circusF1.com

Crisi Red Bull: a Jerez pochi giri e tanti guai

redbullcrisi

Il team campione del mondo in carica è in difficoltà. Nei primi tre giorni di test F1 a Jerez, la Red Bull ha percorso solamente 14 giri: undici con Sebastian Vettel tra martedì e mercoledì e tre con Daniel Ricciardo oggi.

I problemi principali rigurdano il nuovo “motore” Renault che ha rallentato anche gli altri due team che lo utilizzano: Scuderia Toro Rosso e Caterham. Non è tutto però: la nuova RB10 ha accusato anche problemi di surriscaldamento ad alcune parti interne che hanno ulteriormente rallentato il lavoro in Spagna.

Si può parlare di crisi Red Bull? Dopo tre giorni, quattordici giri percorsi e così tanti guai… sì! Sì, anche perchè i test invernali sono limitati a dodici giorni in totale, prima dell’appuntamento di inizio stagione a Melbourne il prossimo 16 marzo.

Inoltre lo sviluppo dei motori potrà essere fatto ancora per poche settimane e poi dovranno essere “congelati“!

I più diretti avversari sembrano essere partiti con una marcia diversa: Mercedes e Ferrari, parliamo di “motoristi”, sono riusciti a portare delle unità propulsive molto più affidabili e funzionanti. I team che montano i turbo italiani e tedeschi hanno percorso parecchi chilometri, permettendo ai tecnici motoristi di Maranello e di Stoccarda di raccogliere dati preziosi per lo sviluppo e per migliorare l’affidabilità delle nuove unità!

Dopo tre giornate di test, la Mercedes ha percorso un totale di 177 giri, seguita dalla Ferrari con 136, dalla McLaren-Mercedes con 133, dalla Sauber-Ferrari con 94, dalla Williams-Mercedes con 89 giri e dalla Force India con 65.

Solo 73 giri totali invece per i tre team motorizzati Reanault: Toro Rosso (37), Caterham (22) e Red Bull (14).

FOTO E VIDEO DA JEREZ

Andrea Gallazzi
L'autore
Andrea Gallazzi: founder di CircusF1, il primo blog italiano sul Circus della Formula 1. La passione per il web, l'amore per la F1: insieme, nel mio blog!

Leave a Reply

*

*

code