circusF1.com

Nuovi format per le qualifiche in F1: le ipotesi sul tavolo

qualifiche in f1

Durante i test in Bahrain si terrà un incontro fra i team e la FIA per modificare il format delle qualifiche in F1. Molti tifosi hanno espresso il loro disappunto per un sabato che, negli ultimi anni, ha offerto sempre meno emozioni: vedi per il dominio quasi assoluto di Sebastian Vettel, la tentazione di alcuni team di risparmiare le gomme per la gara, le poche vetture in pista e via dicendo…

Proprio per questo la FIA avrebbe intenzione di valutare nuove idee per rendere più interessante la sessione di qualifica. Tre sono le ipotesi sul tavolo: vediamole.

  • La prima, che sembra quasi un controsenso, sarebbe eliminare il Q3. In questo modo sarebbero solamente 2 le sessioni (Q1 e Q2) e si incentiverebbe la lotta per i primi i posti;
  • La seconda ipotesi vedrebbe i piloti scendere in gara con le gomme del miglior tempo in Q2. In questo modo in Q3 tutti i piloti potrebbero scegliere a piacimento gli pneumatici, senza l’obbligo di dover tentare la caccia alla pole con le gomme più soft;
  • La terza (e più sensata) ipotesi vedrebbe la Pirelli fornire un set extra di pneumatici, utilizzabile esclusivamente durante la Q3. In questo modo tutti potrebbero fare almeno un tentativo.

.
La terza ed ultima ipotesi, oltre ad incontrare i nostri favori, avrebbe anche l’appoggio della Pirelli che avrebbe già dato la sua disponibilità a fornire il set extra di pneumatici per il nuovo format di qualifiche.

E voi cosa ne pensate?

Scritto da: Gianluca D’Alessandro

Gianluca D'Alessandro
L'autore
Gianluca D'Alessandro | Giovane appassionato di tecnologia e di sport, in particolare di Formula 1. Cresciuto passando la domenica pomeriggio a guardare Schumi in TV a vincere i mondiali sulla Rossa! | Twitter: @Gianludale27
  1. Avatar
    Baggianate Reply

    …il set in più di gomme da utilizzare solo nel Q3, se va bene anche alla Pirelli, è la migliore alternativa!

  2. Avatar
    Max Steel Reply

    A me sembra molto piu facile in realtà:
    Io non cambierei la tipologia di qualifica ma metterei il tetto del 107% anche in Q3 con rispettiva penalità a chi non lo consegue… Del tipo chi non gira in Q3 per risparmiare gomme o perchè impossibilitato o compie un giro lento e basta apposta esce matematicamente dal 107% rispetto alla miglior prestazione e si prende di conseguenza, per fare un esempio, 5 posizioni in meno sulla griglia… cosi anche se entri in Q3 non sei matematicamente “salvo” nei primi 10 finche non dimostri per la 3a volta di esserci arrivato meritatamente. In questo modo se sei decimo in Q3 perchè volevi risparmiare le gomme parti 15esimo… quindi sei costretto a girare e girare bene.

    Le vostre ipotesi sono sbagliate:
    La prima è in controsenso con quello che si è fatto per “animare” l’ora di qualifiche ed escludendo una mache tutto diventa piu piatto;
    La seconda svia una regola a parer mio intrigante e intelligente che mette piu difficolta nella Q3 e quindi resta apprezzabile visto che in Q3 devono arrivarci i migliori. Sicuramente non sarebbe qualcosa che darebbe piu possibilità di spettacolo, ma piu spazio a strategie dell’ultimo momento; Il fatto è che la regola c’è per avvantaggiare chi sta dal decimo posto in poi rispetto ai primi dieci quindi è un ottima regola per tutto;
    La terza è assurda a parer mio perchè aiuta solo chi sta davanti e sicuramente le qualifiche andrebbero a senso unico con ancor maggiore facilità; senza contare che chi sta davanti non avrebbe neanche piu problemi a sfruttare tutte le gomme possibili in Q2 in quanto per la Q3 avrebbe il vantaggino di averne extra.

  3. Gianluca D'Alessandro
    Gianluca D'Alessandro Reply

    Sono concorde sulla prima parte. La domanda che ti pongo, però, è: se un top team “spreca” due soli set tra qualifica uno e qualifica “due”, mentre un minor team come può essere la Marussia fa un miracolo ma ne spreca 3 di set e non fa il giro in Q3, perché penalizzare la Marussia? È anche questo un controsenso..

    Per la seconda parte: queste sono le ipotesi più probabili, ma non ne escludo che ce ne siano altre. La terza, inoltre, sarebbe la più concreta visto che avrebbe già il sostegno di Pirelli.

    Tecnicamente hai ragione, perché comunque quel set in più lo potresti provare nella Q2, ma questo vale per tutti e 16 i piloti. Nel senso che comunque per passare alla Q3 devi fare il tempo quindi dovresti fare come quest’anno. L’unica differenza è che chi va in Q3 non è costretto a risparmiare un treno di gomme perché ne ha uno extra che può utilizzare solo durante quella manche. In un certo senso è penalizzante nel fatto che comunque qualsiasi gomma tu abbia i valori in campo sono quelli. Però invece di fare un solo tentativo, magari ne fai 2. O chi non ne faceva affatto può farne comunque 1

    Ps. Grazie per aver letto l’articolo 🙂

  4. Avatar
    Patrick_Speri_ Reply

    Secondo me il format più bello di tutti è sempre quello con il giro secco per ogni pilota (per intenderci, la tipologia di qualifiche adottata nella stagione 2004), con un unico tentativo. Una sola possibilità, e non puoi sbagliarla, nè fare calcoli. Oltre alla velocità, si vede anche la freddezza, perchè ti giochi una buona fetta del week-end in un solo giro.

    Come seconda opzione, non mi dispiacerebbe l’ora di qualifica (come si usava fare negli anni 90) in cui tutti i piloti girano assieme.

    Vediamo cosa sceglieranno,a nche se tra le 3 ipotesi da voi pubblicate la numero 3 mi sembra nettamente la più logica.

    Un saluto!

    • Gianluca D'Alessandro
      Gianluca D'Alessandro Reply

      Il giro secco sarebbe perfetto.. Però ha anche una pecca: metti due team che gestiscono in modo diverso gli pneumatici; il primo li porta in temperatura il primo giro, mentre l’altro al secondo. In questo modo il primo team sarebbe nettamente avvantaggiato e non sarebbe propriamente il pilota a fare la differenza. Ecco, magari una sfida secca con soli 3 giri sarebbe l’ideale.

      Per il resto, anche a me sembra la più logica l’ipotesi 3, anche se bisogna dire che i valori in campo non cambierebbero: tutti possono fare un tentativo, ma i valori dei team sarebbero sempre gli stessi.

      Un saluto e buona serata!

  5. Avatar
    DavideV Reply

    Personalmente nessuna delle tre opzioni mi entusiasma particolarmente, ma ormai ho fatto il callo riguardo alle decisioni della FIA.
    Dovessi proporre un’alternativa, vedo più sensato attribuire 3, 2 e 1 punti rispettivamente ai primi tre qualificati del sabato e al giro veloce in gara. In questo modo le tattiche troppo conservative verrebbero di certo disincentivate.

Leave a Reply

*

*

code