Questo sito contribuisce alla audience di

HOME PAGE

Il primo BLOG sulla Formula 1. Gratis per te: F1 news,
foto, video, piloti, team, classifiche, calendario e F1 Live.

Red Bull a Melbourne con la “vecchia” RB8

Foto: circusf1.com

Foto: circusf1.com

La Red Bull dovrà prendere presto una decisione importante: quale monoposto portare a Melbourne in Australia per il primo Gp dell’anno?

La RB8 vista alla presentazione è stata infatti profondamente modificata, tanto che si può parlare di una vera e propria versione “b”. La nuova RB8b ha debuttato in pista nella penultima giornata di test di Barcellona e, causa alcuni problemi di gioventù, non ha percorso che pochi chilometri.

Pochi e non sufficienti per dare la necessaria tranquillità al team di Horner. Risultato: in Australia, al primo appuntamento del mondiale 2012, la Red Bull potrebbe riproporre la RB8 che ha svolto 10 dei 12 giorni di test invernali, rivelandosi una monoposto veloce ed affidabile!

I nuovi scarichi della RB8b, visti a Barcellona - foto: racecar-engineering.com

I nuovi scarichi della RB8b, visti a Barcellona - foto: racecar-engineering.com

Il dettaglio del nuovo fondo forato - foto: racecar-engineering.com

Il dettaglio del nuovo fondo forato - foto: racecar-engineering.com

Un altro particolare inedito della Red Bull RB8b - foto: racecar-engineering.com

Un altro particolare inedito della Red Bull RB8b - foto: racecar-engineering.com

{lang: 'it'}
Etichette (Tags): , , ,

28 Commenti

  1. bè ora mi sembra chiaro dove va a finire l’aria ke entra dalla fessura che cè nel musetto…esce dalle aperture ai lati dell abitacolo secondo me…magari pressurizzata dalle alte velocita accentua l’effetto coanda degli scarichi…mamma mia questa ferrari pero che disastro sara meglio ke lo sistemano quel retrotreno..ora che hanno il pull rod anche sulla f2012 non dovrebbe essere difficile fare un bel copia e incolla stile red bull…speriamo perche se non danno una buona macchina a fernando farebbe bene a cambiare squadra cosi alla ferrari imparano ke quando hai il miglior pilota al mondo non gli puoi dare sempre 1 carriola da guidare…

  2. Lamentino Alonso, il miglior pilota? Ma dove? A briscola forse,,,,,,

    • Alonso, fosse stato altrove, anzicchè in Ferrari, avrebbe conquistato qualche mondiale che con la rossa non ha potuto ottenere e tieni conto che uno l’ha sfiorato nonostante l’inferiorità della vettura ed errori della squadra.
      Lamentarsi, non è uno sport è un diritto. Fosse stato al posto di Vettel, oggi sarebbe raggiante e non avrebbe espresso alcun’afflizione. ;)
      Cordiali saluti.

      • Certo, infatti ne ha vinti due con Briatore, un vero sportivone dalle mille risorse che pur di fargli vincere una gara mandava a muro Piquet.
        Il problema di Alonso è che non c’è più Briatore!

        a.

      • Con tutto il rispetto nei tuoi confronti, caro Andrea, credo che invece il tuo problema sia che ti sia svegliato un giorno e abbia deciso di guardare la F1.
        Forniscici qualche motivazione diversa per la quale Alonso non ha ancora vinto un mondiale con la Ferrari, e ti daremo ragione.
        Saluti.

      • Io sono fra quello che non avrebbe mai e poi mai mollato Raikkonen, ma concordo sul fatto che Alonso sia un grande pilota, fra i migliori in circolazione.

      • Molto semplicemente perché il pacchetto auto-pilota-squadra non era il migliore.

        Nel 2010 è stato aiutato (e molto) dalla fortuna ma ha buttato via un mondiale già vinto nell’ultima gara.
        Lui, non la squadra perché un campione (a mio avviso) almeno ci prova a passare Petrov, al limite va a muro, ma un campione ci prova.

        Nel 2011 non c’è stata proprio storia perché la macchina è nata male e a quanto pare in fabbrica si impegnano più energie nei giochi politici che nel lavorare (questo lo scrive Turrini, non io).

        Se parliamo del pilota Alonso lo considero forte, ma almeno Vettel, Hamilton e direi anche Webber (vedi il sorpasso a Spa l’anno scorso) vanno più forte di lui, oggi. Direi che se la gioca con Button.

        Poi, quello che io penso di Alonso come persona è un altro paio di maniche: per la spy story avrebbe meritato la radiazione, ma si è comprato l’impunità facendo la controspia e condannando tutti i suoi “compagni di merende” dell’epoca. Per me come uomo è un chiaro esempio di antisportività, per questo andava benissimo con Briatore.

        Se ci fosse ancora Enzo Ferrari oggi Alonso non credo proprio che guiderebbe una rossa, Santander o no.
        Il fatto di averlo preso in squadra dopo la spy story e tutto il resto (tipo il siluramento ad hoc di Raikkonen) squalifica di molto ai miei occhi la Ferrari come entità sportiva.
        Evidentemente conta più lo sponsor che un codice d’onore.

        a.

      • Concordo, forse non tutti ricordano che i 2 mondiali vinti da Alonso con la Renault li ha conseguiti con una vettura inferiore non solo alla Ferrari ma anche a qualche altra.

  3. Dunque: nel 2010 la Ferrari aveva una vettura difficoltosa. Alonso non è stato aiutato dalla fortuna, anche se in effetti in Formula 1 si verificano eventi che io chiamo “Variabili” , ovvero situazioni legate per natura allo stesso sport, cioè rotture impreviste, inconvenienti ai box, uscite di pista ecc.ecc. eventi che non sono legati alla fortuna degli altri piloti che ne possono trarre giovamento, ma eventi altamente probabili in uno sport che possono favorire ai restanti in pista, a volte l’uno a volte l’ altro.
    Alonso nel 2010 ha giovato di qualcuno di questi inconvenienti capitati agli avversari. Bisogna tenere conto però, che Alonso, ha potuto sfruttare tali opportunità, perchè nonostante la vettura non lo permettesse, non ha mai mollato e anche se in condizioni di netta inferiorità della vettura, ha lottato caparbiamente per la classifica, potendo sfruttare appunto in seguito quelle eventualità. Altri al suo posto, avrebbero buttato via la spugna in anticipo e non avrebbero potuto sfruttare quelle opportunità, perchè troppo lontani.
    Tentare di superare Petrof in quella gara avrebbe portato solo alti rischi.
    Per quanto riguarda la spy story, devi tenerlo fuori responsabilità, in quanto un pilota non c’entra nulla con gli intrallazzi dei tecnici che formano le squadre.
    Alonso, ha vinto ciò che ha vinto, per i suoi meriti e non grazie ad altri che si facevano da parte per farlo vincere. Ci fai capire che gli altri fingessero incidenti regolarmente, per favorirlo. Cosa non vera.
    Il caso Piquet è un evento isolato e resta unico, e non certo un regolare atteggiamento su cui Alonso abbia basato le sue vittorie. Alonso non ha collezionato successi coi permessi di Briatore e con metodi poco ortodossi, altrimenti, menzionaci altri eventi che abbiano favorito Alonso in modo irregolare.
    Dire che il problema di Alonso, è che non c’è Briatore, volendo sottintendere che lo faccia vincere irregolarmente, è da incompetenti ed è una denigrazione gratuita e falsa nei confronti di un pilota che merita rispetto per le sue reali capacità.
    Ciò che hai detto, nel messaggio delle ore 10:44 è una fanfaronata.

    • Ti faccio solo notare che le tue sono tutte opinioni che cerchi di presentare come verità assolute.

      La morale, la sportività e la correttezza, poi, sono valori che (specie di questi tempi) possono purtroppo essere molto soggettivi.

      I miei valori sono evidentemente diversi dai tuoi, amen.

      a.

      • I tuoi valori sono diversi dai miei? Ma cosa ne sai tu dei miei valori? Spiegami cosa c’è di immorale in ciò che ho detto e cosa c’è di immorale nella carriera di Alonso. Sostieni che Alonso abbia sempre vinto in modo illecito mediante brogli e raggiri con l’aiuto di Briatore. A parte la vicenda Piquet, hai tu personalmente delle prove per sostenere che Alonso abbia sempre vinto mediante stratagemmi poco morali e sportivi? Se lo sostieni, facendo appello alla morale condannando, rivelaci gli altri episodi che non conosciamo e che siano validi elementi di accusa e di immorale condotta. Ce lo devi dimostrare. Dimostracelo! La tua, non è morale, è imputazione fondata all’ombra del sospetto. É il tuo sospetto ad essere una personale opinione e pretende di essere una verità assoluta non ciò che ho detto io precedentemente.
        Se il tuo sospetto, non è tale, ma è certezza e verità, ti ribadisco di rivelarci in quali occasioni Alonso ha edificato le sue vittorie con i brogli.
        I miei valori, sono certamente diversi dai tuoi come sostieni, ma solamente perchè non accuso nessuno gratuitamente. Togliere stima alle persone non è certamente morale, e la tua affermazione non lo è.
        Se mi fai notare che le mie sono opinioni che cerco di presentare come verità assolute, dimostraci che il tuo sospetto non è una tua opinione e che sia esso una verità. Quindi, rivelaci i particolari che ti fanno essere sicuro che le vittorie Alonso le abbia conquistate frodando. Aspettiamo tutti una risposta.

    • Molti sostengono che M.S. avrebbe portato la Ferrari alla vittoria e che V.R. avrebbe fatto la Yamaha M1. Dove sono oggi questi Piloti?
      Quando venne F.A. in Ferrari molti sostenevano che avrebbe risollevato le sorti del Team,invece NO,come mai?
      Cari Signori i piloti diventano grandi solo se riescono a salire su di una buona vettura e spesso è solo fortuna vedi Vettel e Button.
      In modo particolare “oggi”,che le vetture non possono essere provate,testate,adattate,più di quello imposto per regolamento,giusto o sbagliato,i Piloti sono Tutti uguali,anzi se portano denaro avranno corsie preferenziali,altrimenti Trulli.

      • E’ vero fino ad un certo punto.
        Con Valentino la Yamaha è rinata, ma spesso si tende a dimenticare la situazione disastrosa in cui versava prima che arrivasse lui.
        Allo stesso modo l’annata in Ducati è stata disastrosa, ma se confronti i tempi Valentino è stato mediamente più veloce di Stoner in quasi tutte le piste, il problema è che gli altri hanno fatto passi avanti superiori.
        Non è tutto merito del pilota se la moto va forte, ma non è nemmeno vero che puoi costruire una moto vincente con qualsiasi pilota.
        Nelle auto invece credo che il discorso sia più sblianciato a favore dell’auto, visto che la maggior parte dello sviluppo si fa in fabbrica e non in pista (essendo limitati i test) e che a volte sono i minimi particolari a fare la differenza, ciò nonostante credo che un pilota “sensibile” sia molto più di aiuto di uno che non lo è.

  4. Concordo con Andrea sul fatto che Alonso avrebbe dovuto provare a superare Petrov, perso per perso tanto vale giocarsi il tutto per tutto, anche a costo di prendersi grossi rischi.
    Su tutto il resto concordo con Flight.

  5. @ Flight,

    E’ provato che Briatore ha mandato a muro Piquet per falsare una corsa, perciò è un antisportivo: chiaro?
    Le email incriminate nella spy story erano quelle di Alonso, perciò è un antisportivo: chiaro?

    Non c’è bisogno di dimostrare che abbiano fatto ALTRE irregolarità: E’ GIA’ STATO CHIARAMENTE PROVATO CHE SIA GENTE SCORRETTA, PUNTO.
    E’ gente che non si fa scrupoli a BARARE!

    Per me, e per i miei valori, persone del genere dopo aver accertato comportamenti così gravi ed amorali nello sport non ci dovrebbero stare, se tu le tolleri o addirittura le giustifichi sono cavoli tuoi.

    Alonso, ricordiamolo ancora una volta, ha ottenuto l’indulto dalla federazione in cambio del fatto che ha consegnato le prove per incastrare gli altri, che erano colpevoli COME LUI.
    Come i pentiti di mafia.

    Se la Ferrari avesse uno straccio di codice d’onore sportivo non lo avrebbe in scuderia, uno così.
    Ma d’altra parte se avessero avuto uno straccio di codice d’onore sportivo non avrebbero nemmeno silurato Raikkonen con ancora un anno di contratto.

    a.

    • Anti-sportivo da parte della Ferrari non è stato il silurare Raikkonen con un anno di anticipo (può succedere, succede in tutti gli sport, basta che chi rescinde in anticipo paghi), il vero comportamento anti-sportivo e veramente schifoso della Ferrari (e lo dico da tifoso della stessa) è stato sospende fin da giugno lo sviluppo della macchina e scaricare le colpe degli scarsi risultati su Raikkonen usandolo come caprio espiatorio e contemporaneamente far digerire al pubblico il fatto che Kimi andasse cacciato per far posto ad Alonso.
      Ma ancora più schifoso è stato il comportamento della “stampa allineata” (quella con la lingua marrone) che ha supportato con i tutti i mezzi a propria disposizone questa squallida manovra.
      Io è da tempo che chiedo la testa di chi ha fatto tutto questo, soprattutto perchè, pur abbassandosi a questo genere di comportamento, non hanno nemmeno portato i risultati.

    • Vorresti dire che Alonso abbia partecipato attivamente all’acquisizione di materiale proveniente dalla Ferrari per suo tornaconto onde garantirsi vantaggi sportivi?
      La McLaren venne in possesso di materiale progettuale, trafugato in Ferrari da Nigel Stepney. Alonso era semplicemente il pilota , così come Hamilton della casa inglese ed esterni ambedue a tali azioni illecite, per le quali la McLaren divenne protagonista.
      Le mail di cui parli, sono semplici confidenze che Pedro De la Rosa (terzo pilota McLaren), fece ad Alonso, mettendolo al corrente che la McLaren era in possesso di materiale progettuale di provenienza Ferrari. Stop.
      Tali confidenze, ed informazioni ricevute, non mettono il pilota in questione, in una posizione come parte attiva nella vicenda, in quanto egli non è stato né il procuratore, né il divulgatore del materiale sottratto illecitamente. Le mail confidenziali, vennero messe da Alonso a disposizione della FIA, per affermare la colpevolezza della McLaren, e trovare anche il modo per revocare il contratto che lo legava ad essa, in quanto non vi era un sano rapporto.
      Egli ne fu l’accusatore. Inoltre è impensabile che egli potesse essere il maggior usufruitore dei vantaggi ottenuti illecitamente dal materiale acquisito, in quanto non era lui considerato la prima guida, ma anzi era trascurato dal team che poneva le maggiori attenzioni su Hamilton.
      Pertanto, l’antisportività, non proviene da Alonso, che fu una semplice persona informata dei fatti ed utile testimone, l’indirizzo del termine “Antisportivo” che rivolgi ad Alonso, è indirizzabile altrove. Vuoi sparare fango sulla gente, ma hai una cattiva mira.
      Sul caso Piquet, ribadiamolo, Alonso non c’entra nulla, e ammesso che dal muretto fu ordinato a Piquet di schiantarsi, non è accusabile Alonso, pertanto egli non è persona scorretta e neanche senza scrupoli come affermi.
      Ha sempre vinto con le sua forze e capacità e quando affermi che per vincere ha solo bisogno di Briatore, insinuando che essi truccano le gare, dici delle falsità. Pertanto, se ritieni che sia così, ti invito ancora una volta a dimostrarci che Alonso vince solo in questo modo, e allora mostraci ed evidenziaci tutte le volte che egli ha vinto in modo equivoco, altrimenti, ammetti che se non ha vinto sino ad ora, è perché non ha avuto una macchina all’altezza e non perché non vi è alle spalle, chi escogita il trucco. Con le tue accuse esposte sopra, non hai provato nulla e quello che dici è grave.

  6. @Flight, quello che scrivi è ridicolo:

    Alonso a de la Rosa: “Siamo sicuri che le informazioni soffiate sono buone?”

    de la Rosa: “al 100%, vengono da Stepney che le ha passate sottobanco a Coughlan”

    Alonso: “Grande, allora dobbiamo provare quegli assetti anche noi, ma per fare il lavoro veramente bene dovrebbe passarci anche i dati sulla ripartizione di frenata”

    de la Rosa: “ok, gli faccio avere l’informazione”

    Questo è il tuo signor sportivo modello.
    Che, tra l’altro, ogni volta che si scopre del marcio in F1 è a beneficio di Alonso, il quale, tu dici, poverino non ne sa mai niente… :)

    E’ un disonesto. E’ provato. E’ indifendibile.
    E ha vinto due mondiali con un altro disonesto (provato) per caposquadra.

    Poi tu puoi raccontarti quello che vuoi, anche che in un mondo di furbi è lecito sfruttare informazioni rubate ai concorrenti, gongolare tutto contento per questa bella impresa, e chiedere di rubare ancora per completare meglio la fregatura.

    Ripeto: cavoli tuoi, o la tua è una (pessima) morale da tifoso o hai due prosciutti interi sugli occhi.

    a.

    • Bene Andrea. Adesso però, ci dovresti fornire la fonte di quei dialoghi che hai postato per attestarne l’autenticità. Saprai benissimo che alcuni dialoghi tra Alonso e De la Rosa furono anche inventati.

      • Non posso, devo andare a vedere un gruppo di somari che volano con gli alieni che sono appena atterrati in giardino :)

      • Avranno probabilmente qualche ragione per atterrare nel tuo giardino :D
        Dal momento che non stai facendo altro che asserire che Alonso, campione del mondo, lo sia diventato imbrogliando, in modo non onesto, e dal momento che stai facendo appello a tutto il tuo moralismo per sminuire quello che è uno fra i migliori piloti in circolazione, dovresti spendere una parola, una sola, in merito a ciò che pensi della Mc Laren riguardo la Spy Story che hai tirato fuori.
        Hai definito Alonso antisportivo. Come definisci la Mc Laren, che all’epoca acquisiva progetti altrui, per trarne vantaggio e dove risiede in merito ad essa la sportività?

  7. ENZO nel messaggio del giorno 08/03/2012 • 21:15 dice: > Concordo, forse non tutti ricordano che i 2 mondiali vinti da Alonso con la Renault li ha conseguiti con una vettura inferiore non solo alla Ferrari ma anche a qualche altra.
    ————————————————————
    Risposta:
    Scusa Enzo, cerca di essere più chiaro. Vorresti dire che Alonso i mondiali li abbia vinti con metodi illeciti?

  8. @Flight, io non sminuisco nessuno.

    Ho detto che è un pilota che va forte, anche se oggi c’è chi va più forte di lui, dico però che è uno che non si è fatto scrupoli in carriera a barare.

    E quando si è trovato nei guai perché lo hanno beccato si è comprato l’impunità gettando tutti gli altri dalla torre.

    Umanamente ancora prima che sportivamente io uno così lo considero un perdente.
    Perché prima di tutto ha perso la faccia, e qualsiasi cosa possa aver vinto prima o vincerà dopo sarà SEMPRE gravata dal sospetto che avesse degli assi nascosti nel polsino, che li abbia usati o meno… sappiamo che se li portava dietro.

    Poi visto che i mondiali li ha vinti con un altro genio della truffa come Briatore col senno di poi ti chiedi se non avrebbero fatto meglio a chiamare la scuderia “Banda Bassotti” invece che Renault.

    a.

    • Andrea dice:> io non sminuisco nessuno.
      Ho detto che è un pilota che va forte, anche se oggi c’è chi va più forte di lui, dico però che è uno che non si è fatto scrupoli in carriera a barare.
      ———————————————–
      Risposta:
      No, hai detto altro. Hai detto: “” Certo, infatti ne ha vinti due con Briatore, un vero sportivone dalle mille risorse che pur di fargli vincere una gara mandava a muro Piquet.
      Il problema di Alonso è che non c’è più Briatore!”"
      Ciò lo dicevi nel messaggio del 07/03/2012 • 10:44 che ha dato via a questo nostro confronto.

      Se asserisci ciò, e sospetti, come dici che Alonso avesse degli assi nascosti nel polsino, vuol dire che pensi naturalmente che i punti conquistati, utili a vincere due mondiali, siano stati racimolati truccando gara su gara. Dimmi se effettivamente credi che ciò sia possibile. Dimmi che è vero e dimostralo, avvalorando ciò che dici, dimostrandoci che non sono tue estrose idee.
      Hai sminuito un pilota di grande e comprovato talento. Vuoi farlo passare fra i peggiori turlupinatori in ambito sportivo, appellandoti alla moralità e alla sportività. La sportività? Partite calcistiche vendute, calciatori che fingono falli su essi in campo per guadagnarsi calci di punizione a loro favore. Questa è sportività? Onestà sportiva?
      Non parliamo del problema del doping che gettò ombre sul ciclismo e di atleti imbottiti di anabolizzanti in varie discipline.
      Hai comunque dribblato. Hai fatto una schifezza Alonso, però non hai ancora risposto alla mia domanda, su cosa ne pensi della Mc Laren che acquisì documenti illeciti di proprietà Ferrari. Azione non a favore della sportività. L’Alonso che tu accusi, era loro pilota all’epoca.

      • @Flight, non sono cose che penso, quello che ho scritto (rileggilo per bene) sono dati di fatto e direi che si può chiudere anche qui, altrimenti mi tocca ripetermi.

        Per quanto riguarda la mcLaren non ho risposto semplicemente perché penso che non c’entri un tubo con il discorso che stavo facendo, ma se proprio ci tieni ad avermi come “opinionista” ti posso dire che mcLaren è stata riconosciuta colpevole ed è l’unica che ha pagato.

        Ha pagato pure poco a mio avviso, perché la violazione era talmente grave che avrebbe meritato almeno qualche stagione di squalifica se non la radiazione, ma in F1 comanda la politica e buttare fuori un team non si può, sennò si danneggia il business e blablabla… alla fine sono stati tolti i punti del campionato costruttori (che conta poco più di niente) ed è stata inflitta una sanzione pecuniaria che, considerati i budget che hanno, è una pena sopportabile.

        Io personalmente li avrei squalificati.

        a.

  9. Abbi pazienza Andrea, poi la finiamo qui. Non puoi asserire che sia un dato di fatto che due mondiali siano stati vinti truccando gare. E non è un dato di fatto che il problema di Alonso è che non c’è più Briatore, come motivazione che non ha ancora vinto in Ferrari.
    Hai declassato un pilota di talento in incapace.
    Il problema di Alonso, è stato la macchina e un team che ha collezionato errori.
    Ritornando un attimo indietro, nel tuo messaggio del 07/03/2012 • 11:57 dici: [...] « Nel 2010 è stato aiutato (e molto) dalla fortuna ma ha buttato via un mondiale già vinto nell’ultima gara.
    Lui, non la squadra perché un campione (a mio avviso) almeno ci prova a passare Petrov, al limite va a muro, ma un campione ci prova.»[...]
    Ecco, hai accreditato tutta la responsabilità del mondiale perso ad Alonso, dicendo che lo ha buttato via.
    Alonso, ha lavorato molto per arrivare sino a quel punto del mondiale e l’aveva quasi conquistato.
    Egli non ha buttato nulla. Tentare di sorpassare Petrov era inutile e avrebbe rischiato solo di terminare la sua corsa sbattendo. Rischio che non ha corso. Durante quel mondiale, Alonso si è preso molti rischi, talvolta commettendo errori per essere andato al limite. É stato per tale ragione, anche molto criticato.
    Se avesse terminato la sua ultima gara in un muro, per superare Petrov, sarebbe stato messo alla gogna.
    In quella posizione, lo aveva messo la squadra che al 15° giro, lo richiama ai box in un momento non opportuno. Alonso fidandisi della squadra, finì dietro Petrov e avanti ancora vi era Rosberg e Kubica. Perse il mondiale.
    Mondiale perso, perchè ai box fu sbagliato tattica.

    • @Flight, tu o non ìeggi quello che scrivo o fai finta di non capire.

      Io non ho dato dell’incapace ad Alonso, e non ho scritto che so per certo che ha vinto due mondiali truccando le gare, visto che non c’è n’è evidenza se hanno barato lo hanno fatto bene, ma le vittorie di chi è stato poi beccato con le mani nella marmellata NON hanno lo stesso valore di quelle ottenute chi si è sempre comportato onestamente.
      Possibile che non arrivi a capire questo semplice concetto?
      E qui i soggetti a barare erano due, Briatore ed Alonso, da cui il mio commento.

      Sul mondiale 2010 riguardati le gare. Alonso lo aveva già vinto grazie ad una massiccia dose di fortuna dovuta alla vagonata di punti buttata via dalla Red Bull e da Vettel (comprensibile, data l’inesperienza di entrambi).
      La sua tattica di gara è stata spesso di starsene buono ad aspettare che davanti facessero delle vaccate, e così è stato. E’ stato spesso più furbo e fortunato degli altri, ma non più bravo o veloce.

      All’ultima gara ha fatto esattamente la stessa cosa: vero che il box ha sbagliato il momento del pitstop, ma lui ha fatto il tassista dietro a Petrov fino alla fine SPERANDO che Vettel si fermasse o avesse qualche problema.

      - Un campione vero avrebbe tentato i tutti i modi di rimediare all’errore dei box (lo pagano anche per questo)
      - Un campione vero se ne sarebbe strafregato dei giudizi se avesse sbagliato

      Lo immagini un Hamilton nella stessa situazione? Qualcosa sarebbe successa, e ci saremmo divertiti.

      Alonso non ha avuto gli attributi nemmeno per provarci… e senza nulla da perdere perché il mondiale era andato, che fenomeno!
      Ricordo questa dichiarazione dopo la gara: “ho sperato fino alla fine che succedesse qualcosa, speravo magari che Vettel avesse problemi” ma che bravo, che campione di sportività!
      Ma d’altra parte sono anni che nei duelli le prende regolarmente da Hamilton, Vettel, Webber ed altri, l’unica maniera per vincere è farli fermare.

      La responsabilità di chi sta in macchina è grande ANCHE quando si perde.

      a.

    • Flight: concordo con te su tutto il discorso relativo ad Alonso di cui stai discutendo con Andrea.
      Ma sul discorso del mancato tentativo di sorpasso a Petrov, io avrei preferito vedere Alonso contro un muro per provarci, piuttosto che la triste immagine di una rinunciataria attesa dietro Petrov nella speranza di un problema a Vettel.
      Non per questo non considero Alonso un grande campione, tra l’altro penso che quel genere di condotta di gara sia stata decisa con la squadra nei brefing pre-gara.