circusF1.com

Maggio e le prime fantasiose voci del mercato F1

alonso-looking-at-red-bull

Nel mese di maggio di un anno fa i giornali aprivano con due titoli: “Raikkonen in Red Bull” e “Hulkenberg in Ferrari” nel 2014. Come sappiamo la storia è andata avanti e finita in maniera ben diversamente ma, da sempre, il maggio è stato il mese per le prime voci di mercato in Formula 1.

E anche quest’anno, infatti, non sono mancate le prime speculazioni che hanno visto Fernando Alonso e Adrian Newey come protagonisti.

Secondo i media tedeschi e spagnoli il pilota della Ferrari sarebbe in procinto di firmare un contratto che lo porterebbe in Mercedes nel 2015. Una voce al quanto fantasiosa per numerosi motivi: il primo è che Alonso ha un contratto con il team del cavallino fino al 2016. Si deve, inoltre, considerare che la Mercedes non avrebbe nessun motivo di ingaggiare lo spagnolo visto che gli attuali piloti soddisfano tutte le necessità del team tedesco: hanno un pilota di punta, Hamilton, e il miglior “secondo” in circolazione, Rosberg, che stanno permettendo alla scuderia di ottenere la vetta sia nel mondiale piloti sia nel mondiale costruttori.

Perché Mercedes dovrebbe andare a rischiare una convivenza difficile tra due galli come Hamilton ed Alonso nello stesso pollaio? Certo, i tempi sono ben diversi da quel lontano 2007, entrambi sono maturati da quell’anno ma come si suol dire “il lupo perde il pelo, ma non il vizio…”. In definitiva è praticamente esclusa questa possibilità, anche perché due strade sono molto più concrete: McLaren e Red Bull.

Il team di Woking a partire dal prossimo anno ha bisogno di un pilota di punta perchè nè Button, nonostante sia campione del mondo, nè Magnussen, il quale deve farsi ancora “le ossa” in categoria, sono tali. Pilota di punta che potrebbe essere proprio lo spagnolo della Ferrari, il cui ingaggio straordinario non sarebbe un problema per la Honda, disponibile a mettere sul piatto 50 milioni di Euro per l’ingaggio dei piloti McLaren.

Inoltre in McLaren sono ancora privi di main sponsor (e pensare che doveva essere annunciato a fine 2013…) ed l’arrivo dell’asturiano favorirebbe sicuramente l’arrivo di qualche importante “azienda”: non a caso si parla già di un importante società di telefonia spagnola. Alonso potrebbe essere attratto da una nuova sfida dopo 5 anni di delusioni in Ferrari con la prospettiva di una vettura che, sulla carta, potrebbe essere vincente: l’arrivo di Honda che, secondi i recenti rumors, conoscerebbe buona parte dei segreti dei motori Mercedes, potrebbe spingere lo spagnolo a tentare la sfida nella sua ultima parte di carriera.

Da non sottovalutare, però, anche l’ipotesi Red Bull: Alonso non è contento in Ferrari e Vettel forse non è lo è completamente nel team austriaco. Già l’anno scorso, in verità, s’ipotizzava questo scambio proprio a fine 2014. L’asturiano non ha nascosto di voler lavorare con Newey e Vettel a sua volta ha dichiarato che in futuro avrebbe voluto correre per e con la Rossa. Perché no?

Altra voce di mercato è quella che vede protagonista Adrian Newey: secondo i media italiani, l’inglese, mago dell’aerodinamica, dovrebbe accasarsi a partire dalla prossima stagione in Ferrari. Non è la prima volta che Newey e la Ferrari vengono accostati: lo stesso tecnico inglese aveva rivelato, a fine 2013, che in passato c’erano stati dei colloqui con i vertici del Cavallino, anche se le trattative non andarono in porto per motivi familiari: “Alcuni anni fa ho avuto delle trattative che sono andate avanti per un po’ con la Ferrari, ma i miei bambini erano piccoli e dovevano frequentare delle scuole inglesi. Non è stato facile prendere la decisione di rinunciare. Penso che la Ferrari non sia solo un sogno per ogni pilota ma anche per un ingegnere. Sfortunatamente il mio non è diventato realtà. Credo che dopo la Red Bull non avrò altri team anche se l’idea di ricominciare una nuova avventura non la vedo così tragica”.

Dichiarazioni che lasciano un barlume di speranza, sopratutto per i tifosi più “accaniti” che chiedono la “testa” di Fry e Tombazis: che questa sia la volta buona? Nel paddock si dice che la presenza del Presidente Montezemolo fosse proprio per tentare di convincere l’inglese a venire in Italia ed affrontare una nuova sfida: che lo abbia convinto? Difficile dirlo, visto che Newey potrebbe pensare anche di andare a progettare catamarani per l’America’s Cup, suo piccolo grande sogno.

L'autore
Gianluca D'Alessandro | Giovane appassionato di tecnologia e di sport, in particolare di Formula 1. Cresciuto passando la domenica pomeriggio a guardare Schumi in TV a vincere i mondiali sulla Rossa! | Twitter: @Gianludale27
  1. spigi57 Reply

    Molte fantasie come ogni anno, anche se forse il discorso alonso-mclaren potrebbe avere un senso. Io con la honda in campo la vedo veramente nera ( più che con la mercedes ). Non ci scordiamo l’ultima accoppiata McLaren-Honda…….MAMMA MIA.

Leave a Reply

*

*

code