la gara successiva viene punita con un buffetto di pochi secondi.

    quel che serve sono regole meno machiavelliche e punizioni standard.

  7. Quello che sembra chiaro è che in Ferrari quest’anno ( o da quando non c’è più Ross Brown?) non c’è molta lucidità al muretto. Se Alonso preso dalla foga del sorpasso non ha lasciato ripassare Kubica, come normalmente viene fatto, qualcuno doveva assolutamente ordinarglielo e non sperare che gliela perdonassero così, perchè sono della Ferrari…. La regola del taglio della chicane è chiara e semplice!

    • i problemi al muretto ci sono, e come detto poc’anzi non critico la punizione, c’è stata l’infrazione, è giusto che ci sia la punizione.

      il problema vero è che troppo spesso sembrano esserci diversi pesi e misure in base a chi si sta valutando.
      prima era la ferrari ad averle vinte (grazie ad una gestione vicina alla dirigenza federale) adesso sono altri, un po’ per simpatia un po’ per nazionalismo.

      il fatto è che questo può succedere e succederà perché chi valuta non è realmente abilitato a giudicare, e perché l’attuale regolamento è troppo elastico e libero ad interpretazioni, quantomeno a livello di sanzioni.

    • ma le immagini non le avete viste?! era avanti di una ruota cazzo..non fatemi dire sempre le stesse cose!

  8. Ma è inutile prendersi in giro e parlare di complotto.L’errore è stato di Alonso e del muretto Ferrari dove forse manca qualcuno con gli attributi.Se Alonso fosse partito decentemente non si sarebbe trovato in quel casino e avrebbe potuto puntare al secondo posto senza alcun problema.Stavolta è la Ferrari che ha deluso…menomale che questa avrebbe dovuto essere la stagione del riscatto…e menomale!…Guardando anche Massa che ormai sembra un ex pilota…dove sono finiti quelli che lo credevano così competitivo??Non so voi ma a me la Ferrari sta deludendo tanto anche se a volte a causa dei commissari.Però se la Ferrari fosse davvero competitiva (tipo tenendo il passo della Red Bull)non si sarebbe cacciata in questi casini.

  9. A casa tutti questi uomini che prendono milioni e distruggono lo sport!
    Charlie waiting è troppo vecchio per gestire la gara!
    basta con questi idioti!!
    basta!!!!!!!!

  10. Max, tu hai un concetto della giustizia del tutto sommario. Se il tuo Gigetto, avesse tagliato la chicane e i commissari inglesi, non gli avessero inflitto alcuna penalità, avresti detto invece che era giusto in quel modo e che l’inglesino con la sua…furbizia l’aveva spuntata ancora una volta. Ma lasciamo perdere, tu nella mente tieni il cartello ONE WAY.
    @ Luka. I problemi che si rilevano in casa Ferrari, hanno varie paternità. Una somma di problemi che portano a questi risultati. Il muretto Ferrari, non è di qualità lusinghiera, Alonso commette errori, perchè troppo gravato, i commissari di gara, che alle ben note difficoltà, aggiungono quel pizzico di amaro alla pietanza, rendendola immangiabile. Se da parte loro, non vi è malizia nel prendere decisioni disciplinari , forse c’è poca professionalità. Infatti, le loro decisioni, dovrebbero essere tali, da non condizionare la gara del singolo o di parte del gruppo. Il passaggio ai box affibbiato ad Alonso è fuori misura e non lo dico da Ferrarista. L’avrei detto comunque. Lo spagnolo, avrebbe dovuto restituire la posizione. Stop. Ha sbagliato. Leggerezza da parte sua, che poteva essere colmata con una richiesta impartita dai commissari di ristabilire le posizioni.
    L’oggetto che avrebbe reso difficile stabilire quale penalità applicare, era il fatto che Kubica nel frattempo, aveva preso la via dei box e quindi impossibile restituire la posizione a chi oramai non è più in pista.
    E Allora? L’amletico quesito ha pervaso le illuminate menti della commissione che decide un giretto intorno ai box. In realtà, la cosa era più semplice che mai. Bastava calcolare di quanto Alonso, nel tagliare la chicane si fosse avvantaggiato. Penalizzarlo quindi, di quel mezzo secondo avrebbe significato virtualmente, restituire la posizione in pista, anche in assenza del pilota della Renault che nel frattempo aveva abbandonato il circuito. A voler esagerare, sottrargli un secondo, avrebbe sicuramente colmato il vantaggio acquisito nel tagliare la curva. La penalità sarebbe risultata giusta e onesta.

    • eheh i grandi e sapienti commissari, che ovviamente non sono schierati con nessuna squadra (!!!!) , potevano dare una penalità di tot secondi al tempo finale di gara, come i 5 secondi che i grandissimi e preparatissimi commissari hanno dato a tutti quei furbetti che a valencia non hanno alzato il piede !!!

      così alonso faceva la sua gara e non ci sarebbe tutto questo casino

      commissari totalmente incompetenti !!!!!!!!!! 100 pesi e 1000 misure !!!!!!!!!!!!!!!!!!

      • giusta osservazione

  11. Mi fa piacer F1fan che tu abbia colto il mio ragionamento. Infliggergli un secondo a fine gara avrebbe infatti restituito il mal tolto e per la buana pace di tutti, saremmo stati felici e contenti. Nessuno avrebbe potuto obiettare circa l’entità di tempo da sottrarre ritenendolo insufficiente, visto che nella gara precedente i 5 secondi inflitti erano a dir poco comici! Ma forse perciò adesso sui circuiti si presenta Mr Bean. Di spunti per trovare lati comici ce ne sono a bizzeffe.

    • mr bean is mister charlie (brown :D ) whiting… ahah

      concordo con te flight ;)

  12. No caro flight! sono stato il primo a dire che doveva esser punito per il zig zag e per aver terminato senza carburante le prove!!! e cosi il giusto del regolamento dice che se tagli una chicane per sorpassare devi restituire la posizione… alonso non puo dire mi ha portato fuori perchè bastava mollasse al’acceleratore e gli stesse dietro (si, “dietro” signor raffaele… perchè solo tu vedi alonso davanti a kubica prima del taglio di chicane)… è una manovra di difesa vista mille volte… e lui ne era perfettamente consapevole.. probabilmente ha sbagliato li e ha sbagliato dopo…. perchè secondo me visto che la SC ha aspettato il primo del gruppo per uscire lui poteva entrare in quel giro quando ancora non tutti erano compattati! li si è ulteriormente mangiato la prestazione! e si è visto benissimo dalle immagini che ne era perfettamente in grado! poi non so se il regolamento consente di scontare penalità in regime di SC.. di certo ai box ci poteva andare…

    Comunque concordo con Brother Fang che dice che il regolamento lascia sempre troppe interpretazioni al caso! Ovviamente a parte questa in cui se non altro vedo che oggi siam tutti d’accordo…

  13. Vedi Max, il bello delle corse, è che in pista si lotta e lo sa bene anche il caro e amato Mansell, che ho molto apprezzato ai suoi tempi. Spero no abbia dato assenso al drive through. La corsa, è corsa sia che si sta sul dritto che in curva e quando arrivi sull’apice di una chicane in attacco, non serve alzare il piede e comunque, un pò lungo ci arrivi, specialmente se l’avversario giustamente cerca di non lasciarti spazio. Tutto regolare. Deve essere così, altrimenti si comporterebbero in pista come una prudente famigliola in autostrada.
    La differenza fra i piloti, la fa la determinazione nell’osare di più e ciò da competitività, spettacolo e quant’altro ci aspettiamo da una corsa. Di taxisti in pista non ne vogliamo sapere.
    É il braccio di ferro che regala emozione in pista.

  14. ok.. quello che vuoi allora… però se il regolamento dice che doveva restituirgli la posizione avrebbe dovuto farlo subito in quanto sapeva benissimo a cosa andava incontro… e poi se è stato tanto un problema quel sorpasso avrebbe aspettato al massimo 2 giri e kubica si sarebbe ritirato da solo…. sempre col senno di poi… però è inutile… doveva restituirgli la posizione.. non ci sono scuse che tengano visti i tanti precedenti vissuti… e lui lo sapeva benissimo..

    quello che è brutto e sentirlo uscire e dichiarare: “possiamo uscire a testa alta” questo fa ribrezzo.. visto che ha sbagliato tutto… partenza, sorpassi stentati e scorretti, ruote bucate…. è inutile che dia la colpa di tutto ai commissari ancora una volta.. cioè.. non è che fai gli ultimi 2 giri come un drago per poter dire.. “la macchina andava bene” e quindi va bene tutto e salvarti le chiappe…la volta scorsa ci poteva stare perchè eravamo in un sipario da interpretare… ma questa no! la colpa è tutta sua e dei suoi mille errori!

  15. Bene ricordare quanto successo a Spa 2008, altrimenti facciamo quella che quell’antipatico di Mourinho chiama ‘prostituzione intellettuale’. Anche per la ritardata ed inefficace sanzione a Luigi nel GP di Europa è possibile trovare fatti analoghi in cui Schumacherone con la Ferrari era dalla parte del torto ed ebbe lo stesso trattamento, se non addirittura migliore.
    Detto questo l’nterventismo dei commissari sportivi ha ormai falsato il risultato di troppe gare e sarebbe l’ora di porvi un freno. Francamento però non so se è davvero responsabilità loro o se i problemi stanno altrove, fors’anche in un regolamento troppo complicato e cavilloso. Devo ancora capire se il soprasso di Schumacherone a Montecarlo era regolare o no, visto che la regola è stata riscritta successivamente. Per quanto riguardo poi Valencia come si fa a pretendere che l’ingresso della safety car sull’ennesimo circuito cittadino dove non si può sorpassare (Kobayashi a parte ) non trasformi la gara in una roulette ? Ma i commissari si possono criticare, i circuiti no, visto che li ha scelti Ecclestone e la fine che hanno fatto tutti coloro che gli hanno rivolto delle osservazioni.
    Detto questo mi aspetto che Alfonso si ricordi di essere un campione del mondo e dia una risposta in pista a queste avversità, risposta che attendo da quando nel 2007 si mise a piangere perchè non gli davano la prima guida.

    Saluti
    Filippo

  16. (Qualcuno sa di solito quanto ci mettono a mandare su youtube il mazzoni e capelli show? Non mi pare ci sia gia su la puntata di silverstone e non vedo l’ora di sentire “dislessia portami via…” e stella bruno che ha detto a qualcuno… dieci gare e sei ancora a zero punti.. o quacosa del genere.. scandalosa come sempre.. la prenderei a sberle vedendola arrivare ai box…ah ah ah…)

  17. è ARRIVATO IL MAZZONI E CAPELLI SHOW DI SILVERSTONE! … bullata…. barrichello ha vinto 3 gare negli ultimi 2 anni… ah ah ah