Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

Todt contro Montezemolo: no alla terza vettura in F1

Jean Todt, Presidente FIA

Jean Todt, Presidente FIA

La riunione della Commissione Formula 1, riunitasi oggi a Ginevra, ha sostanzialmente bocciato l’ipotesi di introduzione della terza vettura a partire dal Campionato 2013.

Una presa di posizione precisa della FIA e del suo Presidente Jean Todt che va contro la proposta della Ferrari e di Luca di Montezemolo.

La Commissione ha deciso anche di non cambiare nulla nemmeno a livello di “Costruttori“. La definizione resta sostanzialmente tale e questo può essere però un monito a McLaren e Force India che invece avevano avviato una collaborazione tecnica un po’ sopra le righe!

Da ultimo, per la cronaca, il prossimo anno sono stati approvati tre cambiamenti di nome per altrettanti Team. La Lotus-Renault sarà Lotus, l’attuale Team Lotus si chiamerà Caterham e la Virgin sarà rinominata Marussia Racing.

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , , ,

6 Commenti

  1. Qualcuno di noi si era illuso forse?

  2. …invece che alla terza vettura (magari vi dirò il perchè economico di tale richiesta..) la ferrari pensi a farne UNA che vada alla grande!!!!

    • Max dice:>[...] la ferrari pensi a farne UNA che vada alla grande!!!!

      Ciao Max, quello sicuramente, premesso che gli altri non portino in pista soluzioni tecniche poco chiare con evidenti vantaggi e che non ci si impieghi mezzo campionato per poi stabilire che sono oltre il limite regolamentare, quando ormai il vantaggio accumulato grazie ad essi, procura pochi pensieri, anche se la soluzione venisse messa al bando dalla F.I.A. O non sei daccordo? ;)

  3. di chiaro c’è solo il regolamento, peccato che siano sempre gli “altri” a sfruttarlo al meglio..

    • max dice:> di chiaro c’è solo il regolamento, peccato che siano sempre gli “altri” a sfruttarlo al meglio..

      Se il regolamento lascia adito a più di qualche interpretazione direi che non è chiarissimo.
      Lavorare per “Interpretazione” ai limiti di esso, si rischia di produrre qualcosa di non perfettamente conforme, che rischia di essere bandito. Ferrari, certamente non rischia che le si possa bocciare una soluzione per violazione di regolamento. Lo farebbero subito.
      Diversamente abbiamo visto che altre soluzioni sul filo regolamentare, introdotte da altri team, si è esitato parecchio prima di bocciarle e si è visto attendere anche mezzo mondiale per classificarle difformi.
      Se la FIA stessa, esita parecchio nella determinazione di conformità su una soluzione progettistica, vuol dire che poi il regolamento non è chiarissimo neanche da parte di chi lo ha stilato e quindi lo è ancora meno da parte di chi lo dovrebbe rispettare. Una regola deve essere chiara e precisa, racchiudere una sola verità e non essere interpretata, generando in tal modo, dieci, cento o mille verità.
      Non scendo in merito se ciò sia voluto o meno, ma certamente queste situazioni svantaggiano squadre come la Ferrari con non molto dispiacere da parte di chi disse che l’era Ferrari doveva finire e che era ora di far vincere un poco tutti, compresi i team minori.
      Sul fatto che Ferrari debba comunque studiare di più per portare in pista una vettura migliore ed adottare strategie meno suicide, siamo daccordo e va fatto. ;)

  4. ..chi è che diceva che la federazione stà dalla parte della Ferrari??????