circusF1.com

Gp Malesia F1: efficienza ed affidabilità, le chiavi per vincere

gp malesia f1 mercedes

Manca veramente poco al via del secondo weekend di gara stagionale che avrà come scenario il circuito di Sepang, nella capitale malese Kuala Lumpur.

Il tracciato è entrato a far parte del Campionato Mondiale di Formula 1 nel 1999 e si snoda per 5.543 metri.

Il circuito si compone di un totale di 15 curve, 9 a destra e 6 a sinistra molto pronunciate, unite da 2 lunghi rettilinei. Le condizioni meteorologiche sono un’importantissima variabile da prendere considerazione, infatti il mutevole clima equatoriale, tipico della Malesia, ha sempre generato fastidiosi grattacapi a piloti e tecnici.

Vediamo ora le dichiarazioni dei principali team e le sensazioni di alcuni piloti, in vista di questo particolare Gran Premio.

Partiamo dalla scuderia che ha ottenuto il successo nel Gran Premio d’Australia, la Mercedes. Lewis Hamilton, in un’intervista per il sito MercedesamgF1.com ha dichiarato:”Sepang è un circuito fantastico, ed è sempre molto eccitante correre qui con il caldo e l’umidità. Dal punto di vista fisico il pilota deve farsi trovare pronto e tonico per affrontare condizioni climatiche così pesanti, alla fine della gara si riescono a perdere dai 3 ai 4 kg di peso. Sono condizioni estreme ed è molto facile perdere la concentrazione nel finale dove si arriva esausti. La pioggia quando arriva è incredibile, ti puoi trovare al centro di un temporale monsonico”.

Anche il compagno di scuderia Nico Rosberg ha rilasciato alcune impressioni e considerazioni riguardo la gara malese:”Il circuito di Sepang è uno dei miei preferiti, è entusiasmante dal punto di vista della guida. Ci sono 2 rettilinei lunghissimi che terminano con curve strette e tortuose dove è possibile il sorpasso, ma la parte più eccitante è la sezione ad alta velocità tra le curve 5 e 6″. Per quanto riguarda le condizioni climatiche Rosberg ha detto:”Il clima è sempre un fattore durante il fine settimana qui in Malesia, l’alternarsi del sole e del caldo alle piogge monsoniche, aumenterà sicuramente lo spettacolo per il pubblico e sarà anche una buona occasione per vedere l’affidabilità delle vetture”.

Considerazioni riguardo l’imminente Gran Premio a Kuala Lumpur sono state fatte anche dal team che ha conquistato il secondo e il terzo posto ad Albert Park: la McLaren. Il rookie della scuderia inglese Kevin Magnussen vuole ripetere la grande prestazione ottenuta in Australia e in un intervista sul sito mclaren.com ha detto:” Sepang è un tipo molto diverso di pista rispetto Albert Park. A Melbourne c’erano molte curve a bassa velocità, mentre la Malesia è un vero circuito ad alta velocità, le curve sono di gran lunga più veloci e verrà sollecitata molto l’areodinamica”.
“Penso che sarà una prova più dura dell’ Australia, le temperature ambientali saranno assai difficili per i piloti, inoltre la temperatura della pista sarà molto alta, il che renderà difficoltoso la gestione del consumo delle gomme. Il mio obiettivo sarà quello di segnare più punti, la costanza è molto importante per il campionato, e di continuare ad imparare”.

Il più esperto compagno di scuderia Jenson Button ha confermato gli ottimi sviluppi sulla vettura per il Gran Premio malese e nell’intervista per mclaren.com ha dichiarato:”Sepang è un circuito che piace molto ai piloti, e anche se non abbiamo la deportanza complessiva che vogliamo, dovremmo avere l’equilibrio e affidabilità per far funzionare al meglio la macchina. Questo è un aspetto davvero incoraggiante, perché significa che entriamo in un weekend di gara sapendo che siamo in grado di ottenere il massimo dalla vettura durante le sessioni di prove e la gara. Anche se non abbiamo ancora il passo per lottare con gli apripista, dovremmo avere una macchina che è valida in ogni settore, e così in gara sapremo dire la nostra”.

Anche la Williams sul proprio sito williamsf1.com ha pubblicato le impressioni di Felipe Massa e Valtteri Bottas alla vigilia del weekend di gara in Malesia. Queste le impressioni del pilota brasiliano:”La Malesia è un bellissimo posto in cui correre e le condizioni climatiche tipicamente equatoriali saranno molto dure per il fisico dei piloti. Queste condizioni non si troveranno in altri circuiti durante la stagione. Le possibilità di avere una gara bagnata sono molto alte e i piloti e gli ingegneri dovranno fare un gran lavoro per portare la vettura al traguardo. La gara sarà molto eccitante per gli spettatori, ma i repentini cambi di condizioni saranno durissime per i piloti, spero di riuscire ad avere un ottimo weekend”.
Valtteri Bottas, dopo l’entusiasmante prestazione in Austrlia, dove è riuscito, grazie anche ad una macchina competitiva, a regalare un bellissimo spettacolo ai tifosi ha dichiarato:”Sepang sarà un tracciato che ci presenterà molte sfide. Il raffreddamento della vettura sarà molto importante, le temperature infatti saranno assai alte e c’è ancora molto da imparare riguardo le nuove power-unit. Il tracciato di Kuala Lumpur sarà quindi un ottimo banco di prova. Potrebbe essere la gara più calda dell’anno e non sarà facile per i piloti. Io e Felipe abbiamo fatto un grande lavoro pre-stagione sul nostro fisico per arrivare preparati. Il tracciato inoltre ha delle parti ad alta velocità che sono le mie preferite”.

Come non dare un occhio anche in casa Ferrari. La scuderia italiana sul proprio sito ferrari.com ha intervistato il Deputy Chief Designer Simone Resta che ha mostrato il lavoro svolto dal team sulla vettura in previsione delle gara in Malesia e in Bahrain. Ora infatti lo scenario cambia, con la Formula 1 che fa rotta verso il caldo, l’umidità, i veloci rettilinei e le curve di Sepang. La Scuderia Ferrari, come gli altri dieci team, ha continuato lo sviluppo della propria monoposto rispetto alla gara australiana ma il Gran Premio della Malesia promette di essere un banco di prova ancora più difficile per tutti.

Ecco il video integrale dell’intervista a Simone Resta che spiega l’approccio della Ferrari alla gara in Malesia.

Gp Malesia F1 – Migliorare l’efficienza mantenendo l’affidabilità
http://www.youtube.com/watch?v=Uuc4gcwIKrc

Scritto da Daniele Vanin

L'autore
Daniele Vanin | Classe 1988, iscritto alla facoltà di Scienze Politiche, grande appassionato di motori e fan del mondo della Formula 1. Nel cuore le supercar e tutte le vetture che riescono a trasmettere emozioni. Tra gli interessi, il giornalismo sportivo!

Leave a Reply

*

*

code