Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

Il ritorno di Schumi in F1: operazione fallita?

schumi-f1

In questi giorni, complice il fatidico ventennale, non si parla d’altro: Schumacher, Schumacher e ancora Schumacher. Ma a completamento di questo doveroso omaggio storico al campionissimo tedesco, manca dappertutto un ingrediente fondamentale, indispensabile affinché si possa comprendere appieno chi fosse Schumi in quel lontano 1991. Se è vero che nel 1990 militava in Formula 3, se è vero che è approdato in F1 senza il trampolino di lancio della allora ottima Formula 3000, è altresì vero che nel 1990-1991 era già pilota del Team Sauber Mercedes nel Mondiale Prototipi Gruppo C e che, appena due mesi prima dell’esordio con la Jordan a Spa-Francorchamps, il signor Schumacher quasi vinceva la 24h di Le Mans con Karl Wendlinger e Fritz Kreutzpointner (giungeranno quinti), peraltro facendo segnare anche il giro più veloce in gara! Insomma, vetture e circuiti coi contro-attributi, non so se rendo l’idea…

Ad ogni modo, Schumi ha fatto quel che ha fatto perché illuminato e baciato da un talento fuori del comune.

Ma riavvolgiamo il nastro

Era l’estate del 2009. Sembrava ormai fatta: Michael Schumacher di nuovo al volante di una Ferrari F1. Il clamoroso ritorno di Schumi alle competizioni già faceva sognare il popolo ferrarista. Ma proprio in quei giorni, chi Vi scrive osava definire l’intera faccenda “una trovata pubblicitaria in grande stile”, contornata da più contro che pro. Ebbene, Schumi ha lasciato la Ferrari e si è accasato dal 2010 in Mercedes. Per questo, i tifosi ferraristi (non tutti, per carità divina…!!), capitanati dai media di carta stampata e TV, hanno scaricato Schumi manco fosse un delinquente. “Traditore!!”, urlavano e urlano gli ultrà della Ferrari, dimostrando una ingratitudine senza precedenti. Ormai Schumi, per molti ferrasti, è diventato una sorta di “nemico giurato”, da criticare sempre e comunque.

Tuttavia, il cambio di casacca non sposta una virgola del discorso originario: si tratta sempre di uno spot pubblicitario. Uno spot, però, mal confezionato. Il ritorno di Michael Schumacher è stato voluto e bramato con tanto ardore per una sola ragione: creare ad arte un motivo di interesse attorno al baraccone della F1. Un personaggio come Schumi avrebbe comportato, in linea teorica, più introiti, più sponsor, più contratti, più audience TV, più spettatori in autodromo. E poi, sarebbe stato un gol mediatico per Mercedes. Insomma, avrebbe aumentato il giro di quattrini.

Sul piano prettamente sportivo, uno Schumacher competitivo avrebbe comportato il tanto agognato confronto con i migliori piloti del momento, Vettel ed Hamilton su tutti.

Ma in tanti, troppi hanno fatto i conti senza l’oste. Ad iniziare da Michael Schumacher stesso. Si percepisce lontano un miglio che Schumi ha smarrito la motivazione, la fame, l’orgoglio e l’aggressività che lo hanno sempre contraddistinto. Schumacher, ora, corre quasi fosse costretto. Si ha la sensazione che egli abbia intrapreso questa nuova avventura in Mercedes con poca convinzione. Deludente in qualifica, mai convincente in gara, naviga sempre nelle zone centrali della classifica. Insolitamente serafico, modesto, assente, sempre sorridente, sfoggia la stessa espressione paciosa sia che arrivi 4°, sia che tagli il traguardo 9°, sia che vada a sbattere dopo pochi metri di qualifica per colpa di una ruota mal fissata.

No, il vero Schumi è un altro.

Con tutto il massimo rispetto per Nico Rosberg (validissimo e simpaticissimo pilota), lo Schumacher dei tempi d’oro lo avrebbe “polverizzato”. E invece, oggi, Schumacher è costretto ad elemosinare un 5° posto a Spa-Francorchamps grazie ad un palese ordine di scuderia che costringe il povero Rosberg a rallentare (“stai consumando troppo carburante!”, una scusa che ancora oggi fa la sua porca figura…) e che regala la posizione a Schumi. Quale modo migliore per festeggiare i 20 anni di carriera in F1…! No, i conti non tornano.

Sebbene abbia vinto 7 titoli mondiali tra il 1994 ed il 2004 (e lottato per vincerne altri…), ci sono persone che ancora incomprensibilmente non attribuiscono a Schumacher il giusto merito. “Vinceva perché aveva la macchina migliore!”, affermano gli scettici (credetemi, sono tra noi…). Certo, se vuoi vincere serve il mezzo che ti consenta di vincere (è sempre stato così e sempre sarà così, ovvio!), ma Michael Schumacher al pari di tutti i piloti illuminati da un talento fuori dell’ordinario ci metteva tanto, ma proprio tanto del suo. I risultati colti tra il 1991 ed il 1995 con Jordan prima e Benetton poi parlano chiaro. E non dimentichiamoci che, dal 1996, ha risollevato le sorti di un Cavallino azzoppato. Può sembrare strano, bizzarro, curioso e certamente inconcepibile, eppure tante persone ancora non hanno compreso quale immenso talento sia stato Michael Schumacher. Schumi è un pilota all’antica: cattivo col volante, fa scorrere molto la vettura, lavora di acceleratore, ha un modo di interpretare le curve tutto suo.

Ma adesso qualcosa si è spezzato. Gli anni passano, è vero, ma non dimentichiamoci che Schumi si era congedato dalla F1 a fine 2006 regalandoci una prestazione capolavoro in quel di Interlagos. La forma fisica, anche oggi, c’è ancora. D’accordo, la Mercedes MGP W02 non è un portento, ma il vero Schumi, a parità di vettura, sarebbe in grado, anzitutto, di “suonarle” al proprio compagno Rosberg. Siamo sicuri che Schumi non possa essersi dimenticato come si guida e come si vince…

Ciò che manca al “nuovo” Schumi è la motivazione, sebbene non debba più dimostrare nulla a nessuno. Ma un pilota, per definirsi tale, non deve sentirsi mai appagato: qualora lo sia, è giunto il momento di smettere con le corse.

Anche dal punto di vista mediatico, l’operazione “Michael Schumacher-Mercedes” si è rivelato, almeno per il momento, un totale fiasco. All’inizio del 2010, l’attesa attorno al ritorno del “Kaiser” era enorme. Quindi, inevitabilmente, si è andata spegnendo a stagione in corso. E quest’anno, al di là di qualche ipocrita proclamo durante i test pre-campionato, Schumi gode di una attenzione pari a quella che la stampa dedica alle vicende della Virgin…!

Ci sono troppi furbi in giro. Proprio coloro i quali erano pronti ad inzuppare il pane nell’”operazione Schumi” ora si smarcano con fare abilmente subdolo. Ad iniziare dal padrone della F1, Bernie Ecclestone, possibile deus ex machina del ritorno di Schumi in F1…

Dov’è finito il vero Schumacher? Sarà in grado di riaffacciarsi alle posizioni di vertice in questo ultimo scorcio di 2011? E cosa combinerà nel 2012, probabilmente il suo ultimo anno in F1?

Attento Schumi, gli sciacalli sono tra noi! È noto, tifosi e stampa sono strani: fenomeno oggi, brocco domani. Attento Schumi, non cadere nella trappola. Fuggi, sei ancora in tempo.

Fatto ciò, Michael Schumacher dovrebbe rivelare al mondo i retroscena che covano dietro al suo avventato ritorno in F1, ancora nebbiosi. Schumi, perché l’hai fatto?

Scritto da: Paolo Pellegrini

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , , , , ,

32 Commenti

  1. Ancoooora?
    Ancooora Schumacher?
    Ma non avete altro nella testa?
    Basta, non se ne può più.

  2. Nessuno di noi riesce a sopportare le perdite senza dolore, vale lo stesso quando un campione per logica evolutiva non lo può più essere.

    Quindi giustifichiamo, cerchiamo degli agganci con il passato, speriamo che per magia la prossima volta ci sia un riscatto che dimostri che non ci eravamo sbagliati, ma erano mille altre sfaccettature che non andavano.

    Ora tolte tutte queste sacrosante debolezze umane, potremmo finalmente esprimere onesta a noi stessi e tutti.

    Schumi non c’è più e non tornerà più (punto)

    Schumi forse ha peccato di arroganza e si è voluto calare in un ruolo che non è più suo, o forse è meglio dire che doveva spettare ad altri. E ‘ questa ultima considerazione che personalmente ritengo poco sportiva.

    Ma si diamoli un Red Bull e forse potrà tornare a podio… ma che senso dovrebbe avere.

    Per quanto sinceramente non lo trovo perticolarmente simpatico, preferisco sia un Vettel che inizi a creare un proprio mito (se ne sarà capace) o un chissà un altro.

    Perchè non far tornare anche Fangio in F1, bastaaaaaaaaaaaaa!!!!!

    • Schumacher detiene ben 63 record mondiali:
      - 7 mondiali vinti
      - 5 mondiali vinti consecutivamente
      - 5 mondiali vinti da campione in carica
      - 180 gp con la stessa scuderia
      - 91 vittorie
      - 7 vittorie consecutive nel 2004
      - 154 podi….. eccetera e mi fermo qui.

      Ora il ragazzo vuole continuare a correre, gli piace, ha entusiasmo, ha la macchina, ha lo sponsor, i risultati sono i suoi, nel bene e nel male, accetta con filosofia le sue performance e non deve dimostrare più niente a chicchessia.
      A chi da fastidio questa cosa? Perché continuare a declamare il de profundis su un pilota che ha ancora voglia di correre, rimpiangerne il passato e spettegolare continuamente su di lui?
      Perché volerne a tutti i costi il fine carriera? Cui prodest?

      Schumy correrà fino a quando lo vorrà lui oppure fino a quando avrà sponsor e macchina ed sempre un piacere vederlo correre e guidare.

      Non è più competitivo? Ma chi se ne frega.
      Rosberg fa meglio di lui? Beh, fra qualche hanno di Rosberg non parlerà più nessuno ma fra 50 anni si parlerà ancora del grande Michel Schumacher ed io sono felice di averlo visto correre e vincere con la Ferrari e sono ancora felice di vedere correre un mito come lui.
      Quanto ad Ascari, il paragone mi sembra inopportuno, oltretutto Alberto Ascari guidava camion e non entrerebbe in una monoposto di oggi.
      Giuseppe

      • Scusate volevo dire Fangio

      • bravo blade runner

  3. Perchè a 42 anni con 7 titoli mondiali è tornato?

    Semplice…. per passione…. e i veri appassionati di F1 lo hanno capito…..

  4. Tutto giusto,Tutto bello,ma il bimbo dal ditino facile,quanto ha dato in termini di sviluppo per potergli stare alla pari,mettiamoli sulla stessa barca,poi parliamo………….

  5. sai che legnate che ancora darebbe il buon Kaiser…….

    • riccardo augusto pizzolato
      sn molto d’accordo cn te

  6. da ferrarista spasimo per vedere quale sarà l’auto che Brawn presenterà il prossimo anno per salvarsi dalle ire della Mercedes.

  7. @Paolo Pellegrini

    “Con tutto il massimo rispetto per Nico Rosberg (validissimo e simpaticissimo pilota), lo Schumacher dei tempi d’oro lo avrebbe “polverizzato”.”

    Effetivamente trovo in questa frase il massimo rispetto :-)

    La realtà però è ben diversa, i fatti dicono che Rosberg 9 volte su 10 si qualifica davanti e lo stesso vale per i piazzamenti a fine gara. Non solo ma come nello scorso GP riesce a fare partenze fulminanti tanto da riuscire per quel che gli consente la monoposto, di stare per qualche giro davanti.

    Per quanto riguarda schumacher come è stato un grande pilota, allo stesso tempo è sempre stato bravo nel coprirsi di ridicolo:

    - quando stravincieva, a rovinare tutto bastava un assurdo sorpasso sul compagno di scuderia sul traguardo, continui zig zag alla partenza, oppure l’episodio del sorpasso di Villeneuve nel 97 dove con la massima sportività a cercato palesemente di buttarlo fuori.

    - ma anche con la Ferrari e i suoi tifosi e stato da meno, poco tempo prima di approdare in Mercedes, la Ferrari ne aveva caldamente richiesto il ritorno in sostituzione di Massa, ma si sà, a differenza della Mercedes guidare una Ferrari causa grossi problemi al collo.

    Non poteva pertanto mancare l’ennesimo suo atto ridicolo, speriamo sia l’ultimo.

    Non credo siano stati tifosi Ferrari a mollare lui, ma semmai il contrario. L’unica differenza tra quelli che tutt’oggi ne rimangono ancora affascinati e puramente una caratteristica di una certa categoria di persone che sanno essere in qualche modo superiori, più prendono calci in c… e più ti sono riconoscenti.

    • Scusate se riprendo il mio post, ma ne avevo scordato un punto altrettanto significativo sulla capacità di essere ridicolo

      - da quando è riuscito a correre per una scuderia tedesca, ha imparato perfettamente a parlare italiano

      hahahaha, …….. in fondo chissa quanto si diverte

    • Ti dico solo una cosa: Schumacher i mondiali li avrebbe vinti con qualunque macchina.
      La Ferrari prima e dopo di lui quanto ha vinto? 1 mondiale in 30 anni
      E’ la Ferrari (con i suoi tifosi) che deve essere riconoscente verso Schumacher, non il contrario

      • @ Paolo
        se vuoi esserne riconoscente a vita non è affar mio.

        Nell’articolo si polemizzava sulla categoria di tifosi Ferrari che ad un certo punto si sono dissociati da Schumacher, alcuni disprezzandolo pure. Ho cercato a mio modo di dare una semplice spiegazione su quali potesserro essere i motivi per cui erano arrivati a provare questo.

        E’ anche vero che ho inserito anche una frase leggermente provocatoria verso chi invece non è riuscito a compiere questa evoluzione, ma anche questo in fondo devo ammettere non è affar mio.

        Sul fatto che Schumacher avrebbe vinto con qualsiasi monoposto, è evidente si tratti di una frase buttata lì sensa senso, ma anche quì se a te piace crederci, per me non cambia nulla.

        Non mi interessa se la vedete come me o meno, mi fa piacere esprimere le mie sensazioni e condividerle, se anche ad uno solo daranno lo spunto per un miglior ragionamento, ne sarà valsa la pena.

      • Birba, al giorno d’oggi molti se ne vengono con la storia “Se (qui si mette il nome del proprio pilota preferito) guidasse la (qui si mette il nome della macchina del rivale, che è sempre vista come un’astronave che si guida da sola o al massimo dai box) vincerebbe tutte le gare!!!”

        Però quello che dice Paolo non è lontano dalla realtà. Certo, Schumacher su una Jordan avrebbe vinto poco o niente (come Hamilton, Alonso, Prost, Senna, Fangio, Clark o chi per esso).
        Ma se ci pensi a fine ‘95 poteva scegliere tra Williams (non oso immaginare cosa sarebbe successo) o McLaren (avrebbe dovuto aspettare qualche anno in più ma meno rispetto alla Ferrari)
        Quindi con ogni probabilità 4/5 mondiali non glieli avrebbe tolti nessuno. Anche perchè certe stagioni (comprese il 1997 e il 1998) hanno dimostrato come ci fosse un abisso tra lui e ogni altro pilota del mondo.

      • paolo
        6 molto intelligente

  8. Schumacher,
    credo sia stato convinto da quello spirito nazionalista che anima ogni sportivo con la esse maiuscola, chiudere una carriera al servizio del proprio paese credo sia una, se non l’unica aspirazione di ogni sportivo. Il calcio ce lo dimostra in ogni momento per cui non si può non applicare questa formula anche per i motori.
    Peccato che la mistura età/macchina scadente abbia preso il sopravvento e che stia costringendo Schumacher a una ingloriosa fine carriera ma… io amo ricordarlo per quello che è stato, un infinito campione anche se non ha mai imparato a dire una cazzo di parola in italiano lo ammiro lo stesso per quanta foga abbia messo in ogni sua corsa, ve la ricordate quella a indianapolis, qualche anno fa quando ci fu quel casino con le gomme Michelin? corsero in sei e si diede battaglia con Barrichello rischiando una collisione, esempio questo che non è da paragonare alle sportellate a cui ci sta abituando quel negretto di Hamilton no, per niente, le due cose sono distinte e separate da un sano agonismo e volontà di ripagare con lo spettacolo i milioni di tifosi che il circus attira e in particolar modo i propri.
    Grande inestimabile campione, Schumacher avrà sempre un posto nel mio cuore, accanto a Senna.

  9. Dopo un bell’articolo (di poche settimane fa) sui giovani piloti e la gavetta, è tornato il solito Pellegrini, amante della polemica e della critica come pochi altri.

    Schumacher è tornato per correre e possibilmente anche per vincere. Punto e basta.

  10. Ben detto!

  11. lo ha fatto per i soldi non l’avete ancora capito?ovviamente quello che guadagnava in ferrari a fare il superconsulentè non gli bastava più.

    • Per stabilire se il ritorno di Schumacher , sia stata un’operazione fallita, bisognerebbe acclarare con certezza se il suo ritorno, sia stato effettivamente un’operazione, ovvero un progetto di puro marketing.
      Anche se la questione marketing ha inevitabilmente preso parte al ritorno di Michael, credo che non sia stata essa la principale motivazione. Schumacher dopo il suo addio alle corse, ha sempre escluso un suo ritorno in pista. La questione marketing attorno al suo rientro, sarà scattata nel momento in cui, lo stesso Schumacher, ha lasciato intravedere la possibilità di un suo probabile ritorno, cioè quando Maranello gli propose di sostituire Massa, facendogli venire nuovamente la voglia di correre. Il ritorno di Schumacher quindi, non è stato un progetto maturato dalle menti che fabbricano soldi attorno alla F1, ma piuttosto una speculazione da parte di queste stesse menti, per approfittare di un ritorno ormai insperato, di uno fra i piloti che hanno firmato le pagine più belle della F1. Un’occasione da accarezzare e da incoraggiare, visto che il Kaiser era più che convinto, entusiasta di riproporsi agli altri e a se stesso, mediante questa nuova avventura.
      Il ritorno di Schumacher, non è stata un’operazione fallimentare, in quanto non organizzata da terze parti, nè premedita, nè costruita, ma un ritorno voluto dal pilota stesso, non dissuaso ovviamente da tale volontà, da chi pensava di approfittare di tale succulenta occasione e che probabilmente è restato deluso per non aver accaparrato i ciclopici profitti che avrà idealmente auspicato trarne.
      Se poi per operazione fallita, si vuole intendere la stessa decisione di Schumacher di ripercorrere le piste, anche quella non la reputerei fallimentare. In fondo, è riuscito a rientrare nel circo senza che nessuno gli girasse le spalle, accolto e riverito con tutti gli onori, peraltro meritati per la brillante carriera.
      Certo, oggi non è più fra i primi. Ma questo è un fallimento? No!
      Se un 7 volte campione del mondo, deve sentirsi un fallito perchè a quarantadue anni non è più fra i primi, proprio non ci siamo. Egli oggi, è sicuramente migliore di chi fra quindici o venti anni avrà la sua età e avrà vinto meno di lui, o forse anche niente.
      Grazie Michael, grazie di tutto.

  12. io rispondo con dati numerici (fonte formula1.com) schumacher in gara a spa è stato nettamente piu’ veloce di rosberg (1 secondo e 1 decimo) ha fatto segnare lo stesso tempo migliore che ha fatto Alonso con una ferrari…tutto il resto è solo iaria fritta…..Rosberg ha fatto di tutto per tenere dietro schumi ma non è riuscito xche’ schumi aveva le gomme morbide sul finire della gara ed era piu’ veloce al contrario di rosberg che le aveva dure ed era piu’ lento
    questi sono i giri piu’ veloci ottenuti in gara!…io cambierei il titolo all’articolo ..in “Schumi ha girato a Spa’ come Alonso con una vettura nettamente inferiore!!
    4 Sebastian Vettel RBR-Renault 1:50.451
    5 Fernando Alonso Ferrari 1:51.107
    6 Michael Schumacher Mercedes 1:51.137
    7 Felipe Massa Ferrari 1:51.564
    8 Nico Rosberg Mercedes 1:52.263

    Grande Re Schumi
    valerio.

  13. Ma voi vorreste paragonarmi i Campioni ( e con la C maiuscola ) che ci sono oggi in pista,con quelli contro la quale ha lottato per i suoi titoli mondiali?
    94= c’era Senna….poi?Damon Hill…( e scusate…Damon Hill…)
    95=Damon Hill ( lo volete paragonare a Hamilton ?!)
    96=Villeneuve ( lo volete paragonare a Buttun??!!)
    97=Villeneuve ( neppure le unghie di Vettel..)
    98=Hakkinen ( duello vero..perso! )
    99=Hakkinen ( altro suoper duello..riperso!)
    2000=Hakkinen ( qui vince,contro un grande avversario!)
    2001=Hakkinen&Coulthard ( Hakkinen ormai logorato…sfinito…Coulthard..è Coulthard dai!!)
    2002=Montoya e suo fratello….( che fine hanno fatto?????…ridicolo…)
    2003=Montoya e sempre suo fratello…( questo è demenziale…)
    2004=sempre Juan eeee..dai suo fratello gemello..(..ma se li sceglie vero?)
    2005=finalmente arriva Alonso…e le prende di santa ragione
    2006=le riprende da Alonso ( sebbene abbia una macchina migliore nel complesso..e qui doveva scattare il sospetto per lui..infatti se ne va!)

    Se guardate il podio del Gp dell’Ungheria,li sopra c’erano 3 Campioni del Mondo.Il 4 era Weber..il 5° un’altro Campione del mondo come Hamilton.No dico,ma vi è chiaro si o no ora????

    • @Angy464
      Qualche precisazione
      “95=Damon Hill ( lo volete paragonare a Hamilton ?!)”
      La Williams del 1995 era migliore della Benetton, con cui Schumacher ha vinto 9 gare. Qualcuno con la seconda macchina del mondiale ha fatto altrettanto?
      “99=Hakkinen ( altro suoper duello..riperso!)”
      forse hai solo letto le classifiche, ma i fatti andarono diversamente… Schumacher si ruppe una gamba e saltò 6 gare. Togli 6 gare a qualunque pilota consideri il migliore del mondo e vediamo cosa otterrebbe
      “2001=Hakkinen&Coulthard ( Hakkinen ormai logorato…sfinito…Coulthard..è Coulthard dai!!)”
      Hakkinen era logoro a 33 anni… metti che Schumacher ne ha 42…
      “2005=finalmente arriva Alonso…e le prende di santa ragione”
      con la Ferrari del 2005 il mondiale non lo vinceva neppure Padre Pio
      “2006=le riprende da Alonso ( sebbene abbia una macchina migliore nel complesso..e qui doveva scattare il sospetto per lui..infatti se ne va!)”
      migliore nel complesso… bah… io ho visto 9 gare di superiorità Renault e 9 di superiorità Ferrari.

      Schumacher era un altro pianeta

      • vittorio
        finalmente ho trovato in te 1 ke ne capisce di f1

    • angy
      6 molto molto stupida

  14. @ Angy464

    Sei a dir poco ridicolo! Non aggiungo altro…

    • Il ridicolo sei te,ad ammirare e lustrare ciò che non hai mai luccitato di luce propria.
      Puro tifo becero…

    • angy464
      si vede ke capisci poco di f1

  15. Paolo Pellegrini,perche non lo lasciamo stare questo “poveraccio”,che per passione o denaro è voluto ritornare in F1?
    Credo che la classifica sia chiara sia a lui che e ai suio tifosi, il resto sono chiacchiere o semplici risultati ottenuti in passato che vanno rispettati ma mai più ritorneranno.

  16. paolo 6 molto intelligente

Trackbacks

  1. Il ritorno di Schumi in F1: operazione fallita? | Blog Sport