Autore: Laura Di Nicola

Laura Di Nicola | "Fatti non foste a viver come bruti, ma a seguitar rombo di motori e grandi partenze". Interagisci con me sui profili social di Circus Formula Uno o seguimi su Twitter @elledinicola e Facebook @FormulaElle On Amazon: https://amzn.to/2zq6sMF

Strana la vita, caro Max Verstappen: diventi bicampione del mondo ma il contesto in cui ciò avviene sembra pari pari la famosa scena di Tre Uomini e Una Gamba: “Sei campione del Mondo! – Sì, ma niente di serio!” Tutt’intorno, avversari collegati da remoto che professano, indignati, il proprio scontento, commentatori in difficoltà, più polemiche che cosplayer, occhi sgranati e l’intera desolazione rossa dipinta sul volto di Charles Leclerc. Una vittoria annacquata dalle polemiche sui regolamenti e dal polverone sollevato per le imminenti rivelazioni sulla questione del budget cap, ma soprattutto dal fatto che fosse ampiamente annunciata da tempo. Spiace…

Read More

Non è più una questione di vincere, ma di come andare avanti. Per la Ferrari, questa è la sintesi del Mondiale 2022, quali che siano i risultati che verranno o le interpretazioni del suo andamento che si vorranno preferire. La matematica non ci condanna, dobbiamo migliorare, abbiamo voglia e determinazione, stiamo lavorando tutti, ci crediamo. Nessuno mette in dubbio l’abnegazione o la buona fede di chi indossa la casacca rossa, ma la retorica del “ce la faremo contro tutto e tutti” è diventata stucchevole e rappresenta un modo molto poco degno di sviare l’attenzione del tifoso e dell’appassionato dall’immenso spreco…

Read More

La vita, se ti dice bene, è una cosa semplice.  Un modo fatto di piccole grandi cose, come in quella canzonetta dei Beatles: uno stallo al mercato, una bella ragazza che fa la cantante, prendersi per mano e mettere su, in un paio d’anni, una casa dolce casa e una bella famiglia. Obladì, obladà, life goes on, brah! Se riesci a realizzare questo fortunato incastro mentre, poco più che ragazzino, vinci 4 titoli del mondo in Formula Uno, il primo appena tre anni dopo l’esordio assoluto,  con un team che sembra una banda di caciaroni spregiudicati venuti fuori dal nulla,…

Read More

Per me è no. Se dovessi giudicare il MiamiGp con il metro di un talent show, questa sarebbe la mia risposta. E – intendiamoci – già il fatto di aver dovuto accostare uno sport storico, fatto di coraggio, intelligenza e abnegazione, a un prodotto televisivo che fagocita le speranze di giovani artisti – o presunti tali – di trovare la loro strada inseguendo un sogno, beh, dà la misura di quanto sia cambiato il punto di vista negli ultimi anni. Questo – per giunta – proprio in concomitanza con il quarantesimo anniversario della morte di Gilles Villeneuve, una figura capace…

Read More

8 maggio 1982 – 8 maggio 2022. Quarant’anni sono passati dal giorno in cui dicemmo addio a Gilles Villeneuve.  Quaranta è un numero pesante, è quattro volte il peso di un decennio, l’unità di misura delle carriere – non della sua, però – e delle storie d’amore più durature, come quella che lo lega ai suoi tifosi, ma che solo questi ultimi,a differenza sua, possono ricordare. Quaranta è l’età dei bilanci, è il dolce peso di guardare indietro e vedere gli anni che si stanno trasformando in storia; anni che lui non ha mai compiuto,  ma una storia, la sua,…

Read More

Benvenuti al dibattito post Gran Premio Col Titolo Più Lungo Del Campionato (perché noi, in Italia, non ci si limita), altrimenti meglio noto come Gran Premio Del Chi Troppo Vuole Nulla Stringe Vieppiù In Casa (perché noi, in Italia, non ci si limita) e passato alla storia come Gran Premio Del Trionfo Delle Solite Storie E Delle Magre Figure (perché noi, in Italia, non ci si limita). Noi, in Italia, non ci si limita: partiamo da qui, da un anacoluto, da un costrutto atavico e ricorrente nella nostra magnifica lingua, succosa e stratificata come una lasagna romagnola.  Abbiamo una lingua magnifica,…

Read More

Non mi piace iniziare il Campionato in una località anonima e intercambiabile. Non mi piace la retorica del predestinato. Non mi piace l’epifania del “Charles Leclerc 2.0”. Non mi piace la laudatio funebris di vecchi e nuovi dominatori dopo sole tre gare. Non mi piace il “Grande Slam”. Bene, ora che ho scritto chiaramente cosa non mi piace, mi sento pronta a scrivere cosa, invece, mi è piaciuto e continua a piacermi fino a ora, a valle del Gran Premio d’Australia.  Comincerò dal Gran Premio d’Australia, dalla terra che ha dato al mondo delle corse la Tasman Cup e Black…

Read More

A proposito del Gran Premio di Arabia Saudita, andato in scena a Jeddah nello scorso weekend, che ha visto l’affermazione di Max Verstappen dopo un serratissimo duello con Charles Leclerc, l’Équipe titola così in copertina: “Les rois du pétrole”. A ben vedere, sono proprio i re del petrolio i veri protagonisti della gara. Re senza corona ma con molte prerogative, che possiamo identificare in molti modi, a seconda del punto di vista che vogliamo adottare. Ai re del petrolio appartengono le mani di chi orchestra un evento come un Gran Premio, tanto lunghe da riuscire a farsi spazio in calendario…

Read More

E’ appena iniziato il Campionato di F1 2022 ma l’eco della chiusura della scorsa stagione è giunto fino al Bahrain GP dalla vicina Abu Dhabi, allorché la FIA ha reso pubblica la circolare con le conclusioni circa l’ultima, discussa gara dello scorso Campionato. E dunque se ne parla ancora? Sembrava ci fosse alle porte una nuova stagione, nuova in tutto e per tutto: nuovo iridato, nuove regole, nuove macchine, nuova perfino la – deliziosamente illeggibile – grafica tv; tuttavia attraverso le dune del deserto il vento sembrava cantare la canzone stonata della vecchia. Forse sarà perché nell’uniformità sabbiosa del deserto…

Read More