Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

Gp Germania, la voglia Ferrari di trasgredire!

Alonso e Domenicali

Alonso e Domenicali

La Ferrari domina ad Hockenheim, pista in cui riesce a trovarsi decisamente a proprio agio, portandosi a casa una doppietta che rilancia il team e Alonso nella corsa per i titoli iridati. Ma la festa è rovinata da una gestione errata e superficiale di una situazione delicata. Ancora una volta il muretto si dimostra incapace di gestire determinate circostanze con freddezza e stile.

Una premessa è doverosa. La Formula 1 è uno sport di squadra, lo è molto più di quanto non possa sembrare. Le gerarchie fra i piloti, dettate dalla classifica, dalle prestazioni o dai contratti, sono sempre esistite. Così come gli scambi di posizione. Ma c’è una regola, nata dalle ceneri di due episodi che hanno fatto discutere: il primo vide protagoniste le due McLaren di Hakkinen e Coulthard a Melbourne nel 1998; il secondo le Ferrari di Schumacher e Barrichello a Zeltweg nel 2002. Sorpassi decisi dai rispettivi muretti, che scatenarono polemiche circa la credibilità della Formula 1 davanti al proprio pubblico, ma che da altri punti di vista coinvolsero anche il mondo delle scommesse. Nacque così la regola che vieta a tutt’oggi i giochi di squadra, i sorpassi decisi a tavolino fra i piloti dello stesso team durante la gara. E’ sciocca per certi aspetti, ma è una regola e va rispettata. E’ inutile fare i falsi moralisti, sappiamo tutti quanto sia facile aggirarla, ma per farlo ci vuole stile, non molto, ne basta poco (ad esempio una sosta in più ai box), senza il quale le cose verrebbero fatte in maniera spudorata, violando palesemente la suddetta regola sotto la luce del sole.

Nello stesso stile dei messaggi in codice mandati in onda da Radio Londra durante la Seconda Guerra Mondiale, ma in maniera tutt’altro che criptata, abbiamo avuto modo di sentire oggi da parte del muretto Ferrari un: “Fernando… is… faster… than… you” pronunciato lentamente, parola per parola, non con la solita fluidità di tutte le comunicazioni sentite in questi anni fra piloti e ingegneri. Un messaggio che tradotto in prosa – non in italiano ma in prosa – significa ovviamente: “fatti da parte“, tanto per non usare espressioni più colorite. Al plateale rallentamento di Massa, segue un “Well done, sorry“. Ben fatto, scusa. Ammissione di colpa, confessione di un ordine di scuderia comandato ed eseguito.

Nel dopo gara la Ferrari mette in scena un’arrampicata sugli specchi degna di una candidatura all’oscar: Fernando Alonso, Felipe Massa, Stefano Domenicali, Andrea Stella, Rob Smedley, Luca Colajanni provano in ogni modo a dribblare le domande scomode dei giornalisti con scuse ridicole e frasi sconnesse, ed è evidente che hanno tutti una coda di paglia lunga chilometri. Si arriva addirittura a parlare di problemi di trazione per Felipe. Ma chi vogliono prendere in giro? Il tutto mentre pochi minuti prima sul podio, i visi tesi di Alonso e Massa prendevano il posto dei sorrisi e della felicità che dovrebbero essere automatici e scontati dopo una doppietta scaccia-crisi come quella di Hockenheim.

Una domenica che poteva chiudere in maniera cristallina un weekend quasi perfetto per la Ferrari, a cui mancava solo la pole position per completare la trionfale spedizione in Germania. Sulla pista tedesca le monoposto di Maranello si sono sempre trovate a loro agio, in ogni condizione. Chi ha avuto modo di seguire le libere del venerdì e del sabato avrà certamente notato la facilità delle Ferrari nell’ottenere ottimi tempi, nonostante i numerosi testacoda e uscite di pista di Felipe Massa. Battono le Red Bull di Sebastian Vettel, l’unico in grado di resistere ma mai di preoccupare nonostante una brutta partenza “alla Schumacher”, e di Mark Webber, afflitto da problemi tecnici ma mai a suo agio per tutto il weekend. Battono anche le McLaren, non competitive durante tutti i tre giorni, con qualche perplessità attorno al nuovo sistema di scarichi ribassati scartato a Silverstone e riproposto in Germania che ancora non convince.
Una vittoria ottenuta sul campo, offuscata però da uno spiacevole episodio, figlio di un atteggiamento tipicamente italiano che vede la pretesa delle regole e del loro rispetto per poi violarle subito dopo. Il tutto a dimostrazione di come ancora una volta il muretto Ferrari non sia stato in grado di gestire con lucidità una situazione delicata, creando così un caos e un danno d’immagine che potevano facilmente essere evitati.

Scritto da: British grenadier

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , , , ,

35 Commenti

  1. E’ evidente che Domenicali, Alonso e Massa non vinceranno un Oscar per la migliore interpretazione…..
    I migliori candidati sono alla McLaren e alla RedBull…..

    Pensate veramente (come fanno le squadre inglesi) che il pubblico sia così stupido da credere che i problemi “di trazione” “di consumo anomalo di carburante” “di treni di gomme non buoni” e di altre arrampicate sugli specchi comunicate dal muretto ai vari piloti siano diversi dai combattimenti di Wrestling?

    Bhè… pensavo che lo sport della Formula 1 fosse seguito da persone più intelligenti….. la Ferrari ha fatto quello che fanno tutti, solo che in questo modo lo hanno capito anche i più stupidi……. quindi anche la FIA non ha potuto far a meno di farlo notare!

    Non sono un gran tifoso, ma un grande appassionato di tecnica e motori…. ritengo MOLTO più grave la presa in giro delle squadre inglesi che la palese operazione di squadra della Ferrari…….

    Qui il confronto deve essere fatto tra ONESTA’ e OMERTA’……

    Saluti.

  2. Che vergogna!! E pensare che sono le stesse persone che gli scorsi GP si scandalizzavano per presunte irregolarità altrui mentre loro facevano i santi.

    Scandaloso Alonso che piagnucolo “This is ridiculous!” quando massa si difende. Ridicolo è solo lui che non sa passare una macchina in pista e pretende che il compagno di sqadra si tolgas quando arriva lui.
    Alonso è ridicolo oltre che piagnucolone!

    • Beh ieri non è stato il massimo dello spettacolo, così come quando è stato detto a Button in uno degli scorsi gp di cambiare mappatura perchè consumava troppo mentre, CASUALMENTE, stava rimontando su Hamilton e si voleva evitare una lotta tra compagni di squadra.

      Certo il termine usato da alosno non è il massimo, ma molto meglio lamentarsi di non poter passare quando sei più veloce che fare lo scempio messo in atto dalla premiata ditta Vettel-Webber.

      Come ha detto Alonso è la squadra che paga non i giornalisti nè tantomeno Massa quindi la squadra decide e quell’ordine secondo me era concordato prima della gara quindi Massa sapeva già a cosa andava incontro, così come ogni pilota che fa il gregario sa che si dovràsacrificare.

      Nel ciclismo questo è all’ordine del giorno, si sa chi è il leader e si sa che a lui verrà tirata la volata e non lo si lascerà solo quando è in difficoltà ma nesusno si scandalizza, qui pare che sia stata scoperta l’acqua calda….SVEGLIA!!!

      • Dico la mia:
        1) Massa ha gia un contratto in tasca fino a tutto il 2012 grazie alla sua disponibilità di facilitare il suo compagno se ha più possibilità (come in questo caso) di lottare per il titolo ed è veloce almeno quanto lui.
        2) Alonso, sapendo quanto al punto 1, ha cercato subito di sorpassarlo ed è rimasto perplesso dalla resistenza di Massa (lo si evince dall’esclamazione via radio).
        3) La squadra, al pit-stop ha ricordato a Massa quanto detto al punto 1.
        4) Massa, per orgoglio, ha spinto come un matto ma ad un certo punto ha visto che Alonso gli stava ormai alle costole ed invece di aspettare un’attacco convinto lo ha fatto passare in modo plateale.
        5) Ciò che è successo mi fa credere che Massa, se dovesse ancora comportarsi in modo da ostacolare i piani della scuderia e/o cagionarle gravi danni di qualsiesi natura, potrebbe essere accantonato prima della fine della stagione (la Ferrari ci rimetterebbe bei soldi ma per Massa il futuro non sarebbe dei migliori).

        Comunque sono daccordo con chi dice che negare che il gioco di squadra (quando è necessario per massimizzare il risultato della squadra stessa in previsione dei due titoli) fa parte degli accordi tra scuderia e piloti è un’ipocrita. Possono mascherarlo più o meno bene ma viene fatto!!!!

    • ridicoli sono i vostri commenti!

  3. Siamo tutti d’accordo che la regola di non potere fare gioco di squadra al muretto è ridicola e fa la F1 l’unico sport dove è vietato il gioco di squadra alla luce del sole; detto questo però ci sono modi e modi per dare indicazioni ai piloti in modo annebbiato e ieri la Ferrari o meglio lo Staff ha deciso di farlo in maniera ridicola e fare du tutto per essere sanzionati….quei 100.000 usd di sanzione glieli tratterrei dallo stipendio del DS ferrari in modo che la prossima gara si ridordi come fare…..non è possibile offuscare una vittoria splenida in questa maniera!

  4. alonso nn pretende che massa si facci da parte,ma pretende che tutti si facciano da parte quando arriva lui,la ferrari poi per completare il muretto dovrebbe far arrivare un certo briatore che sicuramente è piu furbo di domenicali,e epiquet al posto di mssa nn si sa mai ci fosse bisogno di unaltro muro.

    • condivido pienamente. per me questo è il commento più adatto alla circostanza ridicola che si è creata.

  5. A dire la verità a me non interessa motlo fare il tifo per un pilota in particolare (neanche ai tempi di Schumacher) ma che vinca la Ferrari, quindi difendere Massa piuttosto che Alonso per me non ha importanza, soprattutto in considerazione del fatto che questi poveretti guadagnano milioni di euro e chi li paga? La Ferrari!…..quindi DEVONO rispettare le strategia della SQUADRA!

    Il mio unico rammarico è che purtroppo la squadra non mi sembra più all’altezza degli anni migliori; Domenicali non mi convince, è già da due/tre anni che il team commette errori banali a ripetizione:

    1) 2008 Massa perde il mondiale all’ultimo giro, ma si dimentica che la squadra ne fece di cotte e di crude prima dell’ultimo gran premio!

    2) 2009 scarsa reazione della squadra alla supremazia della Brawn e della red bull decidendo poi di non proseguire nello sviluppo della monoposto concentrandosi sulla F1 di quest’anno..non mi pare sia stato una brillante idea!!

    3) 2009/2010 errori da dilettanti in prova e di gestione di gara….la perla finale la comunicazione di ieri da polli!

    In più il fatto che Massa si sia comportato in quel modo (resistendo al primo attacco di Alonso e facendosi sorpassare in maniera palese poi) sinceramente mi fa pensare che il team non ha il pugno fermo….la conseguenza è che si crea malcontento.

    Spero che Montezemolo prenda provvedimenti e che dia un assetto nuovo alla squadra prima di fare altre figuracce!

    Tutto il resto per me sono solo chiacchiere!

    • si infatti, più ci penso e più ritengo che massa abbia fatto tutto di testa sua, sicuramente avranno studiato una stategia pre-gara nell’eventualità di tale situazione in pista… poi resistere al sorpasso di alonso una volta che aveva la macchina ormai avanti… questo potrebbe giustificare il ” this is ridiculous”… oltre che un contatto avrebbe distruggo la stagione definitivamente per alonso e la ferrari…

      sono abbastanza convinto che una situazione simile, non accadrà più, perchè significano due cose

      monty è la volta buona che demolisce il muretto… la prox volta la maFIA non farà di certo una multina…

      a massa stracciano il contratto a fine anno senza sentire mezza parola

      • Mi hai ricordato un’altra nota dolente…il rinnovo di Massa per altri due anni!!!
        Ma come si fa…si sa ormai da tempo dei rapporti tra il brasiliano e lo spagnolo e la Ferrari che ti fa…rinnova il contratto a Massa…assurdo!
        Secondo me avrebbe dovuto prendere un pilota giovane e di prospettiva ed affiancarlo ad Alonso.
        I mondiali si vincono con l’organizzazione e la tattica ormai..visto che i sorpassi e i duelli sono solo un pallido ricordo della F1 che fu!

        A meno che non si decidano a far sparire una volta per tutte gli alettoni dalle monoposto che sono più utili agli aerei che alle automobili (non mi pare che quando esco con la mia auto abbia bisogno di regolare i flaps e attivare l’F-duct)!!!!

  6. Beh, innanzitutto dobbiamo fare varie considerazioni sulla Ferrari…
    Squadra, a livello di gestione e strategico PESSIMA…
    Credo che anche un poppante di 3 anni riuscirebbe a gestire meglio…
    Ieri hanno fatto le comiche alla Stanlio e Ollio…
    Premetto che è vero che il numero uno della mc-laren (non dico il nome da quanto mi fa SCHIFO) fa quel che caz.. vuole…
    Ma è anche vero che la Ferrari ha gestito le ultime situazioni in maniera assurda, incompetente e non professionale.
    Il resto, e mi rivolgo a chi critica Alonso, basta guardare i fatti.
    Alonso è SEMPRE più veloce e più forte di Massa…
    Massa, da quando c’è Alonso è diventato un mediocre numero 2…
    Che comunque era più forte di Raikkonen e teneva testa a Schumi (quando ancora non perdeva la dentiera in macchina……)
    Ha fatto benissimo a dire E’ RIDICOLO.. E’ vero, ha ragione lui, E’ RIDICOLO che un mediocre secondo pilota gli abbia fatto da tappo, facendogli perdere mezzo secondo a giro e nel sorpasso (effettuato) gli chiuda PERICOLOSAMENTE la porta rischiando per entrambi…
    I FATTI SONO QUESTO…
    Mi rivolto per ultimo al Presidente Montezemolo, persona secondo me molto intelligente…
    Presidente, sono anni che la squadra, veda sopra, è PIETOSA in quelle circostanze…
    Ma perché non cambia gli incompetenti che hanno fatto tutto questo negli anni?
    Hanno fatto perdere un modiale a Massa…
    Sbagliato SEMPRE strategia anno scorso sul bagnato…
    Lasciato tubi attaccati a Massa…
    Ripeto, hanno fatto LE NUOVE COMICHE IN ROSSO!!!
    Ultimo appello… La Ferrari è IMPORTANTISSIMA… Ma allora perché politicamente non conta più niente e riceve questo trattamento dalla Fia???????????
    Non è il caso di dare una svegliata e una forte posizione a commissari e Fia?
    Anche magari minacciando di lasciare la formula uno.. ma sul serio…

    • …P.S.: per esempio prendendo Briatore e mandando a casa Domenicali………….

      • Perfettamente d’accordo!!

      • D’accordissimo!!!

  7. Caro Gianluca, la Ferrari non può collezionare piloti. Un pilota giovane già ce l’ha ed è Jules Bianchi. Si aspetta solo di inserirlo in F1 a tempo debito. Nel frattempo sopperisce Massa, il quale, credo che per il comportamento di ieri, si beccherà una di quelle strillate che gli faranno la pettinatura all’indietro.
    Credo anche io che nel preparare la gara, la squadra abbia posto l’intesa con Massa che nel caso ce ne fosse stato bisogno, avrebbe dovuto cedere la posizione. Infatti che Vettel avrebbe in fase di partenza, probabilmente stretto Alonso, era cosa prevedibile già prima della gara e forse, anche la traiettoria presa da Massa per superare i due era stata verosimilmente prevista. L’intesa preventiva sarebbe servita per evitare anche comunicazioni di ordini sospette. Ciò che poi in realtà è avvenuto. L’osteggiamento al 16° giro, forse non atteso avrebbe innervosito Alonso.
    Una piccola osservazione Gianluca. A te forse sfugge l’importanza del carico aerodinamico anteriore.
    É vero che la tua auto non ha bisogno degli alettoni anteriori per poter viaggiare, ma è anche vero che non è una trazione posteriore spinta da 700 cavalli. Se così fosse, la tua macchinina, si impennerebbe come la moto di Valentino Rossi. ;)

  8. ecco qui i santi della ferrari che predicano giustizia e poi sono i 1° a trasgredire il regolamento
    vergogna…visto che per gli altri avete insistito per le penalità, ora dovete chiedere alla fia di squalificarvi….

    • Patrick, evadere quella regola, sembra sia un tacito accordo fra tutti, infatti nessuno mai si è lamentato per l’aggiramento di questo ostacolo e la Ferrari, non ha mai supposto violazioni di regolamento quando da altre squadre arrivavano ordini ai piloti di “Risparmiare Carburante” o di “Non forzare il motore” messaggi quasi in codice e “palesi” per dire «alza il piede». Ciò perchè tale infrazione è sempre avvenuta ad opera di tutti. É una soluzione storica in F1, da tutti e da sempre sfruttata.
      Bisogna sempre ripetere le stesse cose in vari post?
      La brutta figura la stanno facendo quelli che oggi stanno criticando la Ferrari, avendo loro stessi mangiato la stessa minestra.

  9. Mi permetto di uscire un pò fuori tema per rispondere a flight (senza polemica per carità).

    Sono d’accordo, la mia auto non ha 700 cavalli e aggiungo anche che non ha il telaio in Kevlar e carbonio, ne il cambio in titanio scatolato, ne i freni in carbonio, ne il cambio semiautomatico ecc…questo per dire che le monoposto di F1 ormai sono troppo distanti dalle auto perciò secondo il mio modesto parere la F1 oggi non diverte più!!

    Se si togliessero le ali gli ingegneri sarebbero costretti a riprogettare le monoposto “addolcendo” i motori e lavorando sulla trazione meccanica evitando di far impennare le F1…solo così secondo me le gare tornerebbero ad essere più spettacolari e torneremmo a vedere le vetture che scivolano sull’asfalto e tutto ciò che rendeva le gare automobilistiche avvincenti.

    Questo fatto che la formula uno debba essere l’espressione massima della dellla tecnologia l’ha rovinata, in fondo la F1 non è un istituto di ricerca ne la NASA ma uno sport che deve divertire il pubblico ed esaltare le doti di guida dei piloti.

    Questo regolamento tecnico purtroppo ha appiattito tutto e il risultato è che si parla di safety car, di ordini di scuderia di divieto di sorpasso alle chicane!! A me tutto questo non piace!

    PS: sono ancora perfettamente d’accordo con Stefano.

  10. Già.

    sottolineo una frase ben scritta:

    “Una vittoria ottenuta sul campo, offuscata però da uno spiacevole episodio, figlio di un atteggiamento tipicamente italiano che vede la pretesa delle regole e del loro rispetto per poi violarle subito dopo.”

    è ovvio che dopo questa gara sarebbe un’ottima cosa se smetteste di dare colpe a destra e a manca afflitti dallo sconforto di certi risultati…

  11. Vorrei esprimere dei punti di riflessione.
    1) se la partenza alla Schummy l’avesse fatta Hamilton al posto di Vettel, cosa si direbbe ora?
    2) è redicolo e mortificante sentire un campione del mondo come Alonso piannucolare.
    3) gli ordini di scuderia ci sono sempre stati, è vergognoso il modo in cui è stato richiesto ed eseguito. Ci vuole classe anche in quello, invece il team Ferrari mi ha lasciato con l’amaro in bocca; per la prima volta mi divertivo a vedere due Ferrari che lottavano fra loro e invece poi hanno rovinato tutto. È stato un vero perccato perchè questi comportamenti antisportivi e plateali fanno altro che allontanare e disgustare la gente.
    4) se volete gli ordini di scuderia come in altri sport, allora guardate direttamente il ciclismo o calcio, ecc. Qui è adrenalina pura, ben vengano gli episodi alla Vettel-Webber (ovvio basta non si facciano male) o alla Hamilton-Button. In fin dei conti guardiamo la F1 perchè ci diverte.

  12. …avete sentito i telecronisti, nel momento di tradurre la comunicazione. si sono “dimenticati” di tradurre la parola “sorry”, probabilmente pensano di avere un pubblico ignorante…oppure pensavano di nasconderla per comodità…furbacchioni…ma no ma no probabilmente non l’ hanno sentita…furbacchioni…

  13. Nessunissima polemica Gianluca. Anzi trovo una cosa bellissima scambiare opinioni e punti di vista. Solitamente è una cosa che si fa tra persone amiche con le quali ci fa piacere dialogare.
    La grande potenza erogata serve a far raggiungere la velocità di punta nel giro di pochi secondi. Se le vetture di F1 non erogassero tali potenze, non avremmo neanche la piacevole sensazione spettacolare della partenza. In marcia, l’enorme trazione posteriore e il flusso di aria che si infiltra sotto la vettura, facendola sollevare, fanno perdere all’avantreno il contatto col terreno. Ciò comporta la perdita della direzionalità dello sterzo, in quanto le ruote non toccando sufficientemente a terra, non ubbidiscono alla sterzata, aumenta quindi proporzionalmente il sottosterzo con l’aumento della velocità. Il risultato è che la vettura prende altre traiettorie e il retrotreno, cerca di superare l’avantreno. Siccome le quattro ruote sono ancorate su una struttura rigida, succede che il telaio della vettura fa da perno centrale, da fulcro e il retrotreno, più veloce dell’avantreno lo supera. Risultato: testacoda. Quindi gli alettoni anteriori sono vitali ed in nessun modo eliminabili.
    Lavorare sulla trazione come dici, per evitare che una vettura impenni il muso, significherebbe riduzione drastica della potenza.
    Ridurre le potenze e portare le vettura di F1 alla stregua delle vetture stradali non avrebbe alcun senso, infatti ci sono già altre formule, che vedono impegnate in gare su pista, vetture stradali adeguatamente modificate. Naturalmente anche là, in modo meno esasperato della F1, ci sono alettoni e spoiler per indirizzare i flussi di aria. Di una F1 si può fare a meno della cilindrata, riducendola, adottando sovralimentazione e iniezione diretta, ma non della potenza la quale verrebbe restituita da tali mezzi in cambio di un minor consumo e ovviamente minor peso, elemento costituito dal carico di carburante necessario.
    La formula uno è questa. É sempre stata un laboratorio sperimentale, oggi un po’ meno perchè si lavora prettamente sull’aerodinamica, ma noi speriamo che prima o poi, qualcuno ci faccia la grazia di scongelare lo sviluppo motoristico.

    • Certo mi fa piacere discutere e confrontarmi con gli altri.
      Concordo con parecchie cose che dici (so benissimo quali sono le funzioni e gli effetti degli alettoni su una vettura) ma resto comunque della mia opinione sulle ali delle monoposto…non credo siano indispensabili….tieni presente che la maggior parte della potenza dei motori di F1 va “persa” proprio a causa della resistenza aerodinamica all’avanzamento douta a tre “parti” della monoposto: Il corpo vettura, gli pneumatici, e soprattutto gli alettoni.
      Infatti nelle moto si raggiungono le stesse velocità dell F1 con molta meno potenza proprio perchè il coefficiente di penetrazione in quel caso è molto più basso di una F1 (parlo di velocità di punta, perchè per quanto riguarda l’accelerazione lì è la massa del veicolo che avvantaggia le moto).

      Inoltre quando la F1 non montava gli alettoni (la prima F1 a montare gli alettoni fu prorpio una ferrari la 312/68 del 1968) le monoposto erano comunque capaci di grandi accelarazioni solo che ovviamente in curva non avevano le prestazioni delle attuali, quindi il carico aerodinamico serve solo nelle curve…per dirla brutalmente! ed è proprio li che vanno limitate secondo me.

      • due osservazioni

        per le moto, è anche una questione di peso, che giustifica le capacità da te mensionate

        per il carico in curva, ecco perchè hanno inventato F-duct che fa aumentare (di pochissimo) la velocità stallando il carico al posteriore e i famosi estrattori, che funzionano praticamente oltre i 100 km/h e sembra che uno dei segreti sia quelli di buttargli addosso sempre qualcosa, in termini di fluidodinamica, come si suppone faccia la redbull e da ora pure la ferrari in qualifica… un motore da 18 milagiri butta parecchi gas sul diffusore…ci credo che guadagnino qualcosina in entrata di curva in termini di carico !!

        non credo sia molto diverso da quando venne l’idea a qualcuno di sfruttare i gas di scarico per “alimentare” il moto di una girante, leggari turbina :D

      • Per F1fan,
        concordo riguardo il “soffiaggio” sull’estrattore, meno sull’F-duct dove se non leggo male mi pare che tu dica che serve per aumentare il carico in curva; in verità l’F-duct serve a far stallare l’alettone (soffiando aria nella parte posteriore di quest’ultimo dove si forma turbolenza e una pressione negativa) facendo andare la monoposto più veloce sul rettilineo.

        Inoltre volevo aggiungere sempre riguardo la questione se realizzare F1 con alettoni o meno che il problema principale di una monoposto che si trova immediatamente dietro un’altra è che presenta gravi problemi di sottosterzo (la vettura tende ad allargare in curva) e questo credo sia dovuto proprio al fatto che l’ala anteriore non lavora bene (oltre al fatto che arriva “aria sporca” al retrotreno disturbando l’equilibrio generale della monoposto), quindi il comportamento della monoposto con o senza ostacoli davati cambia enormemente…questo spiega perchè a volte capita in certi circuiti (questo pure è un altro problema, ci sono circuiti ridicoli!) che una monoposto che viaggia a un secondo più veloce di chi la precede ma che una volta raggiunta la vettura davanti praticamente smette di “correre”!
        Quindi siccome non è possibile avere solo l’ala posteriore io vedrei le F1 senza alettoni o al massimo ridotti almeno del 60/70 % rispetto alle attuali.

      • no no, forse mi sn espresso male o non ho messo una virgola, cmq volevo dire la stessa cosa tua ;) serve proprio sul dritto, azionata in curvoni anzi sarebbe drastico per il carico posteriore

        per il discorso carico aerodinamico dietro una vettura, è un problema ormai decennale… qualcuno si ricorda in malesia che massa e alonso guadagnavano 2 secondi netti a giro su button, ma poi per superarlo ci sono voluti diversi giri ??

        secondo me, personalissima opinione, è inutile distruggere i progressi aerodinamici fatti dalle monoposto (dopo miliardi di dollari spesi in anni e anni), semplificandola ulteriormente

        sarebbe più opportuno spendere sui motori o su altre soluzioni particolari, come lo è il kers, che facciano la differenza al momento opportuno, il kers di pe sè é ancora all’inizio della sua vita progettuale, basta vedere l’aerodinamica che passi ha fatto dal 70 in poi…e negli ultimi 10 anni è così sofisticata che basta essere dietro ad un’altra vettura che perde tutto…

        il prox anno ci sarà quest’ala mobile posteriore, che già a capirla quando bisogna azionarla è un problema :D

      • Certo che ricordo la malesia!
        La questione dell’ala posteriore sinceramente mi lascia perplesso e se dopo il rettilineo resta inceppata? Credo sia un passo indietro per la sicurezza.
        Riguardo al Kers certo è uno spunto in più sul rettilineo ed è l’unica cosa che dalla F1 può passare sulle auto di tutti i giorni, ma se il Kers ce l’hanno tutti il vantaggio si annulla ed ecco ceh sorpassare sarà di nuovo impossibile..infatti l’anno scorso la ferrari non mi pare che ne abbia beneficiato.

      • in effetti dal 2009 le vetture sono diventate ridicole (con quello spazzaneve davanti e quell’attacapanni dietro) proprio per favorire le vetture subito dietro, ma purtoppo il tutto è stato vanificato dall(lillegale) double decker.

      • Il paragone con le moto è un pò azzardato. Comunque, anche la moto ha la sua carenatura per modificare i flussi di aria, ovviamente il tutto è rapportato al mezzo. Inoltre vi è molta differenza di peso, ma soprattutto di volume. La F1 volumetricamente è molto più ampia di una moto GP. Tale volume, considerando o meno gli alettoni offrono una resistenza all’aria maggiore. Inoltre una moto, viaggia su sole 2 ruote, mentre una vettura su 4 ruote. Ne consegue che la superficie di contatto col suolo di una F1 è maggiore e quindi anche la resistenza dovuta all’attrito degli pneumatici con il suolo è maggiore nella vettura anzicché nella moto. Necessita quindi di più potenza a parità di prestazione.
        I

      • Il fatto è che anche le formula indy hanno alettoni sia anteriori che posteriori, una grande potenza, e un importante ruolo dell’aereodinamica (ovviamente meno che in f1) eppure un paio di settimane fa ho visto che non avevano problemi a rimanere in scia nei curvoni del circuito abbastanza tecnico del Watkins Glen. Anche la GP2 ha delle vetture abbastanza curate dal punto di vista aereodimico eppure nella gare di ieri ci sono stati numerosi sorpassi con vetture che addirittura si aprivano a ventaglio al tornante fino a pochi giri dalla fine. E’ evidente allora che si tratta di un problema di direzione che ha preso lo sviluppo dell’aereodinamica in F1 e che quindi gli inconvenienti dovuti quando diventa molto estrema sono in parte evitabili. Una delle cose che mi sembra di aver capito è che il muso alto serva per incanalare più aria possibile sotto la vettura per andare a ricreare almeno in parte quell’effetto suolo che fu perso con la proibizione delle minigonne. Se così è mi sembra evidente che quando si è in scia questo flusso d’aria possa diminuire notevolmente facendo perdere aderenza a tutta la vettura. Per esempio si potrebbero fare degli studi sulla possibilità di tornare a dei musi più bassi e consentire la progettazione di vetture con maggior effetto suolo (le GP2 sono ad effetto suolo) la cui aderenza a terra dipenda molto meno dal flusso d’aria che le investe. Ovviamente grande responsabilità sulla carenza di spettacolo ce l’hanno i circuiti. Io non capisco come sia possibile che un volta, con auto con le quali non era difficile sorpassare, si correva su circuiti dove il sorpasso era facile mentre oggi avviene il contrario. I circuiti di tilke sono semplicemente ridicoli e sembrano disegnati da un bambino. Sono totalmente scomparse le curve inclinate una volta numerosissime che oltre ad essere spettacolari rendevano molto più facile stare in scia. La cosa veramente strana poi e che ormai quasi la metà delle piste dove si corre sono state costruite negli ultimi dieci anni e non le hanno progettate in maniera adatta alle f1 degli ultimi 10 anni. E andrà sempre peggio perchè quest’anno si aggiunge la corea che sembra una via di mezzo tra malesia e abu dabi (possiamo scommettere che non ci saranno sorpassi) e anche il nuovo circuito degli usa sarà progettato da tilke. Vogliono portare la F1 a Roma e invece di correre a Vallelunga (che è un circuito spettacolare con lunghi rettilinei) fanno un’altro gp cittadino.Ridicolo! Poi si fa un gran parlare di spettacolo e distruggono piste come hockenheim. E perchè? perchè c’erano troppi sorpassi… solo non dove volevano loro. Le scicanne nella foresta non avevano tribune e avevano poco spazio per la pubblicità. E così per far vedere qualche giro in più le macchine a un centinaio di migliaia di spettatori e attaccare due cartelloni in più ammorbiamo un centinaio di milioni di telespettatori in tutto il mondo con un circuito schifosissimo (c’è sempre lo zampino di tilke).

    • Concordo pienamente su queste ultime considerazioni tecniche.

    • Le considerazioni di Vincenzo mi sembrano molto interessanti, soprattutto per quello che riguarda il muso alto!
      Per quanto riguarda gli alettoni della indy credo siano molto meno sviluppati ed efficienti di quelli della F1, per questo forse soffrono meno.
      Pienamente d’accordo anche per quel che riguarda i tracciati…assolutamente ridicoli (come ho già detto in qualche mio commento precedente).
      I circuiti di una volta (Spa, imola, Hockengeim con i rettilinei lunghi, ecc) sicuramente facilitavano i sorpassi!!

  14. Penso ieri di avere visto una bella gara, di una squadra che ad un certo punto della lotta ha tirato fuori gli attributi è ha ordinato palesemente, e senza ipocrisia, ad un suo pilota di alzare il piede dall’acceleratore sapendo che oggi saremmo tutti stati qui a dispensare critiche. Questo è uno sport in cui partecipano delle squadre senza la quale i piloti non correrebbero.

    • daccordissimo