Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

Ferrari F1 2012: il video e tutte le foto della F2012

FerrariF2012-03

E’ stata presentata oggi la nuova monoposto di Formula 1 del Team Ferrari. Quella di Maranello è la terza vettura 2012 a mostrarsi al pubblico, dopo la Caterham e la McLaren MP4-27. Le altre, seguiranno nei prossimo giorni secondo il seguente calendario.

I veli alla nuova Ferrari sono stati tolti dai due piloti titolari: Fernando Alonso e Felipe Massa.

Qui sotto il VIDEO ufficiale della presentazione, una ricchissima gallery fotografica con tutti i particolari della F2012 e le nostre prime im pressioni. E voi, cosa ne pensate?

TUTTE LE FOTO



PRINCIPALI NOVITA’

Ogni area della vettura è stata profondamente rivista, ad iniziare dallo schema delle sospensioni, dagli scarichi e dall’orribile muso!

Sospensioni – Sia all’anteriore che sul posteriore è stata scelta la soluzione a tirante al fine di privilegiare la prestazione aerodinamica e di abbassare il centro di gravità.

Ala anteriore – Questo elemento deriva da quella introdotta sulla 150° Italia dello scorso anno, anche se si può notare un’ulteriore evoluzione e certamente vedremo già delle novità anche per le prime gare del Campionato.

Il muso – Purtroppo in Ferrari non hanno saputo interpretare, come spesso accade, il regolamento, attenendosi alla lettera a quanto indicato dalla FIA. L’orrendo gradino sulla parte superiore del muso si poteva evitare, come ha dimostrato la McLaren. L’antiestetico gradino che certamente influirà negativamente anche sull’efficienza aerodinamica, va incontro alla nuova norma sulla sicurezza che impone di abbassare per regolamento la parte anteriore ma il disegno della F2012 è un pessima interpretazione della regola!

Le fiancate – Sono molto diverse da quelle delle scorso anno e sono state ridisegnate, attraverso la modifica delle strutture di impatto laterali, la ridisposizione dei radiatori e la rivisitazione di tutte le appendici aerodinamiche.

La parte posteriore della monoposto – E’ molto più stretta e rastremata nella parte bassa, un obiettivo raggiunto anche attraverso l’introduzione di una nuova scatola del cambio e la riallocazione di alcune componenti meccaniche. Gli scarichi non soffiano più in posizione bassa ma, per regolamento, in alto (o quasi!).

Ala posteriore – E’ concettualmente simile a quella usata nel 2011 anche se è stata rivista in ogni dettaglio ed è più efficiente.

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , , , , ,

62 Commenti

  1. Certo che è bruttarello il muso ma se la soluzione aereodinamica per caricare ulteriormente l’anteriore funzionerà allora ne vedremo delle belle (speriamo!)

    • Eccola quà. I sospetti sono stati confermati. La vettura Ferrari 2012 ha adottato la soluzione simile alla Caterham per quanto riguarda la differenza di misura dettata dal muso basso. Finalmente ha visto la luce la Ferrari con il muso d’anatra a becco rosso. La Netta peposaca. :D
      Differenze estetiche a parte, confidiamo nelle sue doti di efficienza, nonostante continuo a credere, che quel dislivello netto, rechi ostacoli aerodinamici che si ripercuotono sulle prestazioni ad alta velocità.
      Comunque FORZA FERRARI!

    • ed ecco a voi la nuova multipla !!!!!!!

      • Per essere brutta è brutta….che sia vincente si vedrà ma temo il responso della pista!

  2. dai che quest anno saremo li fino alla fine

  3. E’ sicuramente brutta…. però prima di criticare lo scalino sul muso aspetterei.. dire che aerodinamicamente è penalizzante mi sembra prematuro… sicuramente deve avere una logica nel complesso della vettura.

    • Ciao Gios. E quale logica? Quello scalino non deriva da una ricerca e non è il risultato di un progetto voluto. É la soluzione più ovvia, senza scervellarsi tanto per collegare due linee di differente altezza. Una pezza!

      • Mah… su 4 vetture 3 ce l’hanno… la mia impressione è che sia una sorta di alettone… vista anche la larghezza del muso… il raccordo si poteva fare in modo diverso… come ha fatto la Mclaren ad esempio…!!!

  4. E’ VERO….SEMBRA LA MULTIPLA………..NON SO PERCHE’ MA ISPIRA VERAMENTE TANTA POCA FIDUCIA SULLE SUE DOTI VELOCISTICHE…….SPERIAMO CHE MI SBAGLIO……

  5. Domanda:non scrivete nulla su Kubica terzo pilota Ferrari 2012?

    • E che c’è da dire? Lo sappiamo tutti come è “conciato” purtroppo….bisognava prenderlo prima…ecco la verità!

  6. Dico io, come si fa a dire che lo scalino al muso porterà inefficienza aerodinamica??
    Avete la galleria del vento negli occhi???? :-P
    Secondo questo metro di giudizio il caccia F117 non dovrebbe volare!!!
    Sicuramente hanno seguito il regolamento alla lettera, ma fare diversamente avrebbe comportato abbassare tutto il telaio (come ha fatto la McLaren). e non è detto che la soluzione sia migliore.
    Purtroppo i regolamenti non lasciano più spazio alla creatività, più sono restrittivi e più la vetture saranno simili; a questo punto facessero un monomarca e addio!
    Aspettiamo la pista che certamente non tiene conto di bellezza o scalini vari.

    • Non si tratta di avere la galleria del vento negli occhi Gianluca. Il profilo del muso è interrotto da una parete che crea resistenza all’aria, risultando sicuramente meno penetrante. In che misura non lo sò, e neanche se tale resistenza sia abbastanza significativa da costituire un problema circa la velocità di punta, ma comunque la resistenza c’è. Saprai benissimo che le autovetture aumentano il proprio coefficiente di penetrazione, quanto più è inclinato il parabrezza, quindi quella piccola parete inclinata si comporta esattamente come un parabrezza, ovvero crea una resistenza nella misura in cui.
      Più penetrante la McLaren, che quel piccolo scalino non lo ha creato. Se la Ferrari, risultasse una vettura competitiva, lo sarebbe stato sicuramente ancora di più, senza quel dislivello compensato alla meno meglio.

      • La resistenza aerodinamica dipende essenzialmente da due fattori:

        1) la sezione trasversale del corpo in moto nel mezzo;
        2) il coefficiente di penetrazione aerodinamico che dipende dalla forma del corpo.

        Riguardo al primo punto lo scalino non crea nessun problema; potrebbe crearlo nel secondo, ma considerando che una monoposto è costituita da alettoni, pneumatici, prese per i radiatori e presa per il motore (che non sono proprio il massimo in fatto “aerodinamicità”) credo che quel piccolo scalino (che comunque non è proprio verticale) possa essere trascurato.
        Inoltre come ho detto in precedenza, la McLaren per evitare lo scalino ha abbassato il telaio e questo dovrebbe ridurre in linea di principio l’aria raccolta sotto il corpo vettura.
        Bisogna in ogni caso aspettare la pista.

      • Flight, ciò che dici tu è vero. L’aria incontra un ostacolo in più e impatta la macchina, causandone l’aumento della resistenza, diminuzione velocità di punta, aumento dei consumi, ecc ecc.

        Ma io non credo minimamente che in Ferrari non abbiano pensato ad una soluzione tipo McLaren, anzi,se ti vai a vedere l’intervista a Tombazis ha proprio detto che hanno studiato più soluzioni possibili.

        Il punto cruciale è che questo tipo di muso “libera” lo spazio sotto il telaio della vettura, per creare un flusso d’aria più pulito ed efficiente. Semplicemente, la McLaren ha pensato che fosse più importante privilegiare la penetrazione aerodinamica della vettura, mentre in Ferrari hanno concluso che era il flusso d’aria che passa sotto il muso e sotto la vettura tutta ad essere più importante e da “curare” maggiormente. Poi, non essendo in Formula 1, né tanto meno essendo ingegnere, non posso dire quale situazione pagherà di più. Per questo aspettiamo Marzo :)

      • GianlucaM dice:> La resistenza aerodinamica dipende essenzialmente da due fattori:

        1) la sezione trasversale del corpo in moto nel mezzo;
        2) il coefficiente di penetrazione aerodinamico che dipende dalla forma del corpo. [...] [...] credo che quel piccolo scalino (che comunque non è proprio verticale) possa essere trascurato. [...]

        Ciao Gianluca. Come dici tu, il coefficiente aerodinamico, dipende dalla forma del corpo. Infatti, più il corpo ha linee orizzontali, più aumenta l’aerodinamicità. Nel nostro caso appunto, la forma del corpo della vettura, contiene un ostacolo sul muso, che appunto è quello scalino. Con la tua precisazione al secondo punto, non hai fatto altro che confermare quanto dicevo. Se vuoi trascurare una legge fisica,sei libero di farlo, il fatto è che la legge fisica ignora il tuo pensiero, ed il flusso d’aria che passa sul muso della macchina, ad un certo punto, devia, trovando un ostacolo ed invece di proseguire la sua traiettoria orizzontale, viene spinto in alto.
        Lo scalino non è proprio verticale, no, ma qualsiasi deformazione, che modifica la linearità orizzontale, assumendo un’angolazione verso l’alto, crea già un impedimento, proporzionale al suo angolo di inclinazione. Il fatto che tu dica «Credo che quel piccolo scalino non dia fastidio» mette in evidenza anche il fatto che tu non ne sia tanto sicuro che esso non rechi fastidio. Quindi?

      • Brian, non dò mai peso alle interviste. Non sò se in casa Ferrari, abbiano studiato una soluzione tipo McLaren e non sò quante soluzioni diverse abbiano valutato, prima di optare per questa scelta.
        Il fatto quindi che abbiano potuto studiare varie soluzioni possibili, non mi mette tranquillo persuadendomi che tutto sia stato studiato e valutato perfettamente. Ricordiamoci che la Ferrari, negli ultimi tempi, ha avuto seri problemi progettuali, proprio riguardo all’aerodinamica. Materia in cui non si sono rivelati dei veri e propri maestri. Insufficienza che temo anche adesso.
        Ovvio che io mi auguro di avere torto marcio e di vedere Alonso sul primo gradino del podio, sin dalla prima gara.
        La pista, sarà quella che assegnerà la ragione a timori o sicurezze, espresse in queste nostre parole.

      • Flight… con tutto il rispetto… però mi sembra che tu parti dal presupposto che intorno a te siano tutti somari… penso che in fondo… per quanto in ferrari potrebbero anche non essere più al top… forse qualcosa più di te e di noi in generale ne masticano… o no..????

    • Non credo di trascurare nessuna legge fisica, essendo laureato proprio in Fisica, non potrei MAI farlo!!!
      Quello che dici tu è giusto se consideri solo il “muso” della vettura senza considerare tutto il resto, ma siccome il muso è solo una parte della monoposto va visto come tutt’uno!
      Inoltre non è affatto vero che linee orizzontali favoriscono un miglior coefficiente aerodinamico, tant’è vero che una goccia d’acqua non ha linee orizzontali ma risulta la forma aerodinamica per eccellenza.
      Ripeto quello scalino secondo me non porta nessun enorme svantaggio, se non quello di essere orrendo! :-P

      • GianlucaM dice:> [...] non è affatto vero che linee orizzontali favoriscono un miglior coefficiente aerodinamico, tant’è vero che una goccia d’acqua non ha linee orizzontali ma risulta la forma aerodinamica per eccellenza.[...]
        Ciao Gianluca, rispetto la tua laurea in fisica, ma consentimi qualche correzione. Una goccia d’acqua che cade, non ha linee orizzontali, in quanto la sua caduta è verticale. Per linee orizzontali, intendevo il profilo del corpo in relazione alla direzione del flusso di aria. Diversamente da una goccia d’acqua che cade in verticale, una vettura viaggia in orizzontale. La goccia d’acqua, lungo il suo profilo, non ha alcuna asperità che frena il flusso d’aria. La goccia d’acqua, ha la caratteristica forma a pera, in quanto per effetto della caduta, staccandosi dal filo di acqua continuo, subisce uno stiramento nella sua parte finale, ma assume una forma allargata nella sua parte iniziale proprio a causa della resistenza all’aria che subisce nella caduta, resistenza che crea la deformazione. Un corpo deformabile infatti, subendo l’impatto della resistenza dell’aria, tende ad allargarsi lateralmente.
        Che la soluzione adottata in Ferrari possa rivelarsi giusta o ingiusta, non lo sò ancora e l’ho anche detto precedentemente, ve ne sareste accorti, se leggeste l’intera discussione e tutti gli interventi. Ho semplicemente esternato qualche mia perplessità, legittima.
        Rispondendo anche a Mario.Tz che mi chiede testualmente: «Credi sul serio che in un team fi F1 non si siano posti il problema?» io rispondo che è ovvio che si siano posti il problema, però, è probabile che si siano anche detti che tale problema dell’abbassamento del muso, siccome è comune a tutti, avrebbero tutti incontrato la stessa difficoltà mettendoli tutti sullo stesso piano.

      • Lo so Flight che la goccia cade verticalmente, quindi per evitare fraintendimenti dirò linee rette anzichè orizzontali, anche se si capiva cosa volessi dire, basta ruotare il sistema di riferimento.
        Sono d’accordo con te quando dici che la goccia è deformabile e la sua forma è dovuta alla pressione che l’aria ha punto per punto sulla superficie della goccia stessa.
        Cmq ripeto per me quello scalino non aumenta la resistenza aerodinamica della monoposto e seppure lo fa è in maniera trascurabile (rispetto alla resistenza delle ruote, degli alettoni, delle prese d’aria ecc.); è come se quando carichi l’auto per le vacanze, dopo aver messo di tutto, dalla tv alle valigie alla bici ecc ti preoccupassi di un aumento di peso della tua macchina perchè devi aggiungere anche il rasoio per la barba!! :-P

      • GianlucaM dice:> [...] è come se quando carichi l’auto per le vacanze, dopo aver messo di tutto, dalla tv alle valigie alla bici ecc ti preoccupassi di un aumento di peso della tua macchina perchè devi aggiungere anche il rasoio per la barba!! [...]

        Ciao Gianluca, consentimi di essere un tantino in disaccordo. É vero che caricando la macchina in occasione delle vacanze, se dopo averci fatto entrare di tutto, ci aggiungiamo il rasoio da barba, la sua presenza è ininfluente, ma nel nostro caso, il rapporto credo che sia diverso. Quello scalino, per una vettura che viaggia ad alta velocità, fa sentire la sua presenza. Esso è il risultato per coprire un dislivello di 7,5 centimetri tra la parte anteriore e quella posteriore del muso. Non è poco.

  7. A parte il discorso velocistico e a parte le interpretazioni più o meno letterali delle nuove regole, sperop solo che questo regolamento riguardante l’anteriore cambi per il 2013; questa nuova Ferrari NON SI PUO’ GUARDARE…

  8. “La Redazione” ha capito che in Ferrari non hanno capito a fondo il regolamento,perció hanno fatto lo scalino che dovrebbe peggiorare il coefficiente di penetrazione di una f1 .f1 che ha una resistenza aerodinamica da TIR (alettoni ,pance ,gomme ,abitacolo aperto).Complimenti per la vostra scienza,siete proprio degli asini

  9. Comunque qui si parla dello scalino come se il “muso” fosse il problema principale delle monoposto.
    La vera efficienza si ottiene progettando un retrotreno all’altezza, è quella zona che fa la differenza.
    Siccome non c’è un modo per valutare visivamente l’efficienza del retrotreno e del fondo di una monoposto (ma ripento contano solo le risultanze della galleria del vento e della strumentazione) non si può capire se una vettura sarà vincente solo guardandola.
    Dovremo aspettare i primi test per capire chi ha fatto un buon lavoro e chi no.

    • GianlucaM dice:> Comunque qui si parla dello scalino come se il “muso” fosse il problema principale delle monoposto.[...]
      Gianluca, lo scalino sul muso, non è il problema principale, è solamente ciò che allo spettatore balza di più all’occhio, dato che, le altre parti, sono più o meno celate. É l’argomento sul quale si può discutere, avendolo visto. Le altre parti, sono meno discutibili in quanto non totalmente visibili.

  10. Ha un frontale pessimo speriamo meglio in pista

  11. Quando ho visto il muso della caterham ho subito detto in un commento che l’auto non sarà il massimo ma chissà se quel muso non sia una ottima soluzione? eccola proposta quella soluzione in ferrari. Ora sono ingegneri e non muratori( rispetto assoluto per i muratori), il concetto è che sicuramwmente la soluzione sarà studiata e ristudiata; nella caterham non penso dia benefici in quanto nel complesso la scuderia è appena nata e senza esperienza; ma in ferrari secondo me questa è una ottima soluzione che vedrete presto copiata in corso di mondiale dalle altre scuderie. Brava ferrarri, dovevi rischiare tutto e lo hai fatto. speriamo bene. e forza ferrari

  12. sono riusciti a fare qualcosa di più brutto della trabant Complimenti se riesce a vincere

  13. Mah… su 4 vetture 3 ce l’hanno… la mia impressione è che sia una sorta di alettone… vista anche la larghezza del muso… il raccordo si poteva fare in modo diverso… come ha fatto la Mclaren ad esempio…!!!

  14. un vero scempio e idee poco chiare insomma la solita ferrari con poche ideee chiare insomma ecco tutto !

  15. Gios dice:> Flight… con tutto il rispetto… però mi sembra che tu parti dal presupposto che intorno a te siano tutti somari… penso che in fondo… per quanto in ferrari potrebbero anche non essere più al top… forse qualcosa più di te e di noi in generale ne masticano… o no..????

    Ciao Gios. Ogn’uno mastica ciò che vuole. Oltre che in Ferrari, masticheranno qualcosa anche in casa McLaren in materia di realizzazione di vetture di F1, i quali hanno proposto una macchina totalmente diversa, e più vicino a quello che è il mio modo di vedere. O saranno dei somari loro secondo te?
    Vedi, io non parto da nessun presupposto. Mi limito a fare delle osservazioni. A te sfugge un piccolo particolare, fondamentale però. Questo è un blog, luogo di scambio di opinioni e punti di vista. L’articolo del blog contiene una domanda, essa è « E voi, cosa ne pensate?» Ecco, io ho detto cosa penso.
    Se dovessimo evitare di esprimerci , presupponendo l’infallibilita e quindi l’indiscutibilità del progetto sul quale ci viene richiesto un parere, si dovrebbe chiudere il blog, oppure dovrebbero tacere, tutti quelli che non la pensano come te.
    In Ferrari, masticheranno ciò che vogliono, ma negli ultimi tempi hanno sfornato progetti discutibili e discutibile potrebbe essere anche questo progetto. Naturalmente, mi auguro che non lo sia, però, ho già osservato vetture con soluzione simile a Ferrari. Ciò mi fa pensare ad una Ferrari non certo rivoluzionaria, ma troppo simile agli altri e come tale, potrebbe trovarsi nella mischia, non avendo caratteristiche diverse che potrebbero fare la differenza. Ci avevano detto che sarebbe stata una vettura diversa. Io la vedo troppo simile alla Caterham e alla Force India, per il momento, poi vedremo in seguito a quanti altri. E dov’è la diversità che dovrebbe fare la differenza? Spero sinceramente che la differenza non la debba fare ancora una volta Alonso.
    Saluti.

    • Scusa flight ma trovo le tue affermazioni alquanto gratuite. Non è solo un problema sull’avere una determinata opinione o una tal’altra.
      Di base con questi regolamenti, di rivoluzioni non se ne possono vedere e le macchine sembrano realmente tutte molto, troppo simili.
      Poi è ovvio che una superficie con uno scalino rispetto ad una liscia crei una resistenza superiore. Troppo ovvio no? Credi sul serio che in un team fi F1 non si siano posi il problema? O che quando se lo sono posto han detto “devo per regolamento abbassare il musetto, tiriamolo giù e tanti saluti”?
      Una vettura di F1 è il risultato finale di una serie infinita di compromessi tra varie soluzioni. Pensare che debba essere un cattivo progetto guardando un solo dettaglio lo trovo decisamente poco sensato. La McLaren non lo ha fatto. Sono stati più arditi o conservativi? Sei così certo di essere in grado di determinarlo guardando due foto?
      Per quanto ne sappiamo e ne sapremo mai, questa macchina sarà velocissima, nel mucchio o lentissima per una serie enorme di cause econcause e questo scalino potrebbe esserne la “tragedia” oppure l’unica cosa che funziona bene….

      • Grazie Mario.Tz, mi hai tolto le parole di bocca.

        mi sento di aggiungere solo una cosa per Flight: se bastassero i principi della fisica per costruire(e rendere sempre migliori) ponti, edifici, veicoli terrestri o aerei non esisterebbe la Laurea in Ingegneria: con i principi della fisica e basta ci puoi scrivere dei bellissimi libri e fare fantastici discorsi.
        Questo è un blog e ognuno ha il diritto di esprimere le opinioni che vuole (e quindi anche tutte le castronerie che vuole), ma se credi che dall’alto del tuo titolo di studio puoi mangiare in testa a fior fior di ingegneri supportati da centri di calcolo potentissimi, tu non esprimi un giudizio ma pura ostentazione di superbia. Vai tu allora ad illuminare la Ferrari con i tuoi principi della fisica.
        Anch’io sono un po’ perplesso della scelta del musetto, e me ne domando il motivo della scelta, ma non si può giudicare il lavoro di quelle persone senza averne visti i risultati analitici/numerici e i dati sperimentali ottenuti. Non vedo l’ora di vederla in pista, solo lì sapremo, e speriamo che abbiano fatto la scelta migliore.

        Ciao e forza Ferrari!

      • Franz scrive:>[...] mi sento di aggiungere solo una cosa per Flight: se bastassero i principi della fisica per costruire(e rendere sempre migliori) ponti, edifici, veicoli terrestri o aerei non esisterebbe la Laurea in Ingegneria: con i principi della fisica e basta ci puoi scrivere dei bellissimi libri e fare fantastici discorsi.[...]

        Franz, credo che a te sfugga che esiste la laurea in ingegneria fisica e che la fisica è una scienza e non una congettura astratta. I ponti, gli edifici, i veicoli terrestri ed aerei ed i motori, sottolineo anche i motori, vengono proprio costruiti tenendo presente ed applicando i principi della fisica. Se esiste la laurea in ingegneria caro franz è proprio perchè chi aspira a fare il lavoro di ingegnere, deve tenere presente in quell’ambito i principi della fisica, altrimenti il palazzo non stà in piedi, il ponte crolla, i veicoli terrestri stenterebbero a camminare ed i motori non funzionerebbero. Dovresti sapere inoltre,che un motore, è un insieme di leve. Con la fisica, non si scrivono bellissimi libri e non si fanno fantastici discorsi. Non si prescinde da essa. La si applica!
        Perchè parli di cose che non sai?
        Abbi pazienza, ma se dici che si diventa ingegneri, per prescindere dai principi della Fisica, credo che tu debba dedicare un pò di tempo a ciò che non conosci e pretendi di parlarne.
        Per tutte quelle cose che hai elencato in quelle 3 righe, bastano e sono necessari i principi della Fisica, il resto, è realizzazione e mano d’opera. ;)
        Con simpatia.

    • Ciao Flight… come fai giustamente notare questo è un blog… in cui ognuno può esprimere ciò che pensa… quindi lungi da me l’idea di censurare qualcuno… oltretutto io non facevo paragoni tra Ferrari e Mc laren… e non credo che chi opera in un settore come la F1 sia un somaro tanto meno in McLaren … tutto sommato però una certa esperienza l’ha anche P. Gascoigne (Caterham) … il mio intervento era riferito a questo tuo commento:
      Ciao Gios. E quale logica? Quello scalino non deriva da una ricerca e non è il risultato di un progetto voluto. É la soluzione più ovvia, senza scervellarsi tanto per collegare due linee di differente altezza. Una pezza!

      Questa più che una osservazione a mio parere è una sentenza… tutto qui… senza nessuna polemica… poi credimi sei libero di scrivere ciò che meglio credi, oltretutto sei anche molto preparato e fa piacere leggerti.

      Saluti

      • Ciao Gios. No, non è una sentenza, è un’osservazione. Infatti, volevo dire che il dislivello che porta a quello scalino, non è dovuto alla volontà di creare una sorta di alettone, ma è la diretta conseguenza che nasce dall’esigenza, di raccordare due linee di differenti altezze. É un dato di fatto. Infatti, questa caratteristica, la osserviamo solo oggi, non perchè si è pensato di creare un elemento nuovo, come caratteristica per creare una deviazione al flusso d’aria. ma perchè ci si è trovati davanti alla necessità di abbassare il muso rispetto a tutto il resto. Non è un fatto ricercato quindi, ma solo la conseguenza realizzativa dettata dalla necessità di assecondare una nuova richiesta regolamentare.

  16. che ignoranza da parte di molti utenti regna in questo blog!
    la f2012 e’ una macchina estrema diversa da tutte le altro che force india, la pull rod e’ un colpo di genio che di colpo fa compiere un salto di qualita’ enorme a tutta la monoposto, stavolta newey e’ stato anticipato, anche se non escludo che lunedi’ la nuova redbull possa adottare una soluzione simile, lo scalino e’ antiestetico ma a detta di tombazis da grandi vantaggi aerodinamici, io credo serva a schermare la zona dell’abitacolo ma non escludo effetti legati alla down-force. La nuova mclaren e’ una macchina molto conservativa il muso basso e il passo accorciato sono scelte fatte per non correre rischi, evidentemente si vuole seguire la via piu’ breve per ottenere certi risultati, rinunciando all’innovazione penso che le buone prestazioni ottenute nel finale di stagione scorso abbia convinto i tecnici a prendere questa decisione per me errata

  17. una domanda al nostro esperto di aerodinamica flight, per te conta piu’ privileviare l’aria che scorre sotto il muso alzandolo come hanno fatto in ferrari o privilegiare l’aria che vi scorre sopra abbassandolo come hanno fatto in mclaren?

    • @Stigazzi

      Hai per caso consultato i disegni di progettazione tecnica di Ferrari e McLaren per pormi una domanda del genere e sentirti così sicuro data l’arroganza della domanda? Perchè la poni a me? Chiedi ai rispettivi progettisti. Ti sapranno sicuramente rispondere con più correttezza e senza ombra di equivoci, visto che i progetti sono i loro.
      Ma poi, che cosa ne sai tu delle mie esperienze? Mica per rispondere in un un blog, c’è bisogno di esibire i propri corsi di studio? ;)

  18. allora come abbiamo analizzato eh???? stupiti??

  19. vedrete che anche newey adottera’ lo scalino, e’ l’unica strada per ottenere piu’ carico, di sicuro il suo sara’ piu’ elegante visto il suo gusto estetico

  20. Per quanto possa essere antiestetico, quello scalino può comunque avere un suo perchè.
    E non è assolutamente detto che, NEL COMPLESSO, la vettura subisca una maggiore resistenza aerodinamica. Non è solo questione di sezione frontale, che tra l’altro qui sembra rimasta la stessa, e di superfici normali o quasi al flusso, che in teoria penalizzano il coefficiente di penetrazione.

    Conoscendo qualcosa di aerodinamica, a me viene da pensare che quel gradino potrebbe creare una scia turbolenta tale che da rivelarsi addirittura vantaggiosa. Chi vi dice che, per esempio, che al piccolo costo di una maggiore resistenza in quel punto, a velocità sostenute non si crei una scia turbolenta che possa far “scavalcare”, almeno in parte, il flusso diretto all’abitacolo, decisamente poco aerodinamico, e quindi nel complesso non possa diminuire la resistenza totale della vettura?

    Inoltre, come giustamente è già stato fatto notare, se confrontate la Ferrari e la McLaren di profilo, si nota che la prima ha più spazio sotto le sospensioni anteriori, il che potrebbe rivelarsi vantaggioso aerodinamicamente per la parte inferiore della vettura, molto più importante.

    Insomma, le cose sono assai più complesse di come sembrano, e qualcosa che all’apparenza potrebbe sembrare svantaggioso (e bruttino) potrebbe in realtà essere tutt’altro.

    Ed ora aspettiamo con ansia di vedere che ha combinato Newey!

    • ops :)

      “…tale che da rivelarsi…”

      Sorry :)

    • Mark scrive:> [...] Chi vi dice che, per esempio, che al piccolo costo di una maggiore resistenza in quel punto, a velocità sostenute non si crei una scia turbolenta che possa far “scavalcare”, almeno in parte, il flusso diretto all’abitacolo[...]

      Se così fosse, l’avrebbero creato tempo prima, senza attendere che la FIA imponesse il dislivello richiedendo il muso basso.

      • Flight, chiedo per chiedere, non voglio fare il saputello… ma sei sicuro che con i regolamenti precedenti sarebbe stato regolare introdurre uno scalino simile?

      • Mark dice:> Flight, chiedo per chiedere, non voglio fare il saputello… ma sei sicuro che con i regolamenti precedenti sarebbe stato regolare introdurre uno scalino simile?

        Ciao Mark.
        A volte neanche chi stila il regolamento è sicuro della conformità di alcune soluzioni tecniche, difatti, ci si impiega a volte mezzo campionato, per decidere se una tal cosa è conforme o da abolire.
        Detto ciò, per creare un convogliatore d’aria, per scavalcare l’abitacolo, non era necessario attendere la regola di abbassare il muso. E se lo si avesse voluto realizzare precedentemente, lo si poteva realizzare sia conformando il musetto, sia applicando una specie di cupolino o deflettore posticcio.
        Comunque, nella fattispecie, non credo possa servire a quello. Infatti lo scalino è troppo lontano dall’abitacolo, inoltre, il muso della macchina al di sopra dello scalino, prosegue con una linea dritta, mentre per accompagnare il flusso d’aria verso l’alto, avrebbe dovuto avere una linea graduale in salita.
        Comunque, aldilà delle piacevoli conversazioni e supposizioni, resta da vedere cosa succede una volta che le macchine siano all’opera.
        Il mio augurio è quello che la Ferrari possa meravigliarci. In senso positivo ovviamente. :)

  21. questa macchina non fa’ altro che estendere all’avantreno le estremizzazzioni aerodinamiche introdotte da newey al retrotreno. Gli sviluppi in questa zona saranno enormi nei confronti di chi utilizza un avantreno tradizionale, basti guardare l’inclinazione dei bracci o il tirante quasi orizzontale, un lavoro incredibile si nota sui portamozzi con la connessione dei braccetti inferiori a meta’ altezza, una soluzione mai vista all’avantreno. di colpo questa macchina spinge la ricerca aerodinamica molto piu’ avanti, lunedi’ vedremo se newey ha seguito una strada simile

    • Ecco, questa è un’osservazione interessante ed intelligente!

  22. Credete veramente che la ferrari non sapesse che era possibile togliere la gobba sul muso? mi fate ridere :D
    E se in questo modo l’alettone flettesse? Se la turbolenza generata fosse addirittura positiva?

  23. in poche parole un vero schifo uhhhnn

    • Alessio, ma un concetto, giusto o ingiusto che sia lo sai esprimere, a parte l’inutilità che scrivi? Sei sterile.

  24. L’evoluzione c’è, la macchina sembra innovativa e più “coraggiosa” nelle soluzioni rispetto al passato.
    Quanto al gradino, ritengo si tratti di una discussione di lana caprina, praticamente inutile visto che non siamo in grado, dalle foto, di capire una mazza.
    Confido nella capacità tecnica degli ingegneri che hanno fatto questa scelta e saranno le prestazioni in pista a dare il verdetto.
    Quindi evoluzione a tutto gas in Ferrari, peccato solo che il cervello di Alessio non abbia subito alcuna evoluzione, anzi :-)

    • Ciao Blade Runner. Piacere di leggerti. La discussione sul gradino, non è una discussione di lana caprina.
      Viene presentato un progetto in fotografia e non un progetto tecnico. Il nostro parere, lo potremo esprimere solo guardando l’esterno della vettura e non i disegni tecnici, quindi a meno di stare zitti, critichiamo ciò che si vede. Che sia valida o meno la nostra congettura in merito, positiva o negativa, lo sapremo in seguito. Altrimenti, in questo post di cosa dovremmo parlare? ;)
      Per il momento assolviamo o critichiamo lo scalino, in seguito, speriamo di inneggiare la Ferrari e speriamo che tutta la sua bontà, stia in ciò che non si vede.

      FORZA FERRIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!!!!!!!

      • OK, ma non vedo il perché di tanto scaldarsi.
        Opinione per opinione, personalmente trovo inutile la discussione; l’unica cosa che si può dire a ragion veduta è: mi piace oppure non mi piace.
        Tutte le disquisizioni aerodinamiche “a vista” sono discussioni di lana caprina, perché non basate su fatti reali e/o concreti.
        Aspetto con ansia l’inizio del mondiale e mi associo senza se e senza ma al tuo FORZA FERRARIIIIIII!
        Giuseppe

      • @Blade Runner
        Posso assicurarti che non mi scaldo per niente, se ti è giunta questa impressione me ne scuso, non era nelle mie intenzioni. Partecipo alle discussioni con serenità e piacere, altrimenti non lo farei. Lungi da me, la volontà di partecipare senza evitare picchi ipertensivi. :)
        Comunque, non trovo inutile la discussione. Sono state presentate le prime vetture ed in merito ad esse, ci si esprime attraverso le proprie iniziali impressioni, in attesa di vederle in pista. Allora, perchè ritenerlo inutile?
        Le nostre disquisizioni sull’aerodinamica, nascono in quanto le attuali monoposto, vengono progettate principalmente in base ad essa. Le forme e le appendici di cui sono dotate le monoposto, sono l’elemento immediatamente percepibile, pertanto le si osserva e ci si pone qualche domanda. Trovo naturale per chi ama e osserva questo sport porsi qualche “se” e qualche “ma”, guardando con curiosità le novità proposte.

  25. Certo che questa ferrari è veramente brutta, capisco la crisi ma che hanno comprato per costruirla la scatola del LEGO? Comunque spero che sia competitiva ed affidabile come un’altra Ferrari brutta la 312T4.Certo ormai la fantasia non fà più parte della F1 con regolamenti assurdi . cervellotici che hanno snaturato la vera essenza di questo meraviglioso sport.Ormai vediamo solo monotoni monomarca impedendo di fatto anche nelle formule minori ai piccoli costruttori di cimentarsi nelle competizioni.Ormai il potere dei grandi assoggetta anche la federazione,che peccato rovinare le competizioni automobilistiche.

  26. n

  27. Flight

    06/02/2012 • 13:05
    Ciao Gios. No, non è una sentenza, è un’osservazione. Infatti, volevo dire che il dislivello che porta a quello scalino, non è dovuto alla volontà di creare una sorta di alettone, ma è la diretta conseguenza che nasce dall’esigenza, di raccordare due linee di differenti altezze. É un dato di fatto. Infatti, questa caratteristica, la osserviamo solo oggi, non perchè si è pensato di creare un elemento nuovo, come caratteristica per creare una deviazione al flusso d’aria. ma perchè ci si è trovati davanti alla necessità di abbassare il muso rispetto a tutto il resto. Non è un fatto ricercato quindi, ma solo la conseguenza realizzativa dettata dalla necessità di assecondare una nuova richiesta regolamentare

    Ciao Flight
    certo solo ora per regolamento, ciò non toglie che si possa usare per scopi areodinamici, mi colpisce la larghezza del muso.

    • Ciao Gios. Certo è vero che quel dislivello potrebbe essere sfruttato per scopi aerodinamici. Il discorso, è come sfruttarlo.
      Secondo il mio parere, non come hanno fatto la maggior parte dei team, magari sbaglierò, ma al momento è questa la mia impressione.
      Credo ancora che quello scalino, “Bump”, come definito da Tombazis, crei qualche ostacolo in una certa misura, più che dare vantaggi. La miglior soluzione credo sia ancora quella della Red Bull. Difatti, il dislivello seppur presente, non crea ostacoli, in quanto il vano è stato aperto per far fluire l’aria. Ovvio che quella presa di aria, condurrà da qualche parte. Nel post dedicato alla Red Bull, scherzando dicevo che magari convoglierà l’aria verso il sistema di raffreddamento, ma in tutta sincerità, credo molto più verosimilmente, che quel condotto, spinga l’aria verso il basso, verso il fondo della vettura, aumentandone la deportanza, a favore di un maggiore grip. Quindi, il dislivello oltre a non creare ostacoli sull’abitacolo, diventerebbe un modo per recuperare energia in un punto in cui non serve e spostarla in un punto in cui restituisce un vantaggio, ovvero sul fondo vettura. Se è così, si spiegherebbe anche il vantaggio che Red Bull avrebbe su Ferrari, stimato da Briatore intorno ai due o tre decimi.
      L’interpretazione della McLaren invece, credo che sia la migliore interpretazione estetica, ma restituisca meno risultati in quanto abbassando il tutto, vi è meno spazio sul fondo per far defluire i flussi d’aria.

  28. .. chissà, se con il lego veniva meglio..

  29. La ferrari 2012 sembrerà pure una meltipla con quel muso ma il nostro cavallino ci farà vincere