circusF1.com

Il nuovo regolamento F1 spiegato dai piloti Red Bull. Il Video!

nuovi regolamenti f1 2014

In attesa delle prime prove libere del mondiale di Formula 1, che si disputeranno nella giornata di domani sul circuito australiano di Albert Park, riassumiamo, grazie a RedBull.it, quali saranno le novità di questa stagione 2014, confrontandole con le regole della stagione passata.

Nel video qui sotto, saranno direttamente i piloti Red Bull, Sebastian Vettel e Daniel Ricciardo, a spiegarci come cambierà la Formula 1 con il nuovo regolamento.

QUALIFICA
Com’era nel 2013: I piloti che entravano in Q3 dovevano partire in gara con le gomme usate nel giro più veloce realizzato nella stessa Q3
Nel 2014: I piloti che entrano in Q3 partono in gara con le gomme usate nel giro più veloce realizzato in Q2
I perché del cambiamento: Per essere sicuri che tutti in Q3 escano in pista a caccia della pole, invece di starsene in garage per risparmiare un set di gomme in vista del Gran Premio. Per approfondire ecco il nostro articolo sul tema.

MUSI DELLE VETTURE
Com’era nel 2013: Il naso delle monoposto doveva essere a un’altezzza massima di 550mm da terra
Nel 2014: I naso può arrivare a un massimo di 185mm da terra. Per arrivare a questa altezza i team hanno studiato vari metodi per far, comunque, arrivare il massimo quantitativo d’aria possibile al retrotreno
I perché del cambiamento: Ragioni di sicurezza. Si ritiene che col muso ribassato ci siano meno probabilità che una macchina, in caso di tamponamento, venga sbalzata in aria, come accaduto a Mark Webber al GP d’Europa 2010 (quando centrò in pieno Kovalinen e fece un “360” in volo..). Ragioni di sicurezza.. Pensandoci così sicuri non sono.. Vi ricordate l’incidente tra Schumacher e Liuzzi ad Gp d’Abu Dhabi 2010? Pensate se ci fossero stati i musi di quest’anno come poteva andare a finire…

MOTORE
Com’era nel 2013: V8 aspirati da 2400 cc a iniezione indiretta. Ogni scuderia poteva usarne 8 a stagione
Nel 2014: motori turbo V6 da 1600 cc a iniezione diretta. Ogni scuderia potrà usarne 5 in tutta la stagione.
I perché del cambiamento: I nuovi motori turbo, di potenza e dimensioni ridotte, hanno costi di produzione inferiori (non al momento visti i costi di ricerca e sviluppo..) e sono visti come il futuro dell’industria automobilistica (visto che le tecnologie che si sviluppano in Formula 1 devono essere portate anche alle auto comuni)

SCARICHI
Com’era nel 2013: Scarichi rivolti verso l’alto uscivano da entrambi i lati nella parte posteriore delle monoposto
Nel 2014: Un unico scarico posteriore centrale
I perché del cambiamento: Clcuni team usavano il flusso dei gas di scarico per aumentare la deportanza. La Fia ha vietato questa soluzione spostando gli scarichi, attraverso l’effetto “coanda” (essenzialmente i flussi d’aria seguono le linee filanti della monoposto, arrivando al diffusore). In questo modo non sarà più possibile sfruttare l’effetto coanda, diminuendo l’importanza dell’aerodinamica

SISTEMI IBRIDI
Com’era nel 2013: Il KERS, dispositivo di recupero dell’energia cinetica, forniva 80 cavalli supplementari per 6-7 secondi a giro (non usarlo significava perdere circa 6/7 decimi al giro)
Nel 2014: Il nuovo ERS combina due unità di recupero energetico fornendo 160 cavalli aggiuntivi per circa 33 secondi a giro (non usarlo significa perdere circa 4/5 secondi al giro)
I perché del cambiamento: La F1 vuole che le nuove macchine abbiano performance simili a quelle della passata stagione, nonostante un motore termico meno potente (circa 150cv in meno). In questo modo la potenza persa con i nuovi motori è recuperata con i nuovi sistemi elettrici.

Per il nuovo PESO delle monoposto, le specifiche sul CARBURANTE e i nuovi
PUNTEGGI, vi rimandiamo all’articolo completo e originale su RedBull.it

Gianluca D'Alessandro
L'autore
Gianluca D'Alessandro | Giovane appassionato di tecnologia e di sport, in particolare di Formula 1. Cresciuto passando la domenica pomeriggio a guardare Schumi in TV a vincere i mondiali sulla Rossa! | Twitter: @Gianludale27

Leave a Reply

*

*

code

Send this to a friend