circusF1.com

Gp Bahrain 2014: le interviste, dopo una gara ricca di emozioni

Gp Bahrain 2014

Una gara emozionante! Tanti sorpassi, tante ruote fumanti e tante battaglie tra piloti della stessa scuderia: sarà questo quello ci portiamo via dal Gran Premio del Bahrain, una delle gare più belle che abbiamo visto negli ultimi anni. C’è chi, però, non può rimanere per nulla soddisfatto come Nico Rosberg, vicino alla vittoria ma stoppato, sembrerebbe, per un team radio a pochi giri dalla fine; le Ferrari, nona e decima sul traguardo ma con un distacco impressionante.

GP BAHRAIN 2014: ORDINE D’ARRIVO | FOTO | VIDEO |

Andiamo, prima di tutto, ad ascoltare le parole del vincitore della gara, Lewis Hamilton: “Vincere la gara è la cosa più straordinaria, sono felice, ma dentro di me sento di non aver avuto un gran passo oggi. Dobbiamo imparare e capirne i motivi. Molti dei vantaggi che ho avuto nell’ultima gara, Nico li ha trovati arrivando qui. Ha fatto un lavoro migliore e devo riuscire a migliorare. Per me è stata una delle situazioni più difficili da un po’ di tempo a questa parte. Le ‘option’ ritengo valessero sei decimi e mezzo al giro, dunque tenerlo dietro era molto, molto difficile. – ha commentato Lewis in conferenza stampa -. “Ho spinto al massimo per 10 giri, è stata una gara eccezionale oggi, io e Nico non avevamo una gara così dai tempi del karting. In diversi momenti ero in punti ciechi e non avevo idea di dove fosse. Penso ci sia voluto molto tempo per utilizzare al meglio tutte le tecniche che ho acquisito negli anni di quando ero un giovane kartista. Essere in pista e riprovare quelle sensazioni è stato davvero fantastico. Si tratta di una delle più belle sensazioni al mondo”.

Come abbiamo detto, tra i delusi di giornata c’è sicuramente anche Nico Rosberg, vicinissimo alla vittoria, che ha cercato di nascondere la “delusione” con sorriso:”Mi dispiace essere arrivato secondo, ma è stata una corsa entusiasmante, la più bella della mia carriera. Spero di aver dato vita ad un bello spettacolo;è stata una grande giornata di sport, unica per noi come Frecce d’Argento. Spero davvero di riuscire a vincere la prossima gara in Cina, tra 14 giorni”.

Felice, invece, Sergio Perez, tornato al podio (il 4 in carriera) dopo la dura stagione in McLaren: “È passato parecchio tempo dal mio ultimo podio e oggi è veramente stato speciale per me. Ho fatto una gara molto buona. La strategia è stata proprio al limite per noi, eravamo sulle due soste mentre chi ci inseguiva alla fine (Ricciardo, ndr) era sulle tre soste. Alla fine siamo riusciti a mantenere la posizione… sono riuscito ad arrivare qui! Ho passato un periodo molto difficile alla McLaren, molto più di duro di quanto si possa immaginare, poter riprendermi con questo nuovo team dopo appena tre gare è una sensazione fantastica”.

Una buona gara anche per Daniel Ricciardo, arrivato a pochi decimi dal podio dopo una rimonta fantastica: “Una gara molto bella, mi è piaciuta tutta dall’inizio alla fine. Alla fine con la Safety Car si sono ridotti tutti i margini ed è stata una bella possibilità per noi per battagliare e avvicinarci davanti. Ero molto contento del comportamento della macchina, è andata bene fino alla fine è stato bello poter battagliare con Sergio e con tutte le macchine che avevo davanti, le Ferrari, le Force India, le McLaren, abbiamo combattuto contro tutti oggi ed è stato molto divertente!”.

Laconico, invece, il compagno di squadra Vettel che imputa a se stesso le colpe per una prestazione non esaltante: “Daniel ha dimostrato che c’era dell’altro potenziale nella vettura oggi ed io non sono riuscito a trovarlo, quindi non sono contento della mia giornata. Per qualche motivo siamo parsi davvero lenti in rettilineo, non solo rispetto alle Mercedes”

Capitolo Ferrari: Alonso 9° e Raikkonen 10°. Pensate che senza Safety car il distacco poteva essere di 1’30”. Una gara molto difficile ma gli uomini del Cavallino sanno su cosa devono lavorare, come conferma Fernando Alonso:”Credo che le aree sulle quali intervenire siano più o meno chiare. Oggi è stata una gara difficile, lo sapevamo anche prima di venire qui in Bahrain. Il team ha fatto un lavoro super, abbiamo cambiato varie cose da ieri per il problema della potenza del motore e tutto ha funzionato oggi. La partenza è stata super, i pit stop bene, la strategia ottima, quindi in generale abbiamo fatto il massimo possibile. Quello di cui non siamo sicuramente soddisfatti è il livello di performance, non abbiamo fatto abbastanza bene, lo sappiamo e dobbiamo chiedere un attimo di pazienza a tutti quanti”.

Molto diretto, invece, Kimi Raikkonen che predica anche calma: “Questa gara è stata difficile, abbiamo fatto una pessima partenza, dopodiché le cose sono diventate più difficili. Ci manca la velocità nel complesso, dobbiamo lavorare in questo. Non succederà facilmente, ci vorrà del tempo per avvicinarsi agli altri team ma è quello che dobbiamo fare”.

Gianluca D'Alessandro
L'autore
Gianluca D'Alessandro | Giovane appassionato di tecnologia e di sport, in particolare di Formula 1. Cresciuto passando la domenica pomeriggio a guardare Schumi in TV a vincere i mondiali sulla Rossa! | Twitter: @Gianludale27
  1. Avatar
    spigi57 Reply

    Non ci sono parole !!!!! Ciao
    Giuseppe

  2. Avatar
    spigi57 Reply

    Anzi quattro parole li ho : ho spento al 31 giro. Ciao
    Giuseppe

    • Gianluca D'Alessandro
      Gianluca D'Alessandro Reply

      Ti dirò: ero veramente curioso di sentire la tua opinione!

      A questo punto vuoi spiegarmi anche il perché? Sono molto curioso di sapere 🙂

  3. Avatar
    spigi57 Reply

    Delusione ; se oramai pare scontato che il Mercedes ( bontà sua ) da la paga a tutti gli altri,e la gara di ieri ne è la conferma,non capisco come la red bull con il Renault( che sembrava destinato alle formule minori )abbia dato la paga alla ferrari. Allora oltre che alla meccanica ci sono problemi di telaio,di elettronica,di gomme,di squadra,di muretto,di…,di….,di….,di…..Spero basti come delusione. Ciao
    Giuseppe

  4. Avatar
    Maurizio V. Reply

    Sarò l’unico ma questa F1 mi piace molto. Il rimescolamento dei valori delle scuderie e dei Piloti mi piace molto. Non esistono più certezze per il momento e personalmente non credo che la Mercedes sia irraggiungibile, anzi credo che entro la metà del campionato il loro vantaggio verrà colmato e le gare diventeranno molto interessanti. Certo, non è la F1 degli anni passati, è diversa, nuova e dal punto di vista tecnico straordinaria. Come al solito, sento e leggo dei commenti assurdi, Il più bello è quello del “SOUND”, nessuno o pochi lo hanno sentito dal vivo e tutti dicono che non va bene! se servisse per vincere?! Tanto tempo fa c’erano i Gladiatori, oggi non più. Saluti

    • Gianluca D'Alessandro
      Gianluca D'Alessandro Reply

      Sinceramente concordo con Lei. Anche a me piace questa Formula 1, ha portato una ventata di novità! L’unica cosa che sinceramente non di va giù è la componente elettrica: certo, grande innovazione, però per quello c’è la Formula E. Il kers, in fin dei conti, erano 5/6 decimi al giro, quindi non era di grandissimo impatto, ora invece.. Però dal punto di vista tecnico è una rivoluzione straordinaria, che porterà grandi vantaggi anche per le vetture di tutti i giorni!

      Per Mercedes: io penso che Mercedes sia già allo step B della vettura, mentre tutti gli altri allo step A. Queste vetture hanno grandi margini di miglioramenti.. Bisogna vedere quanto “correrà” Mercedes, ma senza dubbio il margine si assottiglierà!
      Saluti

Leave a Reply

*

*

code