Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

Ordini di scuderia: è anche questione di stile


Alonso e Massa

Alonso e Massa


Non si placano le polemiche attorno alla vittoria di Alonso al GP di Germania, tanto all’interno del circus della F1 quanto su circusf1. La Ferrari ha sbagliato a tarpare le ali a Massa. Ed ha sbagliato, soprattutto, nel post-gara. Ultimo atto, per ora, di una brutta pagina di sport.

di Paolo Pellegrini

LA PREMESSA
Ecco, sono anti-ferrarista e fazioso. Vecchia storia, appunto, come volevasi dimostrare. Certo che dare dell’anti-ferrarista al sottoscritto, il quale moccioloso e febbricitante era presente nel 2007 al Ferrari Day al Mugello, per festeggiare il titolo mondiale di Raikkonen, be’, è quantomeno buffo! Se avere senso critico anche nei confronti del Cavallino (che, per il sottoscritto, non è una fede ma un Marchio che trasuda storia e vittorie al pari di altri costruttori meno osannati) significa esser tacciati di anti-ferrarismo e faziosità, siamo fuori strada. Come si fa a non amare le Rosse? Sono convinto che persino gli anti-ferraristi, se sono veri appassionati di autombilismo, ammirino la Ferrari… Ed ora, procediamo.

La storia degli ordini di scuderia è così lunga che si potrebbe scrivere un romanzo formato Signore degli Anelli. “Ordini di scuderia. Storie vecchie quanto le corse motoristiche”, scrivemmo nell’articolo precedente. Non è questione di tifo, né di italiani contro inglesi, né di due stili a confronto. La Mercedes, negli Anni 30 e 50, ha fatto degli ordini di scuderia una sorta di religione, così come, da sempre, la Ferrari, tanto con Enzo al timone (Fangio, grazie al “prestito” delle monoposto altrui conquistò il mondiale nel 1956) che dopo la sua morte. Anche i team inglesi non sfuggono: nel GP del Fuji 1976, tanto per citatre, pur di non far vincere il titolo all’odiato Lauda (antipatico a tutti, anche in Ferrari!) i piloti su vetture di team inglesi non opposero resistenza alla rimonta di Hunt, che poi vinse il campionato.

Ordini di scuderia che, spesso, vengono impartiti con eccessiva disinvoltura: non in base alle reali e legittime contingenze di campionato, ma solo ed esclusivamente in base alle gerarchie che il team ha suggellato ad inizio campionato, al momento della firma dei contratti. Primo pilota e secondo pilota, appunto. In questo, la Ferrari è maestra. Nel 1982, Villeneuve era il primo, Pironi il secondo: Imola, inizio stagione, mondiale ancora tutto da scrivere, gara boicottata da numerosi team, eppure ecco l’ordine. Pironi se ne fregò (e fece bene…) e andò a vincere. Schumacher, a Zeltweg, vinse superando Barrichello sulla linea del traguardo, a mondiale già vinto: una vergogna. Ma in quella occasione, Schumi si comportò da signore, consegnando coppa e gradino più alto del podio a Rubens. A Massa viene ordinato di farsi da parte per far strada ad Alonso solo per logiche di gerarchie già scritte e previste per contratto: l’ennesima vergogna, con Alonso che col cavolo ha mostrato gratitudine verso Felipe. Alonso è il re, Massa il suddito, il vassallo di turno.

Vergogna doppia per la Ferrari. Non solo si tira la zappa sui piedi impartendo un ordine di scuderia davvero indegno, plateale, inutile, mal confezionato ai danni di un Massa che avrebbe potuto vincere la corsa tranquillamente, ma poi, a gara finita, inscena un teatrino ed una trama di menzogne davvero imbarazzanti.

Gli ordini di scuderia nascono con le corse e moriranno con le corse. Difficilissimo regolamentarli. La FIA ci sta provando, ma con le solite contraddizioni del caso e con i soliti pastrocchi in salsa FIA. Ecclestone vorrebbe abolire la regola che vieta gli ordini di scuderia, ma a quel punto si corre il rischio di vedere scene ad ogni GP di piloti-schiavi asserviti al loro padrone.

È anche questione di stile e di circostanze. Posto il fatto che gli ordini sono inestirpabili (anche con norme severe, il risultato purtroppo non cambia…) spetta ai team gestirli con garbo, con tempismo, comn astuzia e malizia, con buon gusto, con etica, con saggezza sportiva e con scaltrezza. Un conto è impartirli quando il campionato è agli sgoccioli, quando ogni punto è manna da cielo e quando un pilota è ormai matematicamente (e sottolineo “matematicamente”) fuori dai giochi, un conto è impartirli come è stato fatto ad Hockenheim, ancora a metà campionato. In questo ultimo caso, si va oltre il cattivo gusto, per di più con il divieto imposto dalla FIA.

Un cattivo gusto che infierisce oltremodo su Massa: accidenti, quella vittoria era sua!

Purtroppo, oggi, il concetto di “squadra” rasenta livelli siderali anche nello sport del motore. Tutti, team manager e piloti, ormai si riempiono la bocca con “la squadra lì, la squadra là”. Attenzione a non esagerare: il motorismo non è il ciclismo (sport in cui un esercito di corridori quasi anonimi è al servizio di un singolo campione!) o il calcio. Esiste la squadra, ma in pista ci vanno le singole vetture, i singoli piloti, i quali lottano per il Mondiale Piloti. Chi definisce la Formula 1 uno sport di squadra non ha colto il significato di “sport individuale”.

È sempre auspicabile vedere vera lotta in pista che risultati già segnati in partenza. Red Bull e McLaren hanno i loro primi piloti: Vettel da una parte, Hamilton dall’altra. Eppure, non hanno impedito a Button e Webber di lottare ad armi pari e vincere; l’australiano, addirittura, è il pilota che sinora ha vinto di più! Niente male, come afferma lo stesso Webber, per un secondo! In Ferrari, al contrario, non accade nulla di tutto ciò: Alonso deve stare davanti, Massa dietro, fine della storia. Anche a costo di incappare in clamorose fuguracce.

La Ferrari, è noto, punta tutto su Alonso. Non ci sarebbe da meravigliarsi se nel corso del mondiale Domenicali & Co facessero di tutto affinchè Alonso stia comodamente davanti al servo Massa.

La regola che vieta gli ordini di scuderia, che piaccia o no ai team, esiste. E se si è scelto di partecipare alla F1 la si deve accettare e rispettare. Per quanto contraddittoria ed aggirabile possa essere. La Ferrari, speriamo l’abbia compreso, è stata letteralmente graziata dalla FIA, salvo prossime sanzioni a seguito del deferimento. Le Rosse hanno rischiato la squalifica dalla corsa, la revoca dei punti totalizzati (classifica Piloti e Costruttori), addirittura, qualora la FIA avesse avuto la mano pesante (ed il regolamento lo contempla…), l’esclusione dal campionato F1 2010.

Sarebbe meglio, pertanto, che la Ferrari facesse mea culpa (Montezemolo compreso) invece di continuare a recitare la parte di quello caduto dal pero. Da un team come la Ferrari, per cui “lo stile” conta molto e per cui la “legalità” (almeno a parole) è un valore fondamentale, ci si aspetta sempre un comportamento più professionale.

Forse, forse che Todt, in tutta questa faccenda, ci ha messo lo zampino, dall’alto della sua poltrona e dei suoi recenti trascorsi di stratega del muretto Ferrari?

Scritto da: Paolo Pellegrini

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , ,

71 Commenti

  1. io do ragione a Schumacher. Tu di pure quello che ti pare ma ha ragione Schumacher. Massa è troppo indietro per poter vincere il mondiale. Era pure più lento di Alonso il caro Massa. Massa oltretutto per la prima parte di campionato (prima gara a parte) non ha fatto chissà che. Il punteggio lo mostra. Ha fatto lo sbruffone in partenza nonostante fosse più lento di Alonso. Con queste macchine è difficile superare perciò avrà pensato di poter andare a vincere nonostante avesse firmato pochi giorni prima un contratto da seconda guida. Di sicuro dopo una scenata del genere non lo vedremo più l’anno prossimo. Si è giocato la fiducia in casa Ferrari. Cosa che spero. Barrichello e Massa (Massa più di tutti) sono dei gran bambinoni. Ueee ueee volevo vincere il mondiale… ueee…

    • concordo con la prima parte, non cn la seconda :)

  2. io non dico che sei antiferrarista, ma mi sembra che sei sempre pronto a sparlare della Ferrari e di tutto cio che fà. io Cmq vorrei leggere i tuoi articoli dopo che Kimi fa passare Massa in Cina, e non dirmi che è diverso solo perchè eravamo a tre gare dalla fine, dopo che Kovalainen fa passare Hanmilton (http://www.youtube.com/watch?v=OaMvfJEN9KU) puoi rivederti il video. vorrei leggere le tue reazioni a qs episodi.
    Io penso personalmente che un Pilota che guadagna 8 milioni di euro circa all’anno, che in qs stagione sta dimostrando quasi di non essere più un pilota di f1 (e non dirmi che non è così), si permette di inscenare quel teatrino mettendo a repentaglio la sua squadra, che fino a prova contraria lo paga, buttando al c…o la reputazione della Ferrari per una bambinata, soltando per dimostrare che in quella occasione è stato più forte di Alonso; penso che noi tifosi lo avremmo capito benissimo. Io ancora non riesco a dare una spiegazione ragionevole su quello che ha combinato Massa. Che colpa ne ha Domenicali, mica guidava lui la macchina; se fossi stato io gli avre fatto trovare le valigie nel box insieme al suo ingegnere.Penso che sia sbagliato sputare nel piatto in cui si mangia. Se un mio dipendente si permette di comportarsi in quel modo il giorno dopo stai sicuro che è licenziato.
    Spero di non essere stato troppo confusiionario e istintivo nella mia risposta.
    Mi sembra molto più grave l’atteggiamento di MAssa.

  3. Ma in definitiva visto che si sà che l’ordine di scuderia lo adottano tutti lei cosa condanna la forma ? l’evidenza ? vorrei capire,per quanto riguarda vettel e webber stanno lottando ad armi pari ? non mi pare vedi alettone solo per vettel e domenica webber sembrava guidare un carrettino,ma forse mi sbaglio ,hamilton e button e già qui non si può dire niente che già non si sappia,allora l’ordine di scuderia a favore di un pilota si può ma con ipocrisia,complimenti lei è uno sportivo nato se non andasse più ai raduni ferrari non se ne accorgerebbe nessuno o forse si?

  4. Ancora con quersta storia! L’unico rimprovero da fare alla Ferrari è il modo in cui è stata gestita la faccenda. L’hanno fatto in maniera così brutta che hanno fatto storcere la bocca anche a me che stavo aspettando da un ora che Alonso passasse avanti. E qui bisogna andare a cercare le responsabilità. Queste sono in parte attribuibili a Massa e in parte al muretto. Continuo a ripetermi “Massa cosa pensave di fare li davanti? Cosa pensava di fare quando Alonso, ormai convinto di essere davanti e di non avere problemi dal compagno, ha allargato leggermente la traiettoria e lui ne ha approfittato per reinfilarlo? Cosa pensava di fare quando alla curva successiva lo ha chiuso in modo deciso rischiando il contatto? queste sono cose che si può permettere un pilota che finora non ha dormito per tutto il campionato, sono cose che può fare chi è ancora in lotta per il titolo. E poi quando si è fatto passare l’ha fatto in maniera colpevolmente plateale come per prendersi una rivincita. Ma qua c’è parecchia gente che fa finta di non capire o semplicemente non vuole. E’ possibile che poi il muretto non abbia dato nessunissima istruzione a Massa prima della gara? Se si allora vuol dire che ha non ha assolutamente i pugno la situazione se no allora vuol dire che dormono profondamente come al solito. In ogni caso la squadra è totalmente senza direzione.

    • quotone !!!! bel commento

      spero che sia la volta buona che Domenica abbia imparato qualcosina da questa situazione, e che smedley si limiti a fare l’ingegnere di pista e non l’avvocato di fiducia

      massa se vuole rivincite personali contro alonso, il prox anno anzichè dorminre per 10 gare, ne vinca almeno la metà ;)

    • Che fai replichi me! il giornalista le dice non io

  5. voglio fare un piccolo appunto all’autore dell’articolo..

    “La Ferrari, è noto, punta tutto su Alonso”, questo è verissimo, visto che l’ha portato lo sponsor principale santander, ma fino ad un certo punto!! anche raikkonen era venuto in ferrari per aprire una seconda era schumacher…col cavolo

    ha vinto nel 2007 a causa della spystory (mcladren resta, il titolo lo diamo alla ferrari così nn si incagnano di più)

    nel 2008 da metà campionato la ferrari ha puntato solo su massa, deglassando il finnico al ruolo di scuderio… fregandosene del suo ruolo da prima guida, anche se la scuderia ha sempre smentito nel dopo schumi che ci fossere prime guide

    nel 2009, prima dell’incidente di massa, era LUI a portare punti alla ferrari, il finnico, PER QUALE OSCURO MOTIVO, si svegliò appena subito dopo l’incidente, che dire? la ferrari stava puntando solo su massa si nuovo, visto che avevano la ferma intenzione di cacciare via rakkionen come lo chiama mazzoni ? infatti la gara successiva, se nn erro in belgio cm qst’anno vinse in un bellissimo duello con sficatella :D

    la ferrari è “colpevole” solo di aver fatto un po’ troppo alla luce del sole qll che le altre scuderie hanno fatto da inizio anno, è inutile che l’autore dica che hanno lasciato battagliare…

    webber, nonostante le sue parole che gettano acqua sul fuoco, ha fatto capire che è una seconda guida…forse la redbull non ha la stessa linfa mediatica della ferrari

    alla mcladren invece, hanno detto di risparmiare carburante a button PRIMA del corpo a corpo e DOPO il corpo a corpo…

    per me questi sono chiarissimi ordini di scuderia, LASCIANDO PERDERE che in passato, a parte la ferrari a zeltweg, la mcladren in pochi anni ne ha dati di ordini, non c’è bisogno di andare agli albori della F1

    • mi sembra che hai fatto un chiaro quadro della situazione!

  6. L’unico errore del muretto e non aver fatto trovare a MASSA una punto jtd con il pieno, le valige nel cofano, il suo ingegnere su tettuccio e averlo mandato direttamente in Brasile

    • Concordo pienamente

    • Concordo : Massa Go Home!!!

    • piu che concordare mi sbellica l immagine di massa e dell ingegnere sul tettuccio..

    • mai parole furono usate meglio.

  7. Il tutto si puo solo tradurre con una frase ” Esterofilia”

  8. Assolutamente d’accordo. Oltretutto, in una F. 1 talvolta noiosa e senza duelli in pista, privare il telespettatore, il tifoso, di un vero duello in pista mi sembra irrispettoso anche nei confronti dei propri tifosi. Anche perché quando una squadra ha la vettura più veloce l’unico vero duello, l’unico spettacolo al quale si potrebbe assistere può venire solo da due compagni di squadra, con la stessa macchina appunto. Mi sembra sufficiente per vietare i giochi di squadra. Non mi inchiodo al televisore per assistere all’epilogo di un risultato annunciato: i ragionamenti di Montezemolo valgono in qualunque contesto meno che per questo sport: avrebbe fatto più bella figura a tenerli per se. Fossimo almeno a fine campionato con la matematica che esclude un pilota. . . Quindi condivido assolutamente questa regola della Federazione e sono favorevole ad adottare tutti gli strumenti necessari ad accertare se vi siano giochi di squadra o meglio, ordini di squadra a favore di un pilota contro un altro.

    • con ben 5 piloti consistenti avanti a massa in classifica, ham button vettel webber alonso…non ti sembra sia già fuori dal campionato ? matematica a parte, è ormai fuori da un pezzo

    • Marcello cosa pretenderesti un duello all’ultima ruota?
      E il mondiale Costruttori??
      Sai è quello che porta i soldi alle scuderie.

      • Mah, io di solito quando guardo un Gran Premio mi aspetto sempre un duello all’ultima ruota: ripeto che per me il primo avversario è sempre il compagno di squadra col quale certo possono scappare i duelli più avvincenti. Non mi metto davanti alla tv per vedere la passerella di due auto il cui ordine d’arrivo è predeterminato. Dei soldi che porta il mondiale costruttori a me non frega proprio una mazza, certamente non è quello che mi esalta durante un GP. Poi potrei anche ricordare che c’è gente che scommette sull’ordine d’arrivo di una corsa di formula 1, e la disciplina di squadra non può essere certo annoverata fra le variabili. Un grande campione non dovrebbe voler vincere perchè il proprio compagno gli ha dato strada. E smettiamola anche con la cazzata che Alonso era più veloce di Massa, perché in realtà lo è stato dopo il finto sorpasso, quando Massa era certo con il morale certo sotto le ruote. Inoltre non è certo la prima volta che vince un pilota più lento che però riesce a tenere la posizione. Poi, certo, fior fiore di commentatori-tifosi, adulanti e quindi smaccatamente di parte assumono la difesa d’ufficio della Ferrari, ma questo non significa che domenica scorsa sia stata scritta una bella pagina di sport. . .

  9. Ha ragione Vincenzo quello di yahoo…. e smettiamola ancora con ste storie.. ce ne ho piene le scatole… dai F1Fan e Sempreinmoto avete stufato… quante volte ve lo devo dire? massa sembra risvegliato per un colpo all’11 gara… ma è tardi quindi si merita di fare da secondino… la ferrari ha sbagliato perchè è scarsa e ha dimenticato di raccomandare a massa di dover arrivare secondo e di fare un po “mimez” (di nascosto) se necessario…

    allora vedi che concordi con me f1fan? raikkonen è stato distrutto dalla ferrari! una volta messo come seconda guida non ha fatto niente.. ha solo colto l’occasione di avere massa fuori dai giochi per fare il possibile…

    ancora mcladren? mamma mia se hai stufato… spy story? che palle…. avessero rubato alla bmw non ne avrebbe parlato nessuno… vabbè.. giusto come dici te…

    ORA PERò BASTA VI PREGO!!! VEDETE CHE NON SIETE CONTENTI NEANCHE SE VINCETE???

    • ma dai a me fa trp ridere il nome mcladren !! e non penso solo a me :D

      per il resto nulla da aggiungere ;)

    • Ma dopo quello che è successo al 16° giro “IT’S RIDICOULUS” non ti viene il dubbio che Massa sia uno Stronzo che non si è attenuto agli ordini di Breefing?

      • Non credo sia stato discusso nel breefing ,in quanto nessuno si aspettava la stronzata di vettel

      • IO invece credo che un breefing ci sia staO , VAI A RIASCOLTARE LE DICHIARAZIONI A CALDO DI dOMENICALI.

  10. Anche io voglio fare alcune precisazioni:
    1) L’autore fa riferimento a ordini di scuderia avvenuti in passato quando non c’era nessuna regola che li vietava, a differenza di adesso
    2) Si cerca di far passare schumi quale campione di sportività in quando, a differenza di alonso, cede il primo gradino a barrichello, ma per quello che mi ricordo io schumi scende dal primo gradino perché travolto da una valanga di fischi del pubblico austriaco stanco di assistere a queste scene: non tutti si ricordano che l’anno precedente Barrichello dovette cedere la sua seconda posizione a re schumi
    3) Schumi aveva praticamente già vinto il campionato e non aveva bisogno del aiuto del compagno
    4) È chiaro che tra alonso e massa vi fosse già un accordo: chi è più veloce passa avanti. Alonso lascia uno spazio di 4 secondi tra se e massa e inizia cosi una sfida a suon di giri veloci tra i due che porta smedley a sentenziare: alonso è più veloce di te= cedi la posizione secondo quanto concordato
    5) L’assenza di questo accordo avrebbe spinto alonso ad un attacco più deciso e non sono sicuro che massa potesse portare a casa la vittoria
    6) Se accettiamo l’esistenza di questo accordo allora possiamo dire che massa ha avuto la sua possibilità di tenersi la posizione a differenza di altri (es. button e webber ai quali viene detto di risparmiare fuel=non rompere)

    • Idem della replica a Max Steel

    • ottimo il punto 1 !! lo avevo tralasciato

      il resto nulla da aggiungere

  11. E infine a te Paolo Pellegrini.
    Qui nessuno dice che sei ANTIFERRARISTA, ma perchè voi commentatori Italiano dovete sempre erigervi a custodi della morale sportiva, quando poi in casi avversi i commentatori ESTERI coprono sempre le “marachelle ” dei loro piloti??
    Non ricordo di aver mai sentito un commentatore Inglese di chiedere ad Hamilton di Vergognarsi per aver Mentito sul caso TRULLI, semmai hanno colpevolizzato l’ingenuità di Trulli, pienamente appoggati dai Commentatori ITALIANI.
    Se non siete NAZIONALISTI, abbiate almeno il pudore di tacere.

    • no, non è corretto, hamilton in quella SOLA occasione è stato ampiamente criticato, SOLO perchè il faccino di button stava emergendo cn la brown ;)

      ripeto solo qll’ occasione, perchè quando ha fatto le scorrettezze qst’anno è stato sempre protetto

  12. …MASSA VENDICATI!!!

  13. Sinceramente quest’articolo si poteva evitare!!

    Il sign. Pellegrini ha leggermente modificato la sua precedente presa di posizione semplicemente cambiando la “forma”.

    Che significa ha impartire un comando “con stile”!!

    Signori vi ricordo che la Ferrari ha dato a Massa un semplice messaggio “Fernando è più veloce di te, hai capito?”…………….Che c’è che non va?????….Che c’è di diverso da “Guarda che hai poco carburante” messaggio a Button da parte della McLaren?

    Semmai è stato Massa a rendere tutto così PALESE E RIDICOLO facendosi sorpassare in quel modo, proprio per dire guardate che non sono d’accordo e ora ve la faccio pagare.
    In più ci si è messo il suo ingegnere di pista il sig. SMEDLEY che con il suo “SORRY” ascoltato in diretta da mezzo mondo ha amplificato il tutto!!!

    Quindi secondo me la Ferrari non c’entra un bel niente!!

    Per quanto riguarda il duello in pista, siete così convinti che ci sarebbe stato duello in questa F1 dove i sorpassi sono impossibili e quando riesci a farne uno ti danno pure il DRIVE THROUGH????!!!

    NON DIMENTICHIAMO CHE ALONSO ERA PIù VELOCE DI MASSA!!!!

  14. @GianlucaM
    Per quanto riguarda Pellegrini è vero…diciamo che ha lievemente rivisto le sue posizioni.Ma per il resto non sono assolutamente d’accordo con te (e non solo).La cosa che hai detto alla fine è una grande sciocchezza.Smettetela tutti con questa storia che Sua Maestà Alonso era più veloce di Massa.E’ un discorso che tiene fino ad un certo punto.Un conto è essere più veloce di 2- 3 decimi di chi ti sta davanti,una cosa è sorpassarlo.
    P.S. : “ha impartire”????????IGNORANTE!!!!!!!!!!!CAPRA!!!!!!!!!!!!!!…No vabbe scherzo dai sicuramente errore di distrazione
    Ciao!

    • Ovviamente è un errore di distrazione in quanto ho modificato la frase scordando di cancellare la parola “ha”!
      Lo so anche io che essere più veloci è una cosa e sorpassare ne è un’altra, ma ti invito ad una riflessione.
      Quante volte capita che un pilota dopo aver rimontato decimi su decimi arriva “sotto” al pilota che lo precede e poi si “ferma” lì? Questo che vuol dire?..Che sorpassare oggi in F1 è complicatissimo se non impossibile (diventerò noioso a furia di ripeterlo)!
      Dunque avremmo dovuto vedere Massa e Alonso uno dietro l’altro senza un briciolo di spettacolo perchè il “trenino” di auto non è certo spettacollo! e poi a pro di che? Solo per far vedere che siamo una squadra “modello”?…Sinceramente me ne frego!!
      Non dimentichiamo poi che Massa ha sfruttato il fatto che Vettel ha “schiacciato” Alonso contro il muretto lasciandogli strada libero, quindi la sua posizione non se l’è guadagnata sorpassando il pilota spagnolo!
      Sull’albo d’oro va il pilota (e la sua squada!) che vince, non chi da lezioni di bon ton!
      Tra Alonso e Massa chi è che aveva più probabilità di vincere il titolo? Secondo la classifica Alonso dunque 2+2=4!!! Tutto il resto sono discussioni accademiche che lasciano il tempo che trovano!
      Ripeto il casino l’hanno fatto Massa e il suo Ing. col loro comportamento ANTI-SQUADRA!!
      A me non interessa chi vinca il titolo tra Alonso e Massa, non ho niente da spartire con loro…a me interessa che vinca la Ferrari, questo implica che bisogna fare il possibile per aiutare Alonso, visto che abbiamo gìa gli avversari che ce lo impediranno!

  15. Punto primo (alla memori di due campioni):
    PIRONI SBAGLIO’.
    C’era un accordo tra i piloti Ferrari (le versioni sono molteplici ma concordano tutte in questo senso): chi si trovava in testa a metà gara aveva diritto a vincere. Il cartello ’slow’ indicava di mantenere le posizioni (cosa diversa è dover dar strada al compagno).

    Punto secondo:
    GLI ORDINI DI SQUADRA A VOLTE HANNO SENSO: a parer mio ce l’hanno soprattutto quando nella seconda parte di campionato la classifica suggerisce di puntare sul pilota con più punti (proprio come nel caso di Massa e Alonso)

    Punto terzo:
    MASSA HA SBAGLIATO a non rispettare ordini di squadra sicuramente già stabiliti avanti l’inizio della gara comportandosi in modo poco professionale e puerile. Prima di Hockenheim aveva 67 punti, 31 punti meno di Alonso (98), con Kubica a 83 e Rosberg a 90: come poteva pensare che la Ferrari avrebbe voluto puntare su di lui?

    Punto quarto:
    MASSA NON HA MERCATO. Non ha avuto il coraggio di andare fino in fondo perché una rottura con la Ferrari lo avrebbe rimesso su un mercato saturo dove le sue quotazioni non sono alle stelle.

    • Sono perfettamente d’accordo!!!
      Non dimentichiamo come andò a finire il mondiale del 1982 a causa di quel comportamento di PIRONI!!!!!!!!!!
      Villeneuve la gara successiva purtroppo per tutti noi ci rimise la vita!!!!
      Pironi si ruppe le gambe qualche gara dopo….risultato: Keke Rosberg vinse il mondiale con un solo GP vinto!!

  16. Non si placano le polemiche attorno alla vittoria di Alonso al GP di Germania,

    Le polemiche le fate voi giornalisti perche ci vivete,dica che non è vero e poi voglio ricordarle a prposito di polemiche e iatture che qualche gp fà non ricordo quale massa uscenda dalla pit line tocco appena la striscia bianca,mai l’avesse fatto se non se non lo ha visto nessuno o fatto caso il bravissimo pilota di F1 (ormai ex) capelli e quell’altro giornalista che lo affianca (non voglio offendere nessuno)hanno rotto per un intero gp sul fatto e se i commissari si fossero accorti,ma se i giornalisti fareste il vostro lavoro e basta senza lungaggini non ci guadagneremmo tutti?ancora il bravissimo pilota deve spiegare come ha fatto con una ferrari ad essersi messo a cavallo con tutta l’auto(doppio guard rail)in un gp di montecarlo,fate i giornalisti e lasciate le polemiche agli altri,senza difendere o condannare.

  17. Concordo con Silvio quando dice che Massa ha probabilmente ignorato accordi precedenti quando al 16 giro ha chiuso la porta ad Alonso in modo cosi’ duro, tutto cio’ ha poi costretto il suo ingegnere ad esporsi.
    Come ho gia’ detto in post precedenti se a Massa non andava di fare il secondo pilota bastava cercare di fare il campione nelle prime gare, ha avuto tantissime occasioni dove Alonso per un motivo o per l’altro era fuori gioco, ma lui non e’ mai stato all’altezza.
    Questa domenica poi non era veloce quanto Alonso, se non fossero stati compagni di squadra Alonso lo avrebbe attaccato e molto probabilmente si sarebbe preso lo stesso la prima posizione

  18. In tutta la sua polemica Sig. Pellegrini, non ha evidenziato che comunque andasse, la Ferrari con entrambe le macchine ha lasciato le briciole a Team come la Red Bull. Alonso fondamentalmente per quello che ha fatto vedere e ha dato nelle precedenti corse, merita di essere la prima guida. Ricordiamoci i GP della Malesia e della Cina, dove il sig. Massa non ha ricevuto alcun ordine, ed ha palesemente stoppato Alonso seppur più veloce, per poi far passare altri piloti di altri Team (in quello cinese è stato sorpassato dallo Spagnolo in entrata ai box). Massa non deve dimostrare nulla, forse solo un enorme gratitudine per la Ferrari che nonostante tutto lo ha appoggiato in tutto e aspettato, non sostituendolo dopo l’incidente di un anno fà. Questa è la squadra, nel buono e cattivo tempo, e gli ha rinnovato il contratto nonostante i risultati non sono dei migliori, vuoi a causa della macchina che per attitudine. Le rimonte di Alonso se le puo sognare, l’unica cosa a favore credo siano solo ed unicamente le partenze, anche se quella tedesca è stata grazie a Vettel. Se il suo articolo voleva alzare il polverone dei Si e No (come suo solito) c’è riuscito, personalmente sono d’accordo solo sul titolo, ci voleva dello stile, magari invece di comunicare la verità che alonso era più veloce, potevano semplicemente ricordare che era su una Ferrari, e che la sua condotta di gara poteva eliminare entrambe le macchine. In tal caso Sig. Pellegrini avrebbe avuto sicuramente da ridire con il suo solito articolo . . . .lancia il sasso e guarda che succede.

  19. tutte le squadre ad ogni GP danno oridini ai piloti…solo che alla Ferrari sono stati veramente ingenui…

  20. Ma vi rendete conto che la storia del punteggio non sta in piedi, è solo una scusa accampata per giustificare la porcata dettata dai soldi della santander??? Se massa avesse vinto sarebbe andato a 24 punti da alonso (equivalenti a 9.6 del vecchio punteggio) con ancora 8 gare da disputare, cioè 200 punti conquistabili!!! Quindi, secondo voi, massa è fuori dalla lotta mondiale o la ferrari vuole che lo sia?

    • Caro amico è una questione di probabilità!!
      E’ vero che ci sono in palio ancora molti punti ma la ferrari mica è sicura di vincere tutti i GP da qui alla fine!!!
      Quindi è molto più probabile che il titolo lo vinca Alonso anzichè Massa!!

      Vincendo Massa sarebbe stato a 24 da Alonso ma a 65 da hamilton!!!!

      Ora Alonso invece è a 34 punti da Hamilton!!! Quasi la metà!!!

      La matematica non è un opinione!!!

    • consideriamo pure che la ferrari in 10 gare, ha seminato punti in giro per il mondo a causa sua e dei piloti…

      ne ha seminati così tanti che ormai non hanno il lusso di perdere nemmeno un punticino, e ogni massimo risultato deve essere raggiunto, anche con in queste circostanze

  21. Cari lettori, anzitutto, come qualcuno ha scritto, non ho rivisto assolutamente le mie posizioni. riportando ordini di squadra passati, in periodi in cui non vigeva il divieto, si e’ voluto dimostrare che in casa ferrari queste cose accadono oggi nella medesima modalita’ con cui accadevano un tempo. Con la sola differenza che oggi esiste un divieto. schumi non e’ mai stato un santarello, un campione sì. A zeltweg ebbe l’accortezza di premiare rubens, accortosi della palese “grezza” del muretto ferrari.
    Secondo poi, ho anche detto che gli ordini di scuderia sono legittimi: attenzione a non abusarne e a non applicarli a priori. be’, e non mi dite che villeneuve sia morto a seguito di imola e che pironi non fosse il vice di gilles…!

    La squadra prima di tutto? I capoccia dei team pensano questo, i piloti non credo siano sempre d’accordo con tale affermazione. I piloti vengono pagati dai team, ma in auto c’e’ il pilota, non il domenicali o l’horner di turno.

    Ognuno ha le proprie idee a riguardo, come giusto che sia, influenzate anche da logiche di tifo. Nel mio piccolo, ho un concetto di corse che cozza con lo strapotere del concetto di “squadra” a tutti i costi, oggi imperante.

    Massa non ha chance di vittoria mondiale? Be, pero’ non si possono tarpare le ali a tutti quei piloti che, anche se non in lotta per il titolo, hanno la possibilita’ di vincere una corsa! Alla faccia dello sport, signori…

    • Caro Paolo, ho avuto la fortuna di essere alle acque minerali ad assistere all’ultimo GP di Gilles Villeneuve. Ricordo bene non solo le vicende ma anche l’atmosfera di quell’epoca: ad Imola, nella ’sua’ Imola, si consumò un dramma umano, quello del tradimento, subito da chi, proprio sulla lealtà sportiva, aveva impostato il proprio rapporto professionale con la Ferrari, Enzo ed i compagni di scuderia.
      Tre anni prima, a Monza, Gilles aveva accettato di guardare le spalle a Jody pur essendo ancora in corsa per il titolo. Negli anni, difficili, che seguirono, Gilles fu il punto di riferimento per la squadra e per tutta la tifoseria, con imprese che hanno fatto la storia di questo sport.
      Sentiva il 1982 come il suo anno, nella stagione precedente aveva surclassato il nuovo compagno di squadra, quel Dider Pironi che il Drake aveva fortemente voluto; all’epoca vigeva l’accordo che chi si fosse trovato avanti in classifica al giro di boa del mondiale avrebbe avuto maggior sostegno e anche una semplice regola che tutelava il risultato nel caso che entrambe le vetture si fossero trovate al comando di una gara: la regola, logica e di buon senso, recitava così: mantenere le posizioni. Le stagioni non iniziavano con una gerarchia tra i piloti, il ruolo di prima guida andava conquistato a suon di risultati. La dimostrazione che Gilles non era la prima guida venne proprio dalla gara Imolese, infatti, a sorpresa e in controtendenza rispetto all’opinione generale, Enzo Ferrari ebbe parole di comprensione per il francese: Gilles si sentì tradito due volte e la sua rabbia non si placò nei successivi quindici giorni che portarono al week end di Zolder. Anche a sangue freddo Gilles non sapeva darsi pace, ed il suo malumore lo portò addirittura a considerare l’ipotesi di cambiare squadra cedendo alle lusinghe di Frank Williams.
      Fatto sta che l’atmosfera era tesissima e Gilles affrontò le prove del GP del Belgio senza la necessaria serenità. Dire che morì a seguito di questi fatti è sciocco, ma pensare che quella maledetta incomprensione con Mass sia avvenuta per una serie di fattori comprendenti anche lo stato d’animo col quale Gilles percorse quegli ultimi giri di qualifica, che lo vedevano dietro a Pironi, non è assurdo.

    • @Paolo Pellegrini

      Paolo, io sarei felicissimo se le scuderie non applicassero quella che è una loro regola interna.
      Non accetto l’idea invece, che tale abuso, possa essere accettato purchè fatto con stile. É questa la differenza fra il mio e il tuo pensiero. Io ribadisco che o si è contro un sistema, o a favore, ma non lo si può condannare ed allo stesso tempo tollerare a patto che venga condotto in un certo modo.
      Quindi per me non è questione di stile. Anzi, tutt’altro.
      Come anche tu, hai giustamente fatto notare, la storia degli ordini di scuderia è lunga. Il divieto, impartito da parte della FIA, non li ha mai comunque impediti. Le scuderie hanno perseverato, senza mai curarsi di questa regolamentazione.
      Lo stile, tanto invocato, dovrebbe essere il comportamento diplomatico, probabilmente richiesto, affinché fosse possibile, quella che è una presa per i fondelli. In tutta sincerità, personalmente, se io fossi un commissario, non mi auspicherei che qualcuno, violando un regolamento, trovasse un modo diplomatico per darmela da bere, fregandomi due volte. La prima volta per aver violato e la seconda volta per avermi preso per un credulone.
      La Ferrari, ha mentito chiaramente? Bene, anzi benissimo.Viva la faccia. Forse questa polemica nell’universo F1, può servire a discuterne presso gli alti vertici, e decidere quali seri provvedimenti prendere in merito. Non è osceno da parte di Colajanni dire « Massa aveva problemi di trazione…» No, non lo è, è anzi possibile prenderla come una provocazione, in quanto quell’affermazione, non è dimostrabile che sia falsa, quindi pone alla luce quello che è un modo perseguito da tutti. Trovare una scusa non dimostrabile, per aggirare un ostacolo regolamentare.
      Ma le scuse, non sono dimostrabili, o si vuole che non lo siano? Questo è il problema.
      Vorrei essere più chiaro. Se alla comunicazione « Hai poca benzina, rallenta» gli uomini della FIA maturassero il sospetto che si sia dato un ordine di squadra, ponendo il team sotto inchiesta e andassero a verificare, a fine gara a scopo di indagine, quanto carburante la vettura avesse effettivamente a bordo, si potrebbe smascherare un ordine, impartito con altri fini. Se non erro, caro Paolo, le vetture vengono pesate vero? E se la vettura, viene trovata con carburante sufficiente per affrontare la gara con verve, semplice sarebbe smentire chi consigliava parsimonia nel consumo.
      Ma forse a questo lavoro si preferiscono le bugie di stile e fantasiose. Il barone di Münchhausen, sarebbe un ottimo team manager.
      Perdonami Paolo, ma non sono d’accordo col tuo titolo “è anche questione di stile”. Se diciamo che è questione di stile, vuol dire che accettiamo una violazione di regolamento, in cambio di una bugia ben raccontata. “É questione di stile”, lo capirei se detto da un tifoso, deluso dal fatto che la squadra del suo cuore, non sia stata suficientemente astuta nel propinare una scusa, ma non da chi, ha gridato “Vergogna” per ciò che è accaduto e si augurerebbe un comportamento corretto.
      Bene ha fatto Montezemolo. Beato chi esce allo scoperto e non si nasconde dopo aver rotto la bottiglia dell’olio. Se alla FIA, non sta bene ciò, imparino a non voler accettare di digerire “balle”!
      Per chiudere: hai citato Todt. Beh! Se dall’alto della sua poltrona, legittimamente meritata, avesse fatto in modo che le Ferrari fossero squalificate, non ci sarebbe stato cuscino al mondo da regalargli giusto riposo. Non si sarebbe in seguito sentito tranquillo. Lui uomo di corse,conosce bene quel mondo.
      Una squalifica della Ferrari, avrebbe forse, secondo me, fatto prendere in considerazione da parte di Maranello, l’abbandono della F1. In questo caso, per onestà, quella vera, e solidarietà, credo che anche le altre squadre avrebbero dovuto protestare contro una giustizia decisamente parziale ed orba da un occhio. Avrebbero per forza di cose, dovuto dire «Allora fuori tutti».
      Ti rivolgo una domanda Paolo e spero tu mi risponda. Dici che gli ordini di scuderia sono legittimi, a patto di non abusarne e non applicarli a priori. La domanda è « Se legittimi una violazione, perchè ti lamenti e gridi vergogna, ma soprattutto se non bisogna abusarne, qual è il limite che ogni squadra si dovrebbe imporre? Quale secondo te, sarebbe il giusto oltre il quale non bisognerebbe andare? Una soglia stabilita e regolamentata da chi, visto che è già fuori regolamento? Un limite di abuso, che per te potrebbe andar bene, ma che potrebbe far gridare “Vergogna” un altre persona.
      Ciò che non è lecito, non lo è totalmente e non solo in parte, o si è a favore o contro. Dicci da quale parte stai.
      P.S. Lo credo che tu sia un simpatizzante della Ferrari, ma credo che la tua alterazione nasca dal fatto che sei un fan di Massa, e ti dispiaccia che tale decisione, abbia invalidato lui.

  22. C’è da dire però che Gilles perse la gara solo perché conscio del fatto che c’era l’ordine di mantenere la posizione e venne colto di sorpresa da Pironi. Senza nessun ordine avrebbe vinto Villeneuve.

  23. vabbè.. si puo star qui a discutere mille volte della stessa cosa… alla fine la verità è che massa ha palesato il suo ordine di squadra e sia poi stato graziato.

    come? cosa? quando? perchè? per come? ma? ecc ecc… basta vi prego.. non vedo l’ora ci sai un altro gp da commentare… questa storia ha stressato…

    • Concordo pienamente!
      Sinceramente durante il GP dopo il sorpasso di Alonso su Massa non mi ero proprio posto il problema.
      Sono rimasto molto sorpreso dalle reazioni delle scuderie avversari (e questo posso anche capirlo), ma ancor di più dalla stampa italiana (vedi Rai che hanno fatto un vero e prorpio processo).
      Sinceramente in tutto questo casino le uniche parole lucide le ha dette Pino Allievi che essendo molto navigato in questo mondo dopo la gara aveva subito minimizzato!
      Comunque non vedo l’ora che cominci il prox weekend…..e FORZA FERRARI!!!!!

  24. Ognuno ha le proprie idee a riguardo, come giusto che sia, influenzate anche da logiche di tifo. Nel mio piccolo, ho un concetto di corse che cozza con lo strapotere del concetto di “squadra” a tutti i costi, oggi imperante.

    Questa è giusta,lo sport egregio non esiste più come nell’automobilismo anche in altri,impera il business e allora che facciamo ? la ferrari delinquenziale e gli altri tutti santi ? comunque andiamo avanti che è meglio.

  25. Miei Cari,
    seguo le gare automobilistiche dal 1967 sono stato un pilota con modesti risultati e sono stato e sono amico di piloti blasonati del passato,è anche una questione di stile si può far perdere tempo allo scudiero con una sosta leggermente più lunga ai box, sembra che alla Ferrari non sappiano più gestire le cose forse non si ricordano che con la tlemetria non sfugge niente non si può mentire e le comunicazioni radio?Ma per favore facciano i seri per me la Ferrari è come la mamma ma tutto c’è un limite!

    • Salve,
      rispetto la sua grande esperienza, ma vorrei farle riflettere su una cosa, se mi permette.

      Premesso che sono d’accordo che il team Ferrari come è gestito ora neanche a me piace, ma che differenza c’è (in senso di stile!) tra l’ordine impartito dalla Ferrari a Massa “Fernado è più veloce di te” e l’ordine impartito qualche GP fa dalla Mclaren a Button “Rallenta perchè hai poco carburante”?

      Il problema è sorto a causa del fatto che Massa (mi è simpatico come pilota e credo che sul giro secco sia anche molto veloce) ha fatto di tutto per rendere la cosa molto palese (in più ci si è messo il suo Ing. di pista col suo “Sorry”).
      Se Massa si fosse fatto sorpassare in staccata o avesse fatto finta di andare lungo non sarebbe successo niente e il “consiglio” dato dalla Ferrari a Massa sarebbe passato inosservato.

      Riguardo il fatto di optare per qualche secondo in più nel cambio gomme di massa ricordo che Vettel non era molto lontano e quindi la Ferrari non poteva rischiare troppo (nell’unico cambio gomme della gara)!

  26. Vorrei fare una precisazione.

    Volendo anche mettere che massa non è fuori dal campionato (con i 7 punti “scippati” domenica sarebbe attualmente a 92 punti, anche vincendo tutte le gare restanti andrebbe a 292 punti totali (8 gare 25 punti a gara = 200 punti)

    ad Hamilton basterebbero tutti secondi posti per vincere (18 x 8 = 144 + 157 = 301), quindi a massa mancherebbero 9 punti.

    D’altronde Alonso di punti oggi ne ha 123, per un totale di 323 punti arrivando sempre primo.

    E’ vero, Hamilton potrebbe non arrivare sempre secondo, non è finita fino a che non è finita, ecc ecc.

    Purtroppo siamo oltre metà campionato con 12 gare già disputate ogni punto è prezioso.

    Il brasiliano è troppo indietro rispetto sia al proprio compagno che al primo in classifica.

    Detto questo, l’unico modo per evitare gli ordini di scuderia sarebbe che ogni pilota stia in una squadra diversa, gestita diversamente e che al pari delle altre lotta per il titolo.

    Di certo non è realizzabile (pensate al traffico nei box :p).

    Il fatto è che una regola che impone ad una squadra di non fare gioco di squadra è assurda, a prescindere da quanto bello sia o meno farsi sorpassare quando si potrebbe vincere.

  27. Caro GIANLUCAM NELLA VITA NON SI PUO’ AVERE TUTTO,O LA FIGURACCIA O IL RISULTATO!comunque diciamocelo pure basta con questa F1 AI VELENI PIU’ SORPASSI E MENO IPOCRISIA!

  28. Fabio

    29/07/2010 • 14:59
    Caro GIANLUCAM NELLA VITA NON SI PUO’ AVERE TUTTO,O LA FIGURACCIA O IL RISULTATO!comunque diciamocelo pure basta con questa F1 AI VELENI PIU’ SORPASSI E MENO IPOCRISIA!

    Replica
    Giustissimo ma al momento non se ne parla,quello a cui auspichi che è quello a cui penso anche tutti gli altri non è attuabile con queste vetture tutte uguali con la sola differenza del colore o degli sponsor,bisogna cambiare i regolamenti e in primis la realizzazione della vettura,per quanto riguarda gli ordini di scuderia sarei per attuarli nella misura di uguaglianza dei piloti fino a metà campionato poi è chiaro che essendoci in ballo anche tanti soldini un pilota si dovrà pur sacrificare per la squadra.

    • Condivido in pieno!!
      Parlare di sporpassi nella F1 di oggi è ridicolo!!
      E’ da tempo che vado dicendo “più meccanica meno aerodinamica”!
      Se i sorpassi non fossero stati così compicati anche io avrei preferito aspettare che alonso raggiungesse massa per gustarmi il duello….ma dove sono sti duelli?

  29. Domenica per tutta la gara la McLaren ha dato ordine a Hamilton di risparmiare benzina, e c’era Button dietro, solo a fine gara gli hanno dato il via libera, quindi penso che dietro a questi messaggi solo nella vostra testa si celano ordini di scuderia.

    • Vero oggi non sono in grado di sapere quanto carburante sciuperanno in gara,è una battita? :)

      • avranno sbagliato il dimensionamento del serbatoio….

      • Quindi secondo te hanno detto ad Hamilton per tutta la gara di risparmiare benzina per far avvicinare Button?

    • Forse sarebbe meglio costruire degli autogrill nei circuiti così magari si fermano a prendere anche un caffè e un panino mentre fanno il pieno. Voglio capire che quello che ha fatto Massa, (per inciso e come dicevo sopra ancora non ho capito percheil muretto non ha fatto trovare a MASSA una punto jtd con il pieno, le valige nel cofano, il suo ingegnere su tettuccio e averlo mandato direttamente in Brasile) è stato di un plateale unico, ma nella sostanza non c’è differenza. Va be che parlare di qs riesce a non far parlare del fatto che domenica la Ferrari è stata strepitosa bastonando la concorrenza.

    • oh *******.. ancora polemiche e ancora mclaren… ma santo cielo che vi ha fatto di male a sto giro? di festeggiare una dopietta non avete proprio voglia?

      ma santo cielo misericordia la *******… se il carburante è contato al millilitro per farlo pesare il meno possibile è ben probabile che finisca… è successo parecchie volte che finisca in passato… e allora perchè non possono dire quello che vogliono dai muretti?? e anche fosse che lo dicono per gioco di squadra… ma perchè cavolo vi accanite se dite che è una regola assurda? perchè la regola oramai giudicata da tutti assurda non puo esserlo per tutti? perchè se c’è una regola cosi semplice da raggirare TUTTI riescono tranquillamente a farlo fuorchè la ferrari?

      perchè la ferrari è POLLA! e allora è inutile cercare scuse che la regola è inutile e la regola non vale niente e è una regola che tutti raggirano… LA REGOLA C’è E BASTA! CHI LA RAGGIRATA L’HA FATTO CON UN MINIMO DI MANIERA PERCHè NON FINISCA NELL’EVIDENZA TOTALE… SI VEDE CHE PER LA FERRARI ERA UN COMPITO TROPPO DIFFICILE…

      Comunque avete vinto voi su tutto il resto degli aspetti… quindi basta polemiche e polemicotte… così è andata.. non potete esserne fieri? neanche io lo sono stato quando hamilton ha fatto il pagliaccio con i suoi zig zag… però è passato.. va bene cosi lo stesso perchè tanto cosi è stato deciso… e quindi delle nostre parole non se ne fa niente nessuno… ne abbiam sprecate abbastanza per sto argomento o no? visto che è almeno la settima o l’ottava volta che scrivo la stessa cosa?

      • non siamo noi ad accanirci, ma voi a farci passare come gli unici a non rispetare le regole.

    • No ma visto che anche button pareva la brutta copia di altre volte e non essendoci pericoli di sorta gli abbiano chiesto di rallentare,tirando non risolveva nulla.

    • Assolutamente non doveva avvicinarsi Button, il problema a fine gara lo ha svelato Withmarsh, SURRISCALDAMENTO.
      Però quel coglione di Ivan Capelli ha rovinato tutta la tua tesi quando al 5° giro ha riferito che dai box era partito un ordine per Button di risparmiare benzina per calcoli errati.
      Quindi prima di rallentare Hamilton hanno tarpato Button.
      per non parlare dei Pit stop, button un secondo e mezzo più lungo di Hamilton.
      La gara registratela e dopo riascoltate tutte le cazzate di Mazzoni Capelli Giovannelli & Company,
      Fra tante menate esce pure uno scoop.

  30. Se il regolamento che vieta alle scuderie di dare ordini in gara ai propri piloti (forse) verrà eliminato,
    vedremo come si comporteranno quelli ipocriti della Red Bull se una volta si verranno a trovare
    nella situazione che si è trovata la Ferrari in germania.

  31. Insomma è solo colpa di Massa.
    Addirittura si è certi che prima della gara avessero previsto una situazione tale e che avessero studiato e detto a Felipe che avrebbe dovuto farsi da parte in caso fosse stato davanti lui.
    Mah, se veramente fosse stato così, potevano benissimo fare i pit stop più distanziati tra i due piloti dato l’esiguo distacco tra i due, così Alonso, visto che era così veloce, poteva passarlo a suon di giri veloci mentre i meccanici ci mettevano un secondo in più a cambiare le gomme a Massa.
    L’unica colpa di Massa, potrebbe essere stata quella di rendere ancor più plateale l’ordine di scuderia, ma che la frase “Alonso è più veloce di te…” indicasse a Massa di farsi da parte lo avevano capito tutti, anche i cronisti che infatti commentavano già e aspettavano la manovra.
    La tesi che le altre squadre abbiano fatto lo stesso vale fino a un certo punto. Sugli ordini degli altri possiamo fare solo illazioni e la FIA in base a questo non può punire, sulla manovra Ferrari le prove sono schiaccianti e quindi, come ha ricordato Pellegrini, facendo così hanno mostrato di violare una norma, che seppur sbagliata c’è, rischiando gravissime sanzioni, maggiori del guadagno ricevuto. Ecco perchè dovevano farla più furbescamente. E’ ovvio che è sempre un imbroglio, ma almeno non rischi sanzioni, poi su quello che dicono le altre scuderie non me ne frega niente, è la FIA che decide e se non gli dai qualcosa su cui attaccarti, possono girare tutte le chiacchiere che vuoi, ma sei a posto.
    Poi sul fatto che Massa ha rischiato di scontrarsi con il suo compagno di squadra, beh, perché Alonso cosa ha fatto il gran premio prima?, e quando lo ha superato nella corsia box? Non ha forse rischiato la collisione?
    Sono Ferrarista, ma credo che se c’è uno che pensa solo a se stesso e non alla squadra quello sia Alonso, non Massa. Basta vedere cosa ha fatto in Mclaren contro Hamilton.

  32. @Max Steel

    :D Ciao Max Steel. Ma proprio ti stai logorando! :D Non prendertela perchè sto scherzando. Mi ha molto divertito il termine POLLA. Non l’avevo mai sentito e mi chiedo cosa possa significare questo neologismo… :D non è vero lo immagino, solo che pollo al femminile non si volge.
    Comunque, a parte gli scherzi. Non è che si vuole continuare a polemizzare ad ogni costo. Il punto è che le risposte, sono inerenti all’articolo, e se si pubblicano vari articoli, il cui contenuto della discussione, è sempre quello, cioè l’ordine di scuderia, è inevitabile che le discussioni, bene o male, girano sempre intorno a quell’argomento. Speriamo che Domenica ci sia da parlare d’altro. Vedi, Massa ad esempio ha annunciato ed avvertito Alonso, che se Domenica in Ungheria si ripresentasse la medesima situazione, vincerebbe lui. Noi ferraristi, non possiamo fare altro che fargli tanti auguri ti sembra? Sempre meglio vedere primo Massa anzicchè una Mc Laren. Vero ragazzi? ;)

    • “Sempre meglio vedere primo Massa anzicchè una Mc Laren. Vero ragazzi?”

      ovvio !!! :D !!!

      FORZA FERRARI !!!!!!!!!!!

      • quanto ti odio flight… ah ah ah.. :)

  33. @Max Steel

    E io no! :D
    Ma certo F1fan, ovvio!!! :D !!!
    F O R Z A F E R R A R I !!!!!!!!!!!

  34. Mamma mia quante chiacchere!
    Possibile che nessuno (o quasi) si ricordi che le leggi, anche se sbagliate, vanno rispettate e se non lo fai non puoi lamentarti se te la fanno pagare, come è giusto che sia. E’ vero che siamo in Italia dove chi frega la legge se la passa bene e anche se ne vanta, se non addirittura se le fa come più gli piacciono, ma qui ci sono anche gli altri e le cose funzionano in un altro modo.
    Tifosi ferraristi, usate il cervello e non credete alle storie che vi raccontano i giornalisti: le scrivono solo per farvi contenti e farvi comprare il giornale.